La critica teatrale. Solo gusto sadico per la stroncatura? Il manuale di Tiberia De Matteis

La critica teatrale

La critica teatraleE’ stato presentato venerdì scorso al Teatro Argentina di Roma alla presenza di Giovanna Marinelli, direttore del Teatro di Roma, Giorgio Albertazzi, Maurizio Giammusso, Giuseppe Manfridi e Maurizio Scaparro. Insieme a loro, naturalmente, l’autrice: Tiberia De Matteis, critico teatrale del quotidiano “Il Tempo”, dottore di ricerca in Italianistica e professore di Critica Teatrale all’università La Sapienza. Collabora alla trasmissione Rai “Applausi”, oltre ad essere autrice dei volumi “Autori in scena. Sei drammaturgie italiane contemporanee” (Bulzoni, 2004) e “La tragedia contemporanea in Pirandello, Pasolini e Testori” (Ponte Sisto, 2005).

“La critica teatrale. Come si analizza e si recensisce uno spettacolo” si rivolge agli aspiranti critici, ai giovani professionisti ma anche ai semplici appassionati, presentando la critica teatrale come un’attività stimolante e aperta a tutti, non tanto per dedicarsi al piacere sadico della stroncatura, quanto per diventare spettatori attivi, avveduti e consapevoli.
Quali caratteristiche deve possedere un allestimento curato e completo? Quanto contano il valore del testo, la notorietà e la bravura degli attori, la scenografia e i costumi? Come determinare il contributo del regista e l’efficacia del suo lavoro?
I criteri oggettivi con cui valutare i singoli elementi di una rappresentazione e la sua armonia estetica sono esposti in questo manuale, utile da consultare per non fidarsi soltanto delle proprie impressioni personali ed epidermiche.

“Il teatro è un appuntamento gradevole e stimolante per tutti a dispetto del pregiudizio che sia uno svago riservato soltanto a persone di media e alta cultura – scrive nell’introduzione Tiberia De Matteis – L’aumento degli spettatori registrato negli ultimi anni, con un consistente e imprevedibile sorpasso addirittura del pubblico degli stadi, segnala finalmente una controtendenza nelle scelte degli italiani relative al tempo libero e lascia emergere una crescente curiosità nei riguardi dello spettacolo dal vivo. Potrebbe trattarsi di una reazione alla prevalenza della tecnologia e dei rapporti virtuali che alimenta la ricerca di opportunità di confronto e condivisione con altri esseri umani in carne e ossa. Nell’epoca in cui tutto è riproducibile e a portata di frequentazione telematica, si ambisce a ritrovare il piacere di un evento unico e irripetibile che impegna alcuni artisti destinati a esibirsi realmente e soltanto davanti ai nostri sguardi”.


La critica teatrale. Come si analizza e si recensisce uno spettacolo
De Matteis Tiberia
2008
202 pp., brossura
Gremese Editore
€ 18

Acquista il libro su IBS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *