Chiara Bersani e Giulia Traversi in Paradise: la nostra sfida per il 2022

Chiara Bersani e Giulia Traversi
Chiara Bersani e Giulia Traversi

Parlare di Paradiso, anche se in inglese, di questi tempi sembra quantomeno fuorimoda.
Partiamo da qui nel nostro incontro con Chiara Bersani e Giulia Traversi. Siamo nei camerini di Spazio Kor, ad Asti, a pochi minuti dall’inizio della conferenza stampa durante la quale questo “Paradise” verrà declinato nelle voci e negli sguardi dei tanti artisti e delle tante artiste coinvolte.

Le due co-direttrici sono state chiamate ad Asti per dare vita ad una stagione ideata a quattro mani in pieno lockdown. Di certo un’impresa non facile visto che non hanno potuto vedere gli spettacoli. E quindi come fare? Scegliendo quelle realtà nazionali e internazionali che conoscono, fidandosi del talento, della poetica e della cura che ciascuna compagnia porta con sé. Una sfida che non si esaurisce nel 2022 perché il percorso è triennale e siamo solo all’inizio. Ogni anno ci sarà un gruppo di artisti associati che presenterà un particolare progetto all’interno della rassegna, travalicando quindi la “semplice” offerta di spettacoli a cui assistere.
Viola Lo Moro creerà una bibliografia degli spettacoli e tre incontri letterari, Enrico Malatesta e Attila Faravelli proporranno un workshop musicale, mentre Eva Geatti e Alice Diacono partiranno dalle “Memorie del Sottosuolo” di Dostoevskji per proporre ad un gruppo di ragazzi dai 14 ai 20 anni un percorso di scrittura, musica e racconto dal titolo “Trap e Romanzo Russo”.

Paradise partirà a gennaio 2022. Doppio appuntamento, sabato 8 e domenica 9, con “Eden”, progetto coreografico Michele Di Stefano. Sabato 29 sarà invece la volta di Elena Bucci in “Lettere al mondo – in solo”, mentre venerdì 11 febbraio andrà in scena “Curva cieca”, di e con Muna Mussie e Filmo Yemane. A marzo, sabato 12, “Trespass_processing an emerging choreography”, concept di Marta Olivieri. La rassegna si concluderà con una serata di dj set sabato 2 aprile eccezionalmente al Diavolo Rosso.

Il progetto è in collaborazione con Città di Asti, Fondazione Piemonte dal Vivo, Teatro degli Acerbi e Mon Circo, con il sostegno di Regione Piemonte, Fondazione CRT, SCENA UNITA, Fondazione Cesvi La Musica che Gira, Music Innovation Hub (maggiore sostenitore Fondazione Compagnia di San Paolo nell’ambito del bando “ART~WAVES”).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.