Addio a Monica Bonetto

Monica Bonetto in Malevolevabene
Monica Bonetto in Malevolevabene

In questi ultimi anni ho conosciuto tanti artisti. Tanti presunti tali, forse davvero troppi.
Troppo spesso presuntuosi. Troppo spesso convinti di avere la verità in mano.
Troppo facili a falsi sproloqui e poveri di tutto il resto.
E ho capito che per me l’essere “artista” deve iniziare molto prima di salire sul palcoscenico.
Molto prima dei cachet, delle repliche, degli applausi.
Molto distante dalle finzioni e dalla spocchia imperante.

Monica Bonetto era prima di tutto una donna.
Ed era intelligente. Colta. Preparata. Una donna dolce e forte.
I suoi spettacoli erano piccole perle nate da un lungo pensare, da un approfondito studiare.
Per questo arrivavano al cuore. Dritti lì. Senza inganno.

Perderla è un dolore immenso. Per me è il dolore di non poter più chiacchierare con un’amica, confrontarmi, ed imparare.
Perché trovare belle persone oggi è davvero raro, e Monica era un esempio di coerenza e trasparenza.

Ci mancherai tanto.

Monica Bonetto ci ha lasciato ieri, 19 aprile 2017 alle 17.30, a soli 53 anni.
Sue erano le voci di tanti famosi cartoon, ma anche di personaggi del cinema e di serie tv… Al lavoro da doppiatrice affiancava quello di attrice teatrale e drammaturga. Nella foto la vediamo in scena in “Malevolevabene”, realizzato insieme al compagno Stefano dell’Accio per il loro Comunque Polonio Era Malato Teatro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *