Krapp's Last Post | Teatro tra le nuvole

Saturday
Nov 01st
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Recensioni 2010 L’isteria del corpo nella danza liberatrice di Platel

L’isteria del corpo nella danza liberatrice di Platel

E-mail PDF

Alain Platel - Out of contextIn “Out of context”, ultima creazione di Alain Platel, la scena è semplice, svuotata, le luci e i costumi essenziali. Nove i danzatori in scena, nove virtuosi della danza, come ama affermare lo stesso Platel, nove professionisti che, da cinque anni, lavorano in simbiosi con il coreografo belga e si presentano sulla scena con semplicità, spogliandosi degli abiti 'civili' per cominciare a ballare, così da esprimere attraverso il corpo le loro emozioni.

Lo spettacolo, come racconta lo stesso Platel alla fine della rappresentazione, “nasce dall’improvvisazione dei danzatori; non c’è in “Out of context” un tema dominante, tutto inizia e finisce dal corpo. Ho chiesto loro di immaginare, e quindi poi di interpretare, la nascita di una giraffa. Tutto è cominciato da lì”.

Il lavoro di Platel, minuzioso e preciso, si sofferma moltissimo sul gesto e su tutti i suoi possibili significati. Il gesto è malato, schizofrenico, convulso; i corpi sono soli ma cercano altri corpi, metafora di un mondo malato che sfugge. Il corpo è in uno stato di isteria, ma l’isteria è vista non come una patologia ma come l’espressione di una ipersensibilità di fronte alla vita.
Dove mancano le parole per esprimere il nostro mondo affettivo interiore, il corpo si sostituisce. E la danza probabilmente ha sempre avuto questa funzione: la volontà e la necessità di tradurre fisicamente dei sentimenti troppo forti.

Lo spettacolo è così il risultato di una esplosione di emozioni, che trovano libertà sulla scena attraverso il corpo dei nove bravissimi danzatori, la cui forza è di distinguersi attraverso le specificità fisiche ed espressive. Il lavoro di improvvisazione regala al pubblico nove possibili interpretazioni dei sentimenti umani, dall’infelicità all’angoscia, dalla gioia alla nevrosi, in un percorso di vita che va indietro nel tempo, dalla nascita alla preistoria, alla ricerca delle nostre radici, e si sofferma con scrupolo in un quid tra l’uomo e l’animale, in uno spazio immaginario armonico che va al di là del bene e male, del brutto e del bello, di individuo e società. È qualcosa di più.  

La forza di “Out of context”, omaggio postumo a Pina Bausch, sta nelle idee e nel coraggio del suo ideatore. Platel mostra di non aver paura di ricercare qualcosa d’altro, e quando non si ha paura di scavare, si ha anche il coraggio di prendersi in giro: far ballare per venti minuti i nove virtuosi della scena con la musica disco anni Settanta o far interpretare “Aicha” ad uno dei danzatori potrebbe sembrare un sacrilegio a molti, e soprattutto un'occasione sprecata. Eppure in “Out of Context” il fuori programma è spassoso quanto geniale. Il pubblico resta incantato da tanta energia e bravura. Oltre la danza.
 


Out of context – for Pina
ideazione e regia: Alain Platel
danza e creazione: Elie Tass, Emile Josse, Hyo Seung Ye, Kaori Ito, Mathieu Desseigne Ravel, Mélanie Lomoff, Romeu Runa, Rosalba Torres Guerrero, Ross McCormack
drammaturgia: Hildegard De Vuyst
assistente alla regia: Sara Vanderieck
costumi: Dorine Demuynck  
suono e musiche elettroniche: Sam Serruys
luci: Carlo Bourguignon  
regia suono: Bart Uyttersprot
prodotto da les ballets C de la B.
durata: 1h 30’
applausi del pubblico: 4’ 40’’

Visto a Divonne-les-bains (Francia), L’Esplanade du Lac, il 13 settembre 2010

Hits: 2248

Commenti (0)


Leggi i commenti Nuovo commento

busy
 

Post correlati


Next - Milano, 10-13 novembre
Danae Festival

Last Seen

 

Il giardino: VerandaRabbit tra giallo e psicanalisi

“Il giardino” trae spunto da un’orribile vicenda di cronaca: la storia di una signor...

 

A cena con Copi. E' La Tour de la Défense

C'è chi ha messo la cravatta, chi indossa i tacchi alti e chi probabilmente ha fatto un s...

 

Darling. Uccidere i cari(ni) secondo ricci/forte

Ricci/Forte ci tengono a farci vedere che del galateo, impiegato a più riprese come metaf...

 

Due destini: Marta Cuscunà e la magia delle marionette da polso

La scenografia è tripartita.

 

Tandy. Il miracolo nero di Angélica Liddell

Sul fondale è indicato fin dall'inizio - una scritta luminosa montata su una sorta di tra...

 

Meng Jinghui. Quando i rinoceronti si innamorano a Torino

Meng Jinghui ci fa entrare nella sua vita attraverso una combinazione perfetta di estetica...

Facebook Twitter Google Bookmarks RSS Feed 

Video

 

Simona Bertozzi & Enrico Pitozzi. Videointervista Magnetica sulla 'bella danza'

Sei intensi giorni di lavoro tra pratica e teoria, strettamente connesse e interdipendenti...

 

Creare sogni di libertà. I 50 anni dell'Odin Teatret, dal Salento a Milano

 

Michele Losi: future prospettive su Esperidi e Brianza

 

Sharon Fridman: le verità del corpo per riscoprire le nostre radici. Videointervista

Le une e le altre, estranee, hanno condiviso uno spazio, un tempo e un luogo, sia geografi...

 

Pergine Spettacolo Aperto, un quarantenne contemporaneo

 

Emma Dante: il teatro e la morte. Intervista