Krapp's Last Post | Teatro tra le nuvole

Wednesday
Mar 04th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Recensioni 2010 L’isteria del corpo nella danza liberatrice di Platel

L’isteria del corpo nella danza liberatrice di Platel

E-mail PDF

Alain Platel - Out of contextIn “Out of context”, ultima creazione di Alain Platel, la scena è semplice, svuotata, le luci e i costumi essenziali. Nove i danzatori in scena, nove virtuosi della danza, come ama affermare lo stesso Platel, nove professionisti che, da cinque anni, lavorano in simbiosi con il coreografo belga e si presentano sulla scena con semplicità, spogliandosi degli abiti 'civili' per cominciare a ballare, così da esprimere attraverso il corpo le loro emozioni.

Lo spettacolo, come racconta lo stesso Platel alla fine della rappresentazione, “nasce dall’improvvisazione dei danzatori; non c’è in “Out of context” un tema dominante, tutto inizia e finisce dal corpo. Ho chiesto loro di immaginare, e quindi poi di interpretare, la nascita di una giraffa. Tutto è cominciato da lì”.

Il lavoro di Platel, minuzioso e preciso, si sofferma moltissimo sul gesto e su tutti i suoi possibili significati. Il gesto è malato, schizofrenico, convulso; i corpi sono soli ma cercano altri corpi, metafora di un mondo malato che sfugge. Il corpo è in uno stato di isteria, ma l’isteria è vista non come una patologia ma come l’espressione di una ipersensibilità di fronte alla vita.
Dove mancano le parole per esprimere il nostro mondo affettivo interiore, il corpo si sostituisce. E la danza probabilmente ha sempre avuto questa funzione: la volontà e la necessità di tradurre fisicamente dei sentimenti troppo forti.

Lo spettacolo è così il risultato di una esplosione di emozioni, che trovano libertà sulla scena attraverso il corpo dei nove bravissimi danzatori, la cui forza è di distinguersi attraverso le specificità fisiche ed espressive. Il lavoro di improvvisazione regala al pubblico nove possibili interpretazioni dei sentimenti umani, dall’infelicità all’angoscia, dalla gioia alla nevrosi, in un percorso di vita che va indietro nel tempo, dalla nascita alla preistoria, alla ricerca delle nostre radici, e si sofferma con scrupolo in un quid tra l’uomo e l’animale, in uno spazio immaginario armonico che va al di là del bene e male, del brutto e del bello, di individuo e società. È qualcosa di più.  

La forza di “Out of context”, omaggio postumo a Pina Bausch, sta nelle idee e nel coraggio del suo ideatore. Platel mostra di non aver paura di ricercare qualcosa d’altro, e quando non si ha paura di scavare, si ha anche il coraggio di prendersi in giro: far ballare per venti minuti i nove virtuosi della scena con la musica disco anni Settanta o far interpretare “Aicha” ad uno dei danzatori potrebbe sembrare un sacrilegio a molti, e soprattutto un'occasione sprecata. Eppure in “Out of Context” il fuori programma è spassoso quanto geniale. Il pubblico resta incantato da tanta energia e bravura. Oltre la danza.
 


Out of context – for Pina
ideazione e regia: Alain Platel
danza e creazione: Elie Tass, Emile Josse, Hyo Seung Ye, Kaori Ito, Mathieu Desseigne Ravel, Mélanie Lomoff, Romeu Runa, Rosalba Torres Guerrero, Ross McCormack
drammaturgia: Hildegard De Vuyst
assistente alla regia: Sara Vanderieck
costumi: Dorine Demuynck  
suono e musiche elettroniche: Sam Serruys
luci: Carlo Bourguignon  
regia suono: Bart Uyttersprot
prodotto da les ballets C de la B.
durata: 1h 30’
applausi del pubblico: 4’ 40’’

Visto a Divonne-les-bains (Francia), L’Esplanade du Lac, il 13 settembre 2010

Hits: 2487

Commenti (0)


Leggi i commenti Nuovo commento

busy
 

Post correlati


Megalopolis # 43 - Instabili Vaganti @ Roma, Teatro Due, 17-19 marzo
Sapevo esattamente cosa fosse l'amore prima d'innamorarmi - Macelleria Ettore @ Teatro Litta, Milano - 5-8 marzo

Il Calendario di KLP

Last Seen

 

Il “Malato” di Shammah scava nelle nostre ipocondrie

Argante giostra, schermaglia, maramaldeggia. È il centro della scena. Gioele Dix esula da...

 

L'Ivanov di Cechov. O il bello di vivere per Filippo Dini

Nicolaj Ivanov, interpretato dallo stesso Filippo Dini, è un uomo “superfluo”, alle p...

 

La serra di Pinter: autorità e potere secondo Marco Plini

Attraverso le interazioni tra lo staff medico della struttura di reclusione, diretta dall...

 

Furia avicola. L'apocalisse mondana di Spregelburd

Vien da chiedersi se nella foto (scattata dalla traduttrice e co-regista Manuela Cherubini...

 

Figli d’Arte Cuticchio: la pazzia di Orlando fra tradizione e innovazione

Del resto è lo stesso Cuticchio ad affermare che «la pazzia di Orlando, uno dei capitoli...

 

La Sicilia di Quartiatri, tutta da scoprire

Pino compare in sogno al cugino Tonino per raccontargli come vive, per tranquillizzare i f...

Facebook Twitter Google Bookmarks RSS Feed 

Video

 

Luca Radaelli e il suo Invito al teatro popolare di ricerca. Intervista

 

Amanti delle figure. Intervista a Teatrino Giullare

Conosciamo da molto tempo Teatrino Giullare, alias Giulia Dall'Ongaro ed Enrico Deotti, fi...

 

10 anni di Piccola Compagnia della Magnolia. Intervista a Giorgia Cerruti

 

Aurélia Thierrée Chaplin: ogni sera è una scommessa, nonostante questi due cognomi in eredità

 

Marco Baliani: raccontare la Storia per riflettere. Videointervista

 

Ritorno a Pascoli con gli Aquiloni di Paolo Poli. Intervista

I paesaggi del grande artista ligure salgono e scendono mentre davanti, in scena, un grupp...