Krapp's Last Post | Teatro tra le nuvole

Wednesday
May 06th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Recensioni 2010 L’isteria del corpo nella danza liberatrice di Platel

L’isteria del corpo nella danza liberatrice di Platel

E-mail PDF

Alain Platel - Out of contextIn “Out of context”, ultima creazione di Alain Platel, la scena è semplice, svuotata, le luci e i costumi essenziali. Nove i danzatori in scena, nove virtuosi della danza, come ama affermare lo stesso Platel, nove professionisti che, da cinque anni, lavorano in simbiosi con il coreografo belga e si presentano sulla scena con semplicità, spogliandosi degli abiti 'civili' per cominciare a ballare, così da esprimere attraverso il corpo le loro emozioni.

Lo spettacolo, come racconta lo stesso Platel alla fine della rappresentazione, “nasce dall’improvvisazione dei danzatori; non c’è in “Out of context” un tema dominante, tutto inizia e finisce dal corpo. Ho chiesto loro di immaginare, e quindi poi di interpretare, la nascita di una giraffa. Tutto è cominciato da lì”.

Il lavoro di Platel, minuzioso e preciso, si sofferma moltissimo sul gesto e su tutti i suoi possibili significati. Il gesto è malato, schizofrenico, convulso; i corpi sono soli ma cercano altri corpi, metafora di un mondo malato che sfugge. Il corpo è in uno stato di isteria, ma l’isteria è vista non come una patologia ma come l’espressione di una ipersensibilità di fronte alla vita.
Dove mancano le parole per esprimere il nostro mondo affettivo interiore, il corpo si sostituisce. E la danza probabilmente ha sempre avuto questa funzione: la volontà e la necessità di tradurre fisicamente dei sentimenti troppo forti.

Lo spettacolo è così il risultato di una esplosione di emozioni, che trovano libertà sulla scena attraverso il corpo dei nove bravissimi danzatori, la cui forza è di distinguersi attraverso le specificità fisiche ed espressive. Il lavoro di improvvisazione regala al pubblico nove possibili interpretazioni dei sentimenti umani, dall’infelicità all’angoscia, dalla gioia alla nevrosi, in un percorso di vita che va indietro nel tempo, dalla nascita alla preistoria, alla ricerca delle nostre radici, e si sofferma con scrupolo in un quid tra l’uomo e l’animale, in uno spazio immaginario armonico che va al di là del bene e male, del brutto e del bello, di individuo e società. È qualcosa di più.  

La forza di “Out of context”, omaggio postumo a Pina Bausch, sta nelle idee e nel coraggio del suo ideatore. Platel mostra di non aver paura di ricercare qualcosa d’altro, e quando non si ha paura di scavare, si ha anche il coraggio di prendersi in giro: far ballare per venti minuti i nove virtuosi della scena con la musica disco anni Settanta o far interpretare “Aicha” ad uno dei danzatori potrebbe sembrare un sacrilegio a molti, e soprattutto un'occasione sprecata. Eppure in “Out of Context” il fuori programma è spassoso quanto geniale. Il pubblico resta incantato da tanta energia e bravura. Oltre la danza.
 


Out of context – for Pina
ideazione e regia: Alain Platel
danza e creazione: Elie Tass, Emile Josse, Hyo Seung Ye, Kaori Ito, Mathieu Desseigne Ravel, Mélanie Lomoff, Romeu Runa, Rosalba Torres Guerrero, Ross McCormack
drammaturgia: Hildegard De Vuyst
assistente alla regia: Sara Vanderieck
costumi: Dorine Demuynck  
suono e musiche elettroniche: Sam Serruys
luci: Carlo Bourguignon  
regia suono: Bart Uyttersprot
prodotto da les ballets C de la B.
durata: 1h 30’
applausi del pubblico: 4’ 40’’

Visto a Divonne-les-bains (Francia), L’Esplanade du Lac, il 13 settembre 2010

Hits: 2556

Commenti (0)


Leggi i commenti Nuovo commento

busy
 

Post correlati


Progetto Jet Propulsion Theatre

Il Calendario di KLP

Last Seen

 

Le Lady Macbeth di Simona Bucci non rubano l'anima

All’inizio le danzatrici sono streghe che nascono dal buio, movenze ferine rese più mis...

 

Alice disambientata: Ilaria Dalle Donne esce allo scoperto, ma non cade nel buco

Lottare contro l'ombra di sé stessi, prendere a pugni, invano, i convenuti. Ci si prepara...

 

Cendrillon. Se a sconvolgere Cenerentola è Joël Pommerat

Pur conoscendo la storia a memoria, di fronte allo spettacolo di Pommerat si resta sospesi...

 

Nella Sweet Home Europa di Carnevali: questa è Casa nostra

In modo allusivo capiamo che l’Uomo apparterrebbe alla sponda europea del Mediterraneo, ...

 

N.N. I Figli di nessuno nelle generazioni di Teatro i

Al primo atto del trittico di Garolla sono poi seguiti altri due testi, “Solo di Me - Se...

 

A Milano Elena Russo Arman è Emily Dickinson tra parole e musica

Il rock venato di punk di Novaga, ora delicato, ora aspro e ruggente, è il nudo contrappu...

 

Sieni nelle Pieghe del corpo, da Pasolini a tutti noi

Fanno da contrappunto alla potenza del coro il cui respiro permea lo spazio, passando dagl...

 

Amletò. Con Giancarlo Sepe Shakespeare si rifugia a Parigi

Sull’esempio collodiano servirebbe una fata, e al principe danese si palesa anche nelle ...

Facebook Twitter Google Bookmarks RSS Feed 

Video

 

Cosa resterà di Čechov: videointervista a Carmen Giordano e Renzo Rubino

Il secondo movimento di questa sorta di polittico informale è andato in scena a Milano ne...

 

Il Magazzino 18 di Simone Cristicchi: tra i conflitti della storia

Per Cristicchi, una furba operazione politica, una faziosa strumentalizzazione o un capola...

 

Ero. L'abbraccio intimo di César Brie

Lo abbiamo incontrato a Milano dopo una replica del suo ultimo spettacolo, “Ero”, curi...

 

Tra i desideri spirituali di Milena Costanzo. Videointervista

Negli ultimi due anni, oltre all’attività della compagnia, ha portato avanti un partico...

 

Luoghi Comuni dal mondo. Il teatro internazionale s'incontra a Bergamo

Come nelle edizioni precedenti del festival, presentato ieri in conferenza stampa, ci sar...

 

Luca Radaelli e il suo Invito al teatro popolare di ricerca. Intervista