Krapp's Last Post | Teatro tra le nuvole

Thursday
Apr 17th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Formazione Formazione (Generale) Pensare la scena con César Brie

Pensare la scena con César Brie

E-mail PDF

César Brie"Vivo in Bolivia, e qui lavoro insieme a boliviani e stranieri, consapevole di essere straniero e cercando che questa mia condizione non sia un limite, ma un vantaggio. Voglio che il mio teatro sia incontro potente tra avanguardia e tradizione. La Bolivia offre una ricchezza straordinaria di tradizioni orali, musicali, religiose. Le studiamo, cerchiamo di conoscerle, di lasciarcene influenzare. [...] Non vogliamo fingere di essere quel che non siamo. Il nostro teatro è un luogo di incontro di motivazioni e culture differenti, unite dal lavoro quotidiano e dalla ricerca di un'identità che abbia il volto di tutti noi che qui lavoriamo".

Sono proprio queste parole di César Brie a descrivere meglio il lavoro dell'artista argentino. Fondatore, nel 1972, della Comuna Baires, in cui la ricerca espressiva si intreccia all'impegno civile, nel '75 crea insieme a Paolo Nalli, Dolly Albertin e Danio Manfredini il collettivo teatrale Tupac Amaru al centro sociale Isola di Milano. Fino al 1979 il gruppo è protagonista di spettacoli agit-prop a sfondo sociale. L'incontro, nel 1980, con Iben Nagel Rasmussen apre invece il periodo danese della sua ricerca: nasce il gruppo Farfa, che si confronterà con l'esperienza dell'Odin Teatret e di Eugenio Barba.

L'esperienza registica e drammaturgica si innesta così sul suo lavoro attoriale. Ne nascono spettacoli importanti come "Matrimonio con Dio", "Il paese di Nod", "Talabot", "Il mare in tasca". Ma contemporaneamente si approfondisce in Brie la necessità di un ritorno alle origini, alla propria terra e soprattutto alla propria lingua. Nell'agosto del 1991 fonda così in Bolivia il Teatro de Los Andes. Il gruppo, che ha sede nel piccolo paese di Yotala, produce gli spettacoli "Colòn" (1992), "Solo gli ingenui muoiono d'amore" (1993), "Ubu in Bolivia" (1994), "I sandali del tempo" (1995) e così di seguito: uno spettacolo nuovo ogni anno.

E proprio mentre César Brie sarà a Milano per presentare il suo ultimo lavoro, "Odissea", in scena dal 17 al 29 marzo al Teatro dell’Elfo, Campo Teatrale proporrà il seminario "Pensare la scena". Il lavoro si concentrerà sulla ricerca e la creazione di metafore e immagini sceniche attraverso una serie di esercizi fisici e vocali. Tematiche prescelte l'amore impossibile, quello illecito e il "parlare" con i santi.

Quando: da mercoledì 18 a domenica 22 marzo
Orario: tutti i giorni dalle 10 alle 14 per un totale di 20 ore
Costo: € 180
Sede: Teatro Guanella, Via Duprè 19 - Milano
Partecipanti: da 16 a 20. Accesso su selezione
Materiali: portare abbigliamento da lavoro fisico e un abito. E’ consigliabile avere un testo a memoria
Selezione: inviare il proprio cv, foto e lettera di motivazione a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. entro mercoledì 18 febbraio. I risultati della selezione saranno comunicati ai partecipanti entro venerdì 6 marzo
Tempi e modalità di iscrizione: entro venerdì 13 marzo iscrizione e pagamento della quota di partecipazione
Info: Campo Teatrale, via Roggia Scagna, 7 - Milano - MM 1 Rovereto tel/fax: 02/26113133 (lun/ven 10-19) Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Hits: 3799

Commenti (0)


Leggi i commenti Nuovo commento

busy
 


Theatrends - Scopri gli hashtag del giorno
NEW YORK HOTEL 3327 @ Milano, Teatro Litta - 11-14 aprile

Last Seen

 

Gli Anticorpi di Zappalà, fluttuanti e convulsi

In questo caso, stabilendo un’analogia tra l’idea del “Virus” e una certa visione ...

 

Il concerto macabro di Marthaler al Piccolo

Per sottolineare ancor di più la follia di una società condannata, pochi anni dopo, al d...

 

Lo Skianto di Timi in cerca di una 'normale' felicità

Si scopre allora un mondo interiore in realtà non molto differente da quella che riteniam...

 

Oliva e il nuovo demone di Dostoevskij: la sorte come diabolico croupier

Il testo mette infatti in luce come a necessitare del gioco - e più in generale dell'azza...

 

Gli S(legati) di Atir. Toccando il vuoto, per risalire

L'avrò già detto in altre occasioni che amo il teatro di narrazione, lo amo come da bamb...

Instagram


Facebook Twitter Google Bookmarks RSS Feed 

Video

 

Le relazioni pericolose di Valter Malosti. L'intervista

 

Angela Baraldi: il teatro, la musica e le mie tante anime

 

La merda. Inno di una nazione che muore

Si cavalca il malcontento generale ma con grande maestria: la partitura vocale affidata a ...