Krapp's Last Post | Teatro tra le nuvole

Friday
Apr 25th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Archivio video Il Beckett di Wilson sul volto e nelle parole di Adriana Asti

Il Beckett di Wilson sul volto e nelle parole di Adriana Asti

E-mail PDF

Adriana AstiLa luce blu di A. J. Weissbard di tanto in tanto tiepidamente si riscalda o si raffredda. Notte o giorno che sia, il tempo resta immobile, come lei, conficcata nella terra, ferma, a squadrare parole senza senso in un vivere statico e consumato.

Il volto di Winnie, bianco cadavere quasi, o maschera di teatro giapponese, con un trucco che comunque la aliena dall’umano. Ma lo spettacolo è tutto lì. Su quel volto. Che è quello di Adriana Asti.  
L’attrice torna a "Giorni felici" di Samuel Beckett (1961) dopo quasi 25 anni, visto che nel 1985 la sua Winnie, infilata in una gigantesca clessidra e in lotta con il tempo e la sabbia che le sfuggivano sotto i piedi, fu diretta da Mario Missiroli. Questa versione del testo porta invece la firma di Bob Wilson, per una produzione della Change Performing Arts commissionata dal 52° Festival dei Due Mondi di Spoleto e Grand Théâtre de Luxembourg, e prodotto da CRT Artificio.

In uno dei primi interventi a commento dello spettacolo, l’attrice aveva dichiarato che in Winnie rivedeva sua madre “una signora interrata nel parquet del suo salotto. Parla incessantemente con un marito che invece legge il giornale e non l'ascolta. Di queste Winnie è pieno il mondo occidentale... sono lì, sepolte nel loro vuoto esistenziale e, per trovarle, non è necessario andare tanto lontano”.

Lei, invece, forse per reazione familiare o chissà, ha frequentato tutt'altro salotto, quello del teatro e del cinema mondiale, in perenne movimento. La sua grande passione per la recitazione l’ha portata a fianco di grandissimi, da Bernardo Bertolucci (di cui è stata anche moglie) a Strehler, da Visconti a Buñuel. E per la tv, tra gli altri, con Marco Tullio Giordana qualche anno fa ne "La meglio gioventù".
Ha dato voce come doppiatrice a numerose attrici, anche italiane, per celebri pellicole. In verità è uno di quei personaggi che sono la storia della scena italiana dagli anni Sessanta ad oggi: difficile, quindi, aggiungere qualcosa ad un'opera senza tempo. Come senza tempo, di età indefinita, l’esatto opposto di quella di Missiroli, è la Winnie di Wilson. Un archetipo universale che la Asti interpreta con dedizione straordinaria. Gli occhi del pubblico sono tutti fissi sul suo volto, sui suoi occhi sgranati, sulle sue labbra truccate quasi da clown, Pierrot dell’incomunicabilità femminile.

Sul palco del Donizetti di Bergamo, teatro storico della scena nazionale, la intervistiamo al centro del palcoscenico, subito dopo lo spettacolo. Lei è seduta su una sedia, minuta, dopo esserci sembrata gigante in cima al vulcano che occupa la scena per tutto lo spettacolo. Sgrana gli occhi e celebra una storia di cui lei è protagonista. Infaticabile ed eterea, elegante signora del teatro, come sempre meno ce ne sono.

Hits: 3747

Commenti (1)


Leggi i commenti Nuovo commento

busy
 

Post correlati


Theatrends - Scopri gli hashtag del giorno

Last Seen

 

Interno5 e le ombre della ribalta

In proscenio, su una superficie composta da frammenti di vetro, in mezzo ad arbusti, ci ac...

 

Himmelweg. Il ritorno di Dall’Aglio all'Olocausto

A trent'anni dal debutto de “L'istruttoria” di Peter Weiss, Gigi Dall'Aglio torna ad a...

 

Di inondazioni e tempeste. Ouramdane e il mondo Sfumato

In “Sfumato” (il riferimento è alla tecnica pittorica) Ouramdane, per fissare meglio...

 

Mariangela D’Abbraccio, l’altra faccia di Marilyn

Delicata e raggiungibile questa Marilyn interiore, meno civettuola rispetto all’immagina...

 

La doppia Metamorfosi di Cuocolo/Bosetti

Sul fondo è montata la grande scala metallica che i tecnici usano per fare i puntamenti d...

Instagram


Facebook Twitter Google Bookmarks RSS Feed 

Video

 

Le relazioni pericolose di Valter Malosti. L'intervista

 

Angela Baraldi: il teatro, la musica e le mie tante anime

 

La merda. Inno di una nazione che muore

Si cavalca il malcontento generale ma con grande maestria: la partitura vocale affidata a ...