Krapp's Last Post | Teatro tra le nuvole

Sunday
May 24th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Risorse Archivi ArchivioInMovimento: la creatività contemporanea dei primi 26 anni di Romaeuropa

ArchivioInMovimento: la creatività contemporanea dei primi 26 anni di Romaeuropa

E-mail PDF

Fondazione Romaeuropa E' stato presentato ufficialmente lunedì scorso, 3 ottobre, in occasione della XXVI edizione del Romaeuropa Festival: è l'archivio storico della manifestazione, riordinato, ricatalogato e digitalizzato.

In seguito a uno studio condotto da archivisti professionisti, l’archivio storico della Fondazione Romaeuropa è stato diviso in sei sezioni e 20 sottosezioni, per rendere più agevole la sua consultazione. Ad oggi è parzialmente disponibile anche online, dove gli utenti potranno visionare una prima selezione di estratti di molti lavori ospitati dal festival.
Stratificatosi nei ventisei anni di attività di Romaeuropa l’archivio, per la quantità e qualità dei documenti che riunisce, assume il valore di memoria storica e culturale. E' inoltre in continua espansione poiché raccoglie ogni giorno materiali e testimonianze delle molteplici attività della fondazione, presieduta da Monique Veaute.
Di particolare interesse sono i documenti audiovisivi, che testimoniano capitoli importanti della creatività contemporanea internazionale.

L’archivio è stata anche l'occasione per rilanciare gli incontri con il pubblico, iniziando dalla presentazione di lunedì del volume "Ricordanze. Memoria in movimento e coreografie della storia" curato da Susanne Franco e Marina Nordera per Utet, che l'ha pubblicato nel 2010.
Uno dei più diffusi luoghi comuni sulla danza è che sia l’arte effimera per eccellenza. Il volume nasce quindi dall’urgenza di ripensare teoricamente questa retorica dell’effimero, cercando di rispondere ad alcune domande cruciali: come si imprime il ricordo della danza nello spettatore? Come si condizionano reciprocamente memoria individuale e collettiva nella/della danza? Come interagiscono memoria, oblio e rimozione nella costruzione e ricezione dei discorsi storici sulla danza?

Un gruppo di studiosi provenienti da orizzonti culturali e metodologici diversi è stato chiamato ad approfondire il rapporto fra danza e memoria; le loro riflessioni, raccolte in sei sezioni tematiche (archivio ed esperienza; incorporazione; eredità rappresentate; sulle tracce; oblio, assenza e rimozione; trasmettere), invitano l’artista, lo spettatore e lo studioso a interrogarsi sulle varie possibilità di inscrivere la danza nel tempo.

Hits: 1529

Commenti (0)


Leggi i commenti Nuovo commento

busy
 

Post correlati


Il Giardino delle Esperidi
Progetto Jet Propulsion Theatre
Venerdì 29 maggio - Torino, Teatro Giulia di Barolo

Last Seen

 

La bisbetica domata di Factory. Ma a che prezzo?

Divisa in cinque atti, scritti sia in versi che in prosa, e proposta in rima da Francesco...

 

Der Park. Stein e Shakespeare nel labirinto di Botho Strauss

Lo spettacolo si apre con un enorme sipario sullo sfondo dal quale è uscita Helen, modern...

 

Preghiera: Phoebe Zeitgeist e il morbo come sacra rappresentazione

L’atmosfera è propizia all’inquietudine. L’incertezza è il più massacrante dei co...

 

Nazionalpopolare a chi? Serena Sinigaglia da Gramsci al gossip

Un teatro “Nazionalpopolare” nel senso più comune del termine: è forse questa la fro...

 

N.E.R.D.s Foto di famiglia con fantasmi, rabbie e gelosie

Questo intreccio di legami (s)legati andrà avanti per circa un’ora, in una guerra contr...

 

Pa|Ethos. L'ontologia danzata di Sang Jijia, tra oriente e occidente

Il primo gruppo di danzatori (una decina di elementi vestiti di grigio) riempie la scena e...

 

After the end. La black comedy di Kelly secondo Alraune Teatro

Mark vorrebbe essere desiderato da Louise, così tanto che non avendo sentito il suo desid...

 

Con Zerogrammi cadere dalle nuvole all'ora del the

La meraviglia è visiva, è nei loro corpi, è negli inciampi, è nella danza aerea dei la...

Facebook Twitter Google Bookmarks RSS Feed 

Video

 

Cosa resterà di Čechov: videointervista a Carmen Giordano e Renzo Rubino

Il secondo movimento di questa sorta di polittico informale è andato in scena a Milano ne...

 

IETM 2015. Voci e immagini dal meeting di Bergamo

Più di 600 rappresentanti di strutture teatrali di tutto il mondo hanno così riempito i ...

 

Il Magazzino 18 di Simone Cristicchi: tra i conflitti della storia

Per Cristicchi, una furba operazione politica, una faziosa strumentalizzazione o un capola...

 

Ero. L'abbraccio intimo di César Brie

Lo abbiamo incontrato a Milano dopo una replica del suo ultimo spettacolo, “Ero”, curi...

 

Tra i desideri spirituali di Milena Costanzo. Videointervista

Negli ultimi due anni, oltre all’attività della compagnia, ha portato avanti un partico...

 

Luoghi Comuni dal mondo. Il teatro internazionale s'incontra a Bergamo

Come nelle edizioni precedenti del festival, presentato ieri in conferenza stampa, ci sar...