Krapp's Last Post | Teatro tra le nuvole

Saturday
Mar 28th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Archivio video Beckett, Bernhard, Scabia: Teatrino Giullare getta la maschera

Beckett, Bernhard, Scabia: Teatrino Giullare getta la maschera

E-mail PDF

La stanza - Teatrino GiullareFondato e diretto da Giulia Dall’Ongaro ed Enrico Deotti, Teatrino Giullare "ha come costante della propria ricerca teatrale l'idea di attore artificiale, di esplorazione dell’espressività tramite il limite fisico".

Grazie ad una capacità espressiva di livello straordinario, dal 1995 (data di fondazione della compagnia durante il corso di drammaturgia di Giuliano Scabia al Dams di Bologna) fino ad oggi, sono stati allestiti spettacoli mostre e laboratori in tutta Italia e in molti paesi del mondo: oltre all'Europa, Canada, Argentina, Uruguay, Colombia, Guatemala, Etiopia, Kenia, Bielorussia, Turchia, Pakistan, India, Iran, Israele, Marocco, Egitto...
Dal 2005 la compagnia è impegnata nel progetto di sperimentazione "L’artificio in scena" che ha già prodotto gli allestimenti di "Finale di partita" di Beckett, "Alla meta" di Bernhard, "Lotta di negro e cani" di Bernard-Marie Koltès e "La stanza" di Harold Pinter, che ha debuttato ad Udine nel festival dedicato al grande drammaturgo.

E’ stata questa l’occasione per incontrare Deotti e sviluppare un discorso più puntuale sulla poetica di Teatrino Giullare, in particolare sull’indagine che stanno portando avanti su alcuni importanti classici del Novecento, attraverso il loro uso di artifici e filtri per ricercare ed esaltare la natura più intima dei testi.

Se la prima parte del progetto ha vinto il premio speciale Ubu 2006 per la profondità d’interpretazione dei classici contemporanei ed ha riscosso un grande interesse di pubblico e critica, anche la seconda non manca di attrarre lo spettatore, in un’atmosfera in cui deve confrontarsi con lo straniamento della maschera, l’uomo burattino, il rapporto fra umano e disumano e il freddo siderale della parola del Novecento.

Da domani al 2 maggio, in occasione delle Giornate teatrali di Colle Ameno 2010 (Sasso Marconi - Bologna), parteciperanno al cantiere di teatro contemporaneo con spettacoli, laboratori ed incontri dedicati alla drammaturgia, alla formazione, all'innovazione teatrale. Si tratta di un originale percorso che sperimenta commistioni di tecniche, affiancando il lavoro sull'attore alla ricerca di soluzioni sceniche ed espressive originali.
Il 30 aprile alle 21 si svolgerà proprio l’incontro con Teatrino Giullare, intitolato "Il teatro al limite dell’umano": il pubblico si confronterà con letture di brani tratti da opere di Beckett, Bernhard, Scabia, proiezioni video e dimostrazioni artistiche.
E per chi avesse perso l’occasione di Udine, la sera del 1° maggio sarà possibile assistere alle prove aperte de "La stanza" di Pinter, il nuovo spettacolo prodotto da Teatrino Giullare e CSS-Teatro Stabile di Innovazione del Friuli Venezia Giulia: una storia di solitudine, insicurezza, pericolo incombente dai risvolti comici ed inquietanti che anticipiamo nel video di oggi, insieme all’intervista a Enrico Deotti realizzata dopo il primo studio sullo spettacolo.

Hits: 2607

Commenti (0)


Leggi i commenti Nuovo commento

busy
 

Post correlati


Lo splendore dei supplizi - Fibre Parallele @ Milano, ATIR Teatro Ringhiera, 26-29 marzo

Last Seen

 

La colonia penale di Philip Glass rivive alla Tosse

Ad assistere a questo terrificante rito ci sono diverse figure: tra queste un ufficiale in...

 

12parole 7pentimenti di Rubidori Manshaft: noi, voyeur dell'ascolto

L’interrogativo sul volto dell’uno, l’insofferenza dell’altro, una richiesta di at...

 

La Sagra di Virgilio Sieni, una tiepida primavera

Troppo acerba la compagnia? Troppo stretto il tempo della preparazione per diventare veram...

 

Jessica and me. La biografia di Cristiana Morganti va in scena

Gli aneddoti si susseguono, alternandosi alla voce registrata di un'intervistatrice, parod...

 

Due + due = 5 La danza di Sanpapié nella giostra dei ricordi

Vento, battito: affiora un anelito di relazione. Questa danza morbida, incentrata su bacin...

 

L'Edipo di Muscato: un Allegri col naso rosso

L’Edipo raccontato da Testori è un portatore, a tratti inconsapevole, di valori alte...

 

Una settimana per Jon Fosse: giovani regie per riscoprire l'autore norvegese

In una settimana secca, ecco apparire a Roma un bignami agile agile di Jon Fosse: tre spet...

 

Augenblick. L'immersione nel presente di Amaranta / Orma Fluens

Fantasmi in carne e ossa si aggirano nell'ambiente immersivo e multisensoriale che la comp...

Facebook Twitter Google Bookmarks RSS Feed 

Video

 

Ero. L'abbraccio intimo di César Brie

Lo abbiamo incontrato a Milano dopo una replica del suo ultimo spettacolo, “Ero”, curi...

 

Tra i desideri spirituali di Milena Costanzo. Videointervista

Negli ultimi due anni, oltre all’attività della compagnia, ha portato avanti un partico...

 

Luoghi Comuni dal mondo. Il teatro internazionale s'incontra a Bergamo

Come nelle edizioni precedenti del festival, presentato ieri in conferenza stampa, ci sar...

 

Luca Radaelli e il suo Invito al teatro popolare di ricerca. Intervista

 

Amanti delle figure. Intervista a Teatrino Giullare

Conosciamo da molto tempo Teatrino Giullare, alias Giulia Dall'Ongaro ed Enrico Deotti, fi...

 

10 anni di Piccola Compagnia della Magnolia. Intervista a Giorgia Cerruti