Krapp's Last Post | Teatro tra le nuvole

Wednesday
May 27th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Archivio video Il Beckett di Wilson sul volto e nelle parole di Adriana Asti

Il Beckett di Wilson sul volto e nelle parole di Adriana Asti

E-mail PDF

Adriana AstiLa luce blu di A. J. Weissbard di tanto in tanto tiepidamente si riscalda o si raffredda. Notte o giorno che sia, il tempo resta immobile, come lei, conficcata nella terra, ferma, a squadrare parole senza senso in un vivere statico e consumato.

Il volto di Winnie, bianco cadavere quasi, o maschera di teatro giapponese, con un trucco che comunque la aliena dall’umano. Ma lo spettacolo è tutto lì. Su quel volto. Che è quello di Adriana Asti.  
L’attrice torna a "Giorni felici" di Samuel Beckett (1961) dopo quasi 25 anni, visto che nel 1985 la sua Winnie, infilata in una gigantesca clessidra e in lotta con il tempo e la sabbia che le sfuggivano sotto i piedi, fu diretta da Mario Missiroli. Questa versione del testo porta invece la firma di Bob Wilson, per una produzione della Change Performing Arts commissionata dal 52° Festival dei Due Mondi di Spoleto e Grand Théâtre de Luxembourg, e prodotto da CRT Artificio.

In uno dei primi interventi a commento dello spettacolo, l’attrice aveva dichiarato che in Winnie rivedeva sua madre “una signora interrata nel parquet del suo salotto. Parla incessantemente con un marito che invece legge il giornale e non l'ascolta. Di queste Winnie è pieno il mondo occidentale... sono lì, sepolte nel loro vuoto esistenziale e, per trovarle, non è necessario andare tanto lontano”.

Lei, invece, forse per reazione familiare o chissà, ha frequentato tutt'altro salotto, quello del teatro e del cinema mondiale, in perenne movimento. La sua grande passione per la recitazione l’ha portata a fianco di grandissimi, da Bernardo Bertolucci (di cui è stata anche moglie) a Strehler, da Visconti a Buñuel. E per la tv, tra gli altri, con Marco Tullio Giordana qualche anno fa ne "La meglio gioventù".
Ha dato voce come doppiatrice a numerose attrici, anche italiane, per celebri pellicole. In verità è uno di quei personaggi che sono la storia della scena italiana dagli anni Sessanta ad oggi: difficile, quindi, aggiungere qualcosa ad un'opera senza tempo. Come senza tempo, di età indefinita, l’esatto opposto di quella di Missiroli, è la Winnie di Wilson. Un archetipo universale che la Asti interpreta con dedizione straordinaria. Gli occhi del pubblico sono tutti fissi sul suo volto, sui suoi occhi sgranati, sulle sue labbra truccate quasi da clown, Pierrot dell’incomunicabilità femminile.

Sul palco del Donizetti di Bergamo, teatro storico della scena nazionale, la intervistiamo al centro del palcoscenico, subito dopo lo spettacolo. Lei è seduta su una sedia, minuta, dopo esserci sembrata gigante in cima al vulcano che occupa la scena per tutto lo spettacolo. Sgrana gli occhi e celebra una storia di cui lei è protagonista. Infaticabile ed eterea, elegante signora del teatro, come sempre meno ce ne sono.

Hits: 4420

Commenti (1)


Leggi i commenti Nuovo commento

busy
 

Post correlati


Festival delle Colline Torinesi
Progetto Jet Propulsion Theatre
Venerdì 29 maggio - Torino, Teatro Giulia di Barolo

Last Seen

 

Ferdinando Bruni, demiurgo di una Tempesta da riscoprire

Una gabbia da cui pende un uovo fa da bacino per Miranda, mentre Ferdinando prende vita da...

 

La bisbetica domata di Factory. Ma a che prezzo?

Divisa in cinque atti, scritti sia in versi che in prosa, e proposta in rima da Francesco...

 

Der Park. Stein e Shakespeare nel labirinto di Botho Strauss

Lo spettacolo si apre con un enorme sipario sullo sfondo dal quale è uscita Helen, modern...

 

Preghiera: Phoebe Zeitgeist e il morbo come sacra rappresentazione

L’atmosfera è propizia all’inquietudine. L’incertezza è il più massacrante dei co...

 

Nazionalpopolare a chi? Serena Sinigaglia da Gramsci al gossip

Un teatro “Nazionalpopolare” nel senso più comune del termine: è forse questa la fro...

 

N.E.R.D.s Foto di famiglia con fantasmi, rabbie e gelosie

Questo intreccio di legami (s)legati andrà avanti per circa un’ora, in una guerra contr...

 

Pa|Ethos. L'ontologia danzata di Sang Jijia, tra oriente e occidente

Il primo gruppo di danzatori (una decina di elementi vestiti di grigio) riempie la scena e...

 

After the end. La black comedy di Kelly secondo Alraune Teatro

Mark vorrebbe essere desiderato da Louise, così tanto che non avendo sentito il suo desid...

Facebook Twitter Google Bookmarks RSS Feed 

Video

 

Cosa resterà di Čechov: videointervista a Carmen Giordano e Renzo Rubino

Il secondo movimento di questa sorta di polittico informale è andato in scena a Milano ne...

 

IETM 2015. Voci e immagini dal meeting di Bergamo

Più di 600 rappresentanti di strutture teatrali di tutto il mondo hanno così riempito i ...

 

Il Magazzino 18 di Simone Cristicchi: tra i conflitti della storia

Per Cristicchi, una furba operazione politica, una faziosa strumentalizzazione o un capola...

 

Ero. L'abbraccio intimo di César Brie

Lo abbiamo incontrato a Milano dopo una replica del suo ultimo spettacolo, “Ero”, curi...

 

Tra i desideri spirituali di Milena Costanzo. Videointervista

Negli ultimi due anni, oltre all’attività della compagnia, ha portato avanti un partico...

 

Luoghi Comuni dal mondo. Il teatro internazionale s'incontra a Bergamo

Come nelle edizioni precedenti del festival, presentato ieri in conferenza stampa, ci sar...