Eric Salama. Speciale La Bâtie. I giovani protagonisti della scuola svizzera – 2^ parte

La Batie - Festival de Genève
La Batie - Festival de Genève

La Batie – Festival de Genève

Terza intervista è quella ad Eric Salama, giovane regista che sceglie di sviluppare una riedizione in chiave moderna del mito di Frankenstein. Andato in scena in uno degli spazi del Théâtre Saint-Gervais, il Frankenstein di Salama parte dalla ricostruzione del fatto che Mary Wollstonecraft Shelley, autrice del celebre romanzo, abbia immaginato la sua creatura proprio a Ginevra. Di qui una pièce, affidata a interpreti di caratura espressionista, che cerca di ragionare sull’integrazione del diverso ai giorni nostri, pensando ad un ritorno del “mostro” a Ginevra con i suoi relativi problemi di integrazione: dal visto all’accettazione sociale, passando per la tv che tutto trita e risputa. A tratti acuto e psicologico, a volte appesantito da una drammaturgia non proprio dinamica, lo spettacolo disperde un po’ di energia nel suo svolgersi, pur mantenendo diverse buone intuizioni.

 

Eric Salama

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *