Krapp's Last Post | Teatro tra le nuvole

Thursday
May 28th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Archivio video Dalla crisi alla famiglia, le provocazioni di Animanera. Videointervista

Dalla crisi alla famiglia, le provocazioni di Animanera. Videointervista

E-mail

Krisis - AnimaneraLa prima volta che abbiamo visto Animanera all’opera è stato alcuni anni fa, all’Atir Ringhiera di Milano, in occasione di una rassegna su erotismo e teatro che ha fatto epoca (e scuola).
Dopo essere stato accolto da una drag queen spennacchiata e una sirenetta oversize, ero finito in un androne dove un San Sebastiano veniva trafitto da angioletti gay e, in men che non si dica, mi ero ritrovato su un lettino, in un budoir allestito ad arte. Qui un narratore dallo sguardo equivoco mi carezzava le cosce, lenendomi con le sue memorie brevi.

Si trattava di "Try Creampie!", la provocatoria performance voluta da Sgarbi a Palazzo Reale di Milano, replicata poi con successo in molti altri luoghi. Un’esperienza, non c’è che dire: tanto spaesante che Antonio Calbi, in occasione della presentazione del recente e notevole volume “Milano Città e Spettacolo”, da lui curato, ha voluto riproporre per alcuni dei presenti l’opportunità di fruire dell’esperienza eretico/erotico barocca.

Abbiamo poi parlato di loro altre volte, incontrandoli ad Edimburgo fra le compagnie sostenute da Etre. Ricordo dopo il loro “Orfunny” (che raccontava di una coppia di giovani, fratello e sorella nella loro vita e nel loro rapporto familiare fallimentare, quasi incestuoso) di aver lasciato in un parco, complice Natascia Curci, la sagoma dell’attrice sdraiata sull’asfalto di un vialetto della capitale scozzese, con l'aiuto degli amici delle altre compagnie presenti. Eravamo giovani e spericolati!

Ma Animanera ha continuato a indagare sul tema della famiglia, fino ad arrivare a quel “Fine famiglia” che ha riscosso consensi unanimi, presentato al milanese Pim di via Tertulliano prima del trasloco, e della nascita del Pim Off, dove comunque Animanera ha mantenuto la residenza come compagnia appartente al progetto Fondazione Cariplo, sviluppando un percorso di ricerca che ha sempre affrontato temi sociali con coraggio e senza ambiguità, anche col rischio di un esito magari infelice, piuttosto che tacendo il proprio punto di vista e tralasciando la linea estetica da sempre provocatoria e coraggiosa.

Dopo “Fine famiglia” e una serie di spettacoli sul tema della crisi e del terrorismo, siamo ora al debutto del secondo capitolo della saga familiare ("Senza famiglia. La rivoluzione comincia a casa"), che andrà in scena al Crt Salone di Milano fino al 22 gennaio e che anche Klp seguirà.
Un lavoro che ripropone l’abbinata drammaturgo/regista fra Magdalena Barile e Aldo Cassano, e che riporta in scena Matteo Barbè, Natascia Curci, Giovanni Franzoni, Nicola Stravalaci e Debora Zuin, già protagonisti del primo brillante episodio della micro-saga sull’universo familiare.

Approfittiamo di questa concomitanza per tirar fuori dai polverosi archivi di Krapp un’intervista di qualche tempo fa, così da raccontarvi la compagnia. Si tratta di un incontro realizzato dopo una replica di "Krisis", spettacolo sui tempi della crisi: un cabaret tragicomico che non mancava di trascinare lo spettatore nel gorgo dell’essere vittime e carnefici, partecipanti e al contempo officianti di un rito pagano.

Hits: 2200

Commenti (0)


Leggi i commenti Nuovo commento

busy
 

Post correlati


Festival delle Colline Torinesi
Progetto Jet Propulsion Theatre
Venerdì 29 maggio - Torino, Teatro Giulia di Barolo

Last Seen

 

Arturo Cirillo tra le coppie borghesi di Edward Albee, fin troppo reali

Gli anni si trascinano tra alcol, liti e routine. Lei e lui: incapaci di vivere, insieme o...

 

Ferdinando Bruni, demiurgo di una Tempesta da riscoprire

Una gabbia da cui pende un uovo fa da bacino per Miranda, mentre Ferdinando prende vita da...

 

La bisbetica domata di Factory. Ma a che prezzo?

Divisa in cinque atti, scritti sia in versi che in prosa, e proposta in rima da Francesco...

 

Der Park. Stein e Shakespeare nel labirinto di Botho Strauss

Lo spettacolo si apre con un enorme sipario sullo sfondo dal quale è uscita Helen, modern...

 

Preghiera: Phoebe Zeitgeist e il morbo come sacra rappresentazione

L’atmosfera è propizia all’inquietudine. L’incertezza è il più massacrante dei co...

 

Nazionalpopolare a chi? Serena Sinigaglia da Gramsci al gossip

Un teatro “Nazionalpopolare” nel senso più comune del termine: è forse questa la fro...

 

N.E.R.D.s Foto di famiglia con fantasmi, rabbie e gelosie

Questo intreccio di legami (s)legati andrà avanti per circa un’ora, in una guerra contr...

 

Pa|Ethos. L'ontologia danzata di Sang Jijia, tra oriente e occidente

Il primo gruppo di danzatori (una decina di elementi vestiti di grigio) riempie la scena e...

Facebook Twitter Google Bookmarks RSS Feed 

Video

 

Cosa resterà di Čechov: videointervista a Carmen Giordano e Renzo Rubino

Il secondo movimento di questa sorta di polittico informale è andato in scena a Milano ne...

 

IETM 2015. Voci e immagini dal meeting di Bergamo

Più di 600 rappresentanti di strutture teatrali di tutto il mondo hanno così riempito i ...

 

Il Magazzino 18 di Simone Cristicchi: tra i conflitti della storia

Per Cristicchi, una furba operazione politica, una faziosa strumentalizzazione o un capola...

 

Ero. L'abbraccio intimo di César Brie

Lo abbiamo incontrato a Milano dopo una replica del suo ultimo spettacolo, “Ero”, curi...

 

Tra i desideri spirituali di Milena Costanzo. Videointervista

Negli ultimi due anni, oltre all’attività della compagnia, ha portato avanti un partico...

 

Luoghi Comuni dal mondo. Il teatro internazionale s'incontra a Bergamo

Come nelle edizioni precedenti del festival, presentato ieri in conferenza stampa, ci sar...