Archivi Teatrali in Rete: cataloghi in digitale

Archivi in Rete

Immagine tratta da Archivi in Rete

E’ nato da poco, ma promette d’essere un buon supporto per ricerche.
Si tratta di un portale dedicato al teatro con lo scopo di promuovere la cultura teatrale attraverso la valorizzazione del suo patrimonio bibliografico e multimediale.

Esiste infatti un patrimonio di documenti, non solo testuali ma anche audiovisivi, in dotazione a enti diversi, capillarmente diffusi su tutto il territorio nazionale, ma ancora poco conosciuto e difficilmente reperibile.

Archivi Teatrali in Rete cercherà di superare l’isolamento di questi centri, coordinandoli nella comune finalità di promuovere la cultura teatrale intorno ad un ‘dialogo’ a più voci, in rete, accessibile a tutti.


Sarà quindi un motore di ricerca che consentirà di accedere in modo facile e veloce ai cataloghi di alcune tra le più importanti biblioteche del settore e di individuare materiali da alcuni importanti archivi promotori del progetto.
Archivi Teatrali in Rete è infatti stato realizzato grazie al contributo di Fondazione Cariplo e alla collaborazione della Scuola Paolo Grassi di Milano, Università degli Studi di Torino (Dams), ACT! TTV Festival Associazione Riccione Teatro, Biblioteca Museo dell’Attore di Genova, Università degli Studi di Milano e AMAtI – l’Archivio Multimediale degli Attori Italiani dell’Università di Firenze.

Il portale è ospitato dalla piattaforma MediaLibrary OnLine, network italiano di biblioteche per la gestione di contenuti digitali.
E’ quindi a disposizione un polo bibliotecario tematico, specialistico e integrato: rete culturale ancor prima di rete virtuale, esempio concreto di innovazione al servizio della tradizione.

Diversi percorsi tematici sono organizzati attorno al focus “l’attore del secondo Novecento in Italia”, selezionando le fonti a disposizione: percorsi guidati, schede introduttive, presentazione dei materiali documentali, video-lezioni. Ogni percorso è emblematico di un aspetto dell’arte dell’attore particolarmente significativo nel nostro paese e al tempo stesso contribuisce a restituire una visione d’insieme del sistema teatrale italiano.

Per Archivi Teatrali in Rete la redazione di AMAtI ha selezionato le voci di Sandro Lombardi, Giulia Lazzarini, Franca Valeri, Giorgio Gaber, Valentina Cortese e Renzo Ricci, rendendo la navigazione sui loro profili liberamente accessibile a tutti gli utenti interessati.

No Comments

  • canini scrive:

    ma qualcuno può dirci come si fa a effettuare il login?

  • Rosa scrive:

    Ho già segnalato alla redazione di ateatro.it che per primo parlato di Archivi in rete ( a febbraio) che non era possibile accedere ai contenuti proprio per un problema di login. Ora hanno specificato, bontà loro, che per consultare i documenti bisogna registrarsi e forniscono un indirizzo mail per avere informazioni ( guarda la pagina Presentazione). Peccato che l’indirizzo mail NON Può essere trovato dai server di posta!,,,

  • Klp scrive:

    Abbiamo contattato l’ufficio stampa di Fondazione Milano per ricevere qualche info in più sulle modalità di accesso, siamo in attesa di una risposta.
    Ipotizziamo però (ma su questo attendiamo conferme ufficiali) che le modalità di accesso al servizio siano in linea con quello che è il funzionamento di MediaLibrary On line, la piattaforma di cui “Archivi Teatrali in rete” fa parte. Cito testualmente dalle FAQ: “MediaLibraryOnLine è un servizio offerto dalle biblioteche aderenti al network ai propri utenti regolarmente iscritti, non è prevista al momento la registrazione di utenti generici indipendentemente dalle biblioteche di riferimento.” Sarebbe, a questo punto, interessante conoscere maggiori dettagli in merito anche da parte degli enti/archivi (elencati nel post e alla pagina “chi siamo” di Archivi in rete) che aderiscono all’iniziativa.

  • rosa scrive:

    ok, vediamo cosa rispondono. Sarebbe importante una maggiore dose di trasparenza comunque sui criteri di accesso da parte dei promotori dell’iniziativa, e anche di coerenza con gli obiettivi sbandierati.
    Grazie comunque a voi per l’interessamento.
    Rosa

  • Klp scrive:

    Da Fondazione Milano assicurano che la registrazione per accedere ai contenuti dei materiali video degli archivi teatrali sarà attiva al più tardi da lunedì prossimo, 16 aprile. Sarà necessario richiedere l’iscrizione inviando una mail all’indirizzo indicato nel sito e verrà inviata una password per effettuare l’accesso.
    A questo punto non resta che attendere la prossima settimana e provare. Fateci sapere.

  • Rosa scrive:

    Oggi e’ il 23 aprile e l’indirizzo per la registrazione ancora non risponde. Ma noi siamo pazienti e ci riproveremo.

  • rosa scrive:

    Cari tutti,
    oggi è l’8 maggio e l’unica risposta degli Archivi Teatrali è il silenzio tombale. Sono appena nati, ma per niente promettenti; piuttosto abortiti.
    Se qualcuno rintraccia segni di vita, per favore, mi informi.
    Un saluto per tutti i navigatori teatrali delusi.

  • Klp scrive:

    Cara Rosa, cari tutti… proveremo nuovamente a chiedere delucidazioni a Fondazione Milano. A presto per ulteriori aggiornamenti.

  • Rosa scrive:

    Finalmente il 14 maggio, Archivi teatrali ha fornito le credenziali per attivare l’account. Quindi, ora si dovrebbe poter accedere agli archivi.
    Mi hanno anche precisato che il sito non è – almeno per il momento – configurato per tablet e sistemi mobili.
    un caro saluto a tutti

  • vincenzo scrive:

    Ho ricevuto ieri una cortese mail da parte di Archivi Teatrali che, scusandosi per taluni problemi tecnici che avevano temporaneamente impedito il buon funzionamento della piattaforma, mi comunicava le credenziali per l’accesso al sito, grazie alle quali ho iniziato a navigare senza alcun problema. A questo punto credo che, per chiunque sia interessato, basti chiedere le credenziali d’accesso con una semplice mail. Aggiungo per completezza che sono un “utente generico”, cioè non registrato presso le biblioteche di riferimento della piattaforma MediaLibrary On line.

  • Klp scrive:

    Proprio ieri è stato attivato anche il nostro account. Buona consultazione a tutti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *