Krapp's Last Post | Teatro tra le nuvole

Sunday
Apr 19th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Risorse Archivi ArchivioInMovimento: la creatività contemporanea dei primi 26 anni di Romaeuropa

ArchivioInMovimento: la creatività contemporanea dei primi 26 anni di Romaeuropa

E-mail PDF

Fondazione Romaeuropa E' stato presentato ufficialmente lunedì scorso, 3 ottobre, in occasione della XXVI edizione del Romaeuropa Festival: è l'archivio storico della manifestazione, riordinato, ricatalogato e digitalizzato.

In seguito a uno studio condotto da archivisti professionisti, l’archivio storico della Fondazione Romaeuropa è stato diviso in sei sezioni e 20 sottosezioni, per rendere più agevole la sua consultazione. Ad oggi è parzialmente disponibile anche online, dove gli utenti potranno visionare una prima selezione di estratti di molti lavori ospitati dal festival.
Stratificatosi nei ventisei anni di attività di Romaeuropa l’archivio, per la quantità e qualità dei documenti che riunisce, assume il valore di memoria storica e culturale. E' inoltre in continua espansione poiché raccoglie ogni giorno materiali e testimonianze delle molteplici attività della fondazione, presieduta da Monique Veaute.
Di particolare interesse sono i documenti audiovisivi, che testimoniano capitoli importanti della creatività contemporanea internazionale.

L’archivio è stata anche l'occasione per rilanciare gli incontri con il pubblico, iniziando dalla presentazione di lunedì del volume "Ricordanze. Memoria in movimento e coreografie della storia" curato da Susanne Franco e Marina Nordera per Utet, che l'ha pubblicato nel 2010.
Uno dei più diffusi luoghi comuni sulla danza è che sia l’arte effimera per eccellenza. Il volume nasce quindi dall’urgenza di ripensare teoricamente questa retorica dell’effimero, cercando di rispondere ad alcune domande cruciali: come si imprime il ricordo della danza nello spettatore? Come si condizionano reciprocamente memoria individuale e collettiva nella/della danza? Come interagiscono memoria, oblio e rimozione nella costruzione e ricezione dei discorsi storici sulla danza?

Un gruppo di studiosi provenienti da orizzonti culturali e metodologici diversi è stato chiamato ad approfondire il rapporto fra danza e memoria; le loro riflessioni, raccolte in sei sezioni tematiche (archivio ed esperienza; incorporazione; eredità rappresentate; sulle tracce; oblio, assenza e rimozione; trasmettere), invitano l’artista, lo spettatore e lo studioso a interrogarsi sulle varie possibilità di inscrivere la danza nel tempo.

Hits: 1497

Commenti (0)


Leggi i commenti Nuovo commento

busy
 

Post correlati


La Gabbia @ Teatro Atir Ringhiera, Milano, 16-19 aprile
Ruggito - Balletto Civile @ Teatro Out Off, Milano | 13-19 aprile

Last Seen

 

Sieni nelle Pieghe del corpo, da Pasolini a tutti noi

Fanno da contrappunto alla potenza del coro il cui respiro permea lo spazio, passando dagl...

 

L'Onorata società di Niccolini incontra Patricia Zanco

È il disastro del Vajont.“Onorata società”, scritto da Francesco Niccolini per la re...

 

Le Divine parole di Michieletto: l'incenso offusca la liturgia

Anche questo allestimento vive di una forma assai curata, per la quale ogni sequenza delle...

 

La Lezione di Ionesco perde mordente con Binasco

I tre interpreti garantiscono allo spettacolo un’intrinseca e spontanea comicità, che s...

 

Svenimenti. Le Belle Bandiere nello spirito di Cechov

Potenza salvifica della scrittura. Scrivere per capire se stessi e gli altri: per capire i...

 

Per Lo Sicco e Civilleri fuga in Tandem dalla realtà

E’ una storia tutta al femminile, firmata da Elena Stancanelli, densa di domande e rifle...

 

Da Accorsi a Baliani per fuggir la peste del Decameron

In questa progressiva perdita di un civile sentire, ci è sembrato importante far risuonar...

 

Operamolla: DoppioSenso Unico risorge prima di morire

E una seconda parte in cui i DoppioSenso Unico non permettono più allo spettatore il luss...

Facebook Twitter Google Bookmarks RSS Feed 

Video

 

Il Magazzino 18 di Simone Cristicchi: tra i conflitti della storia

Per Cristicchi, una furba operazione politica, una faziosa strumentalizzazione o un capola...

 

Ero. L'abbraccio intimo di César Brie

Lo abbiamo incontrato a Milano dopo una replica del suo ultimo spettacolo, “Ero”, curi...

 

Tra i desideri spirituali di Milena Costanzo. Videointervista

Negli ultimi due anni, oltre all’attività della compagnia, ha portato avanti un partico...

 

Luoghi Comuni dal mondo. Il teatro internazionale s'incontra a Bergamo

Come nelle edizioni precedenti del festival, presentato ieri in conferenza stampa, ci sar...

 

Luca Radaelli e il suo Invito al teatro popolare di ricerca. Intervista

 

Amanti delle figure. Intervista a Teatrino Giullare

Conosciamo da molto tempo Teatrino Giullare, alias Giulia Dall'Ongaro ed Enrico Deotti, fi...