Artebebè 2011, l’arte a misura di bambino

Artebebè 2011

Artebebè 2011

Partirà domani, sabato 7 maggio a Lugo con replica domenica 8 a Ravenna, il primo appuntamento della terza edizione della rassegna Artebebè 2011: “Mamma di terra”, della compagnia Teatro Melarancio, ospiterà i piccoli spettatori in una magica caverna dipinta per loro da Antonio Catalano. Una danzatrice e un attore affronteranno con i piccoli il rapporto tra la natura accogliente e l’uomo che, spinto dalla sua curiosità, ne scopre la meravigliosa semplicità.

Da un’idea di Drammatico Vegetale, il progetto Artebebè è un’interessante iniziativa che rivolge arte e cultura alla fascia della prima infanzia – da 0 a 6 anni – coniugando qualità artistica e valore educativo, sociale e ricreativo. L’obiettivo del progetto è creare nuove forme di socializzazione per i bambini più piccoli e le loro famiglie attraverso l’incontro di vari linguaggi, dal teatro alle arti plastiche e figurative. Proprio per questi motivi è infatti entrata a far parte del piano provinciale per la promozione delle politiche di tutela e accoglienza dell’infanzia e dell’adolescenza a sostegno alla genitorialità.

Le edizioni precendenti (2009 e 2010) hanno ospitato compagnie italiane ed estere, in linea con l’operato della compagnia Drammatico Vegetale, che da sempre si occupa di teatro ragazzi e dell’organizzazione di eventi in cui il dialogo interculturale sia una costante. A dimostrazione di ciò è la partecipazione di Small size, la rete nata dal progetto Il Teatro e il Nido che oggi conta 38 partner di 21 Paesi: dall’Austria alla Polonia, dall’Inghilterra alla Spagna, dalla Romania al Belgio. Small size è un luogo d’incontro, di scambio e di conoscenza, una struttura che intende sviluppare progetti di cooperazione e lanciare su dimensione europea confronti nel campo delle arti performative.

Gli spazi utilizzati da Artebebè sono legati all’infanzia (scuole, palestre, parchi) trasformati grazie alla creatività e alla cultura da quotidiani a luoghi magici e incantati.
La nuova edizione sarà ospitata anche alle Artificerie Almagià di Ravenna e, per la prima volta, nelle Pescherie e all’interno della Rocca Estense di Lugo.


Il programma è ricco di appuntamenti, che vanno dagli spettacoli alle installazioni interattive, tutto a misura di bambino, affinché i genitori capiscano quanto importante sia avvicinare i bambini alle attività culturali sin da piccolissimi, aiutandoli a diventare i nuovi spettatori o artisti di domani.
Per il fine settimana successivo altre due proposte: sabato 14 maggio alle ore 17, presso la scuola d’infanzia comunale Capucci di Lugo, andrà in scena “Brum”, di Drammatico Vegetale, recentemente rappresentato al festival di teatro di figura di Kurgan (Siberia) e a Madrid nell’ambito del Festival Internazionale delle arti per l’infanzia.
David Batignani e Véronique Nah saranno invece i protagonisti di “Ba Ba”, spettacolo dedicato ai piccolissimi a partire da un anno (Artificerie Almagià, domenica 22 maggio, alle ore 11,30 e alle 17). “Ba Ba” è un’ode alla capacità di meravigliarsi di fronte alle piccole cose che ci circondano: lo strano riflesso di luce che appare su un muro, il profondo suono di una goccia d’acqua su un foglio di carta…

Tutti gli spettacoli sono a posti limitati ed è perciò consigliata la prenotazione. Per informazioni e prenotazioni: Ravenna Teatro, via di Roma 39 a Ravenna (lunedì 16-18 e dal martedì al venerdì 10-13 e 16-18 tel. 0544/36239).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *