Concentrica 14. Il teatro fuori mercato arriva in Piemonte

concentrica2014aOrmai lo dicono tutti. Il futuro della programmazione teatrale (e forse del teatro stesso) è mettersi in rete, fare network.

Sul territorio nazionale sono nate negli anni molte esperienze, festival e rassegne che hanno fatto della competenza e della ricchezza artistica la forza per poter costruire una programmazione eterogenea e innovativa che restituisse al panorama nazionale un riflesso autentico di ciò che accade nei teatri lontani dai grandi finanziamenti.

In Piemonte, nel 2013, è nata Concentrica, un formula pensata per dare nuova linfa alla circuitazione di compagnie emergenti a livello nazionale.

Promotore di questa seconda edizione della rassegna è il Teatro della Caduta di Torino in collaborazione con cinque compagnie e centri di produzione teatrale piemontesi: La Quarta Scimmia, Masca in Langa, Morenica Cantiere Canavesano, Il Mulino di Amleto, Max Aub.

Da domani, giovedì 18 settembre, fino al 10 ottobre, in teatri distribuiti sul territorio della città e della provincia di Torino, Alessandria, Cuneo e Novara verranno proposti gli spettacoli delle compagnie selezionate per questa seconda edizione: MusellaMazzarella (Milano) con “Figlidiunbruttodio”, Carrozzeria Orfeo (Mantova) con “Thanks for Vaselina”, Compagnia della Quarta (Bologna) e Fernando Lazàro Danza 180 (Madrid) con “La Domada”, Fulvio Pepe e Compagnia Teatro Minimo (Bari) con “Finzioni in tre capitoli e una premessa”.

Gli spettacoli sono stati scelti tra i lavori di compagnie innovative ma ancora poco note sul territorio piemontese, in modo da offrire al pubblico l’occasione di scoprire progetti che propongono drammaturgie originali e contaminazioni tra linguaggi teatrali differenti.

“Figlidiunbruttodio”, proposto dai milanesi MusellaMazzarelli è lo spettacolo vincitore del Premio Inbox 2010 ma non è ancora mai stato programmato nella regione. La compagnia, cui Klp aveva dedicato una videointervista due anni fa, è caratterizzata dalla creazione di una drammaturgia originale a quattro mani, e in questo lavoro si interroga sul rapporto tra realtà contemporanea e media.

“Thanks for Vaselina”, di Carrozzeria Orfeo, propone al pubblico una storia di ordinaria follia che sembra una soap opera dal sapore cine-televisivo e dai ritmi incalzanti. Lo spettacolo è costruito sulla drammaturgia originale firmata da Gabriele di Luca, anche attore nella compagnia, e racconta di dipendenze e vizi attraverso la vita di una famiglia atipica. Dal suo debutto lo spettacolo ha conquistato il pubblico vincendo il nostro Last Seen 2013.

“La domada” è invece un debutto assoluto, un progetto internazionale curato dalla bolognese Compagnia della Quarta e dalla compagnia spagnola Fernando Lazàro Danza 180.
Partendo dallo spunto della “Bisbetica Domata” di Shakespeare, lo spettacolo offre una svolta interpretativa dell’opera del drammaturgo inglese per parlare di violenza di genere attraverso la danza e il teatro fisico.

L’ultimo lavoro selezionato, “Finzioni in tre capitoli e una premessa”, è il racconto teatrale della ricerca interpretativa di un attore cofirmato da Teatro Minimo.
Fulvio Pepe
si interroga sulla possibilità, per un artista, di interpretare un pedofilo senza dargli ragione, senza capire cos’è. Un lavoro di studio e scoperta su cosa vuol dire fingere.

A lato della programmazione teatrale Concentrica offrirà anche un fitto calendario di tavoli di lavoro aperti a operatori e pubblico, organizzati prima di ogni spettacolo per riflettere sul rinnovamento del sistema teatrale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *