Krapp's Last Post | Teatro tra le nuvole

Wednesday
May 27th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Recensioni 2011 I brutti, sporchi e cattivi di Egumteatro

I brutti, sporchi e cattivi di Egumteatro

E-mail PDF

Monica DemuruImmersa e imprigionata nel degrado della periferia di Cagliari, in un mondo alla deriva, dove non c’è spazio per il sogno, dove non sembrano esserci attimi di quiete nei quali si possa stare a galla a respirare una boccata d’aria e speranza, una bambina di dodici anni osserva il mondo. Sopravvive e scruta la fauna di personaggi degradati, emarginati, immersi in una spietata e morbosa sessualità che tutto pervade e tutto inquina. Ma la piccola possiede la forza del sogno, ha una capacità di sopravvivenza fatta di banali speranze di successo da rockstar, in un condominio che sembra non avere pareti e dove tutti sanno tutto di tutti.

In “Bellas Mariposas”, in scena a Inequilibrio 2011, Monica Demuru offre una intensa rappresentazione, riuscendo a creare una figura in bilico tra speranza e mera cronaca, un’osservatrice distaccata e spietata di una palude di tremendi avvenimenti che le accadono attorno in un clima di violenza, disillusione e disincanto, da dove è impossibile fuggire, e dove il nemico si annida – come spesso accade – proprio in famiglia.

Il testo di Sergio Atzeni è duro, pur concedendo piccoli spazi all’ironia, brevi attimi di respiro. E la bambina, la farfallina come è definita nella presentazione del lavoro, riesce a compiere piccoli voli e si ritaglia anche frammenti di un quotidiano adolescenziale normale, fatto di innamoramenti, sogni di matrimonio e di un futuro migliore.

La bellissime scene di Paolo Bruni, che simbolicamente richiamano un ambiente periferico precario, fatto di impalcature intarsiate da lacerti domestici quali porte, scalette, lavabi, offre un ambiente evocativo che contribuisce a ricreare un’atmosfera che d’impatto riassume e fa toccare con mano il degradato ambiente. E che ci riporta a certe atmosfere dell’intenso film di Ettore Scola del 1976, “Brutti, sporchi e cattivi”, che aveva per protagonista uno straordinario Nino Manfredi.

Convincente anche l’uso dello spazio scenico, la scelta registica di inserire piccole pause che lasciano allo spettatore momenti di riflessione, di possibilità di sopportazione di questo schiacciante mondo marginale, che pare così lontano ma che invece ci circonda e costituisce parte integrante del nostro oggi. Il tutto simboleggiato dal progressivo avvicinamento che la protagonista compie durante lo svolgersi dello spettacolo, fino al sereno (?) finale, un sonno dolce su un materasso posto al bordo del proscenio.

Si rimane in bilico tra rabbia e amore, come indica il sottotitolo, ma non c’è abbandono, non c’è resa al male; bensì ancora capacità di sogno, speranza, conforto, anche in universi abbandonati e dimenticati dagli uomini e da Dio, che risuonano nella mente dello spettatore quasi avesse toccato con mano, lui per primo, tutto questo imbarbarimento.

Bellas mariposas. Ovvero Musica di parole per amore e per rabbia
da Sergio Atzeni
con: Monica Demuru
regia: Annalisa Bianco
scene: Paolo Bruni
luci e suono: Andrea Guideri
in coproduzione con Armunia
in collaborazione con La città del Teatro di Cascina
con il sostegno di: Regione Toscana-Sistema Regionale dello Spettacolo
durata: 1h 11'
applausi del pubblico: 2' 25''

Visto a Castiglioncello (LI), festival Inquilibrio, il 6 luglio 2011

Hits: 2872

Commenti (1)


Leggi i commenti Nuovo commento

busy
 


Festival delle Colline Torinesi
Progetto Jet Propulsion Theatre
Venerdì 29 maggio - Torino, Teatro Giulia di Barolo

Il Calendario di KLP

Last Seen

 

Arturo Cirillo tra le coppie borghesi di Edward Albee, fin troppo reali

Gli anni si trascinano tra alcol, liti e routine. Lei e lui: incapaci di vivere, insieme o...

 

Ferdinando Bruni, demiurgo di una Tempesta da riscoprire

Una gabbia da cui pende un uovo fa da bacino per Miranda, mentre Ferdinando prende vita da...

 

La bisbetica domata di Factory. Ma a che prezzo?

Divisa in cinque atti, scritti sia in versi che in prosa, e proposta in rima da Francesco...

 

Der Park. Stein e Shakespeare nel labirinto di Botho Strauss

Lo spettacolo si apre con un enorme sipario sullo sfondo dal quale è uscita Helen, modern...

 

Preghiera: Phoebe Zeitgeist e il morbo come sacra rappresentazione

L’atmosfera è propizia all’inquietudine. L’incertezza è il più massacrante dei co...

 

Nazionalpopolare a chi? Serena Sinigaglia da Gramsci al gossip

Un teatro “Nazionalpopolare” nel senso più comune del termine: è forse questa la fro...

 

N.E.R.D.s Foto di famiglia con fantasmi, rabbie e gelosie

Questo intreccio di legami (s)legati andrà avanti per circa un’ora, in una guerra contr...

 

Pa|Ethos. L'ontologia danzata di Sang Jijia, tra oriente e occidente

Il primo gruppo di danzatori (una decina di elementi vestiti di grigio) riempie la scena e...

Facebook Twitter Google Bookmarks RSS Feed 

Video

 

Cosa resterà di Čechov: videointervista a Carmen Giordano e Renzo Rubino

Il secondo movimento di questa sorta di polittico informale è andato in scena a Milano ne...

 

IETM 2015. Voci e immagini dal meeting di Bergamo

Più di 600 rappresentanti di strutture teatrali di tutto il mondo hanno così riempito i ...

 

Il Magazzino 18 di Simone Cristicchi: tra i conflitti della storia

Per Cristicchi, una furba operazione politica, una faziosa strumentalizzazione o un capola...

 

Ero. L'abbraccio intimo di César Brie

Lo abbiamo incontrato a Milano dopo una replica del suo ultimo spettacolo, “Ero”, curi...

 

Tra i desideri spirituali di Milena Costanzo. Videointervista

Negli ultimi due anni, oltre all’attività della compagnia, ha portato avanti un partico...

 

Luoghi Comuni dal mondo. Il teatro internazionale s'incontra a Bergamo

Come nelle edizioni precedenti del festival, presentato ieri in conferenza stampa, ci sar...