Endgame: Antonio Tarantino

Antonio Tarantino. Fotografia di © Francesca Pagliai, tratta da “L’eresia del dolore. Il teatro di Antonio Tarantino”
Antonio Tarantino. Fotografia di © Francesca Pagliai, tratta da “L’eresia del dolore. Il teatro di Antonio Tarantino”

“Bisogna rischiare: la carriera gli affetti la salute la libertà e, dulcis in fundo, la vita”.
(“Gramsci a Turi”, A. Tarantino)

Se ne è andato stamattina, in una Torino piovosa e malinconica, il drammaturgo e pittore Antonio Tarantino.

Lo vogliamo ricordare con l’ultima videointervista che gli avevamo fatto, proprio a casa sua, nel quartiere di San Salvario, tre anni fa (“A casa di Antonio Tarantino” di Matteo Tamborrino).

“Ho sempre creduto che gli dei, i miti e gli eroi non siano mai scomparsi dal nostro mondo e, anzi, lo popolino oggi come nell’Età dell’oro. Basta solo saperli scorgere […]. Il nostro mondo è disseminato dei loro segni […]: questi segni si chiamano rivelazioni, apparizioni, epifanie”.
(A. Tarantino, cit. in Massimo Lechi, Antonio Tarantino, “Poetica 2”’, in Idem, L’eresia del dolore)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *