Krapp's Last Post | Teatro tra le nuvole

Monday
Nov 24th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Risorse Archivi ArchivioInMovimento: la creatività contemporanea dei primi 26 anni di Romaeuropa

ArchivioInMovimento: la creatività contemporanea dei primi 26 anni di Romaeuropa

E-mail PDF

Fondazione Romaeuropa E' stato presentato ufficialmente lunedì scorso, 3 ottobre, in occasione della XXVI edizione del Romaeuropa Festival: è l'archivio storico della manifestazione, riordinato, ricatalogato e digitalizzato.

In seguito a uno studio condotto da archivisti professionisti, l’archivio storico della Fondazione Romaeuropa è stato diviso in sei sezioni e 20 sottosezioni, per rendere più agevole la sua consultazione. Ad oggi è parzialmente disponibile anche online, dove gli utenti potranno visionare una prima selezione di estratti di molti lavori ospitati dal festival.
Stratificatosi nei ventisei anni di attività di Romaeuropa l’archivio, per la quantità e qualità dei documenti che riunisce, assume il valore di memoria storica e culturale. E' inoltre in continua espansione poiché raccoglie ogni giorno materiali e testimonianze delle molteplici attività della fondazione, presieduta da Monique Veaute.
Di particolare interesse sono i documenti audiovisivi, che testimoniano capitoli importanti della creatività contemporanea internazionale.

L’archivio è stata anche l'occasione per rilanciare gli incontri con il pubblico, iniziando dalla presentazione di lunedì del volume "Ricordanze. Memoria in movimento e coreografie della storia" curato da Susanne Franco e Marina Nordera per Utet, che l'ha pubblicato nel 2010.
Uno dei più diffusi luoghi comuni sulla danza è che sia l’arte effimera per eccellenza. Il volume nasce quindi dall’urgenza di ripensare teoricamente questa retorica dell’effimero, cercando di rispondere ad alcune domande cruciali: come si imprime il ricordo della danza nello spettatore? Come si condizionano reciprocamente memoria individuale e collettiva nella/della danza? Come interagiscono memoria, oblio e rimozione nella costruzione e ricezione dei discorsi storici sulla danza?

Un gruppo di studiosi provenienti da orizzonti culturali e metodologici diversi è stato chiamato ad approfondire il rapporto fra danza e memoria; le loro riflessioni, raccolte in sei sezioni tematiche (archivio ed esperienza; incorporazione; eredità rappresentate; sulle tracce; oblio, assenza e rimozione; trasmettere), invitano l’artista, lo spettatore e lo studioso a interrogarsi sulle varie possibilità di inscrivere la danza nel tempo.

Hits: 1343

Commenti (0)


Leggi i commenti Nuovo commento

busy
 

Post correlati


I due piani - Parma, Lenz Teatro, 5-14 dicembre

Last Seen

 

La vocazione di Danio Manfredini: essenza umana d’attore

Manfredini estrapola frammenti eterogenei e li unisce a sue parole, canzoni e spunti autob...

 

Chi ama brucia: l’allegorica inchiesta di Alice Conti sui Cie

Ma lei è un’artista, non una cronista.

 

Cyrano: Jurji Ferrini sul valore della resistenza civile

Questo “Cyrano di Bergerac”, con la regia e la pregevole interpretazione di Ferrini, ...

 

How Long is Now. Per Balletto Civile passo a due con la vecchiaia

Sfregando quella lampada di Aladino che è il sogno tutto diventa possibile, anche se per ...

 

Ca' Foscari: in scena il delirio del desiderio amoroso, da Flaubert a Shakespeare

Madame Bovary desidera sempre. 

 

La Danza Macabra di Ronconi a Prato, che lo fa cittadino onorario

Due coniugi sposati da venticinque anni, il capitano Edgar (Giorgio Ferrara), frustrato ne...

Facebook Twitter Google Bookmarks RSS Feed 

Video

 

Ritorno a Pascoli con gli Aquiloni di Paolo Poli. Intervista

I paesaggi del grande artista ligure salgono e scendono mentre davanti, in scena, un grupp...

 

Francesco Colella: di conformismo teatrale (e non solo). Intervista

Da quel libro la compagnia ha tratto un lavoro che, grazie anche alla vittoria del premio ...

 

Simona Bertozzi & Enrico Pitozzi. Videointervista Magnetica sulla 'bella danza'

Sei intensi giorni di lavoro tra pratica e teoria, strettamente connesse e interdipendenti...

 

Creare sogni di libertà. I 50 anni dell'Odin Teatret, dal Salento a Milano

 

Michele Losi: future prospettive su Esperidi e Brianza

 

Sharon Fridman: le verità del corpo per riscoprire le nostre radici. Videointervista

Le une e le altre, estranee, hanno condiviso uno spazio, un tempo e un luogo, sia geografi...