50 edizioni di Premio Riccione e il bando 2009

premio riccione

premio riccioneCinquantesimo anniversario per il Premio Riccione per il teatro, a cui partecipano ogni edizione circa 400 fra scrittori, teatranti, attori e registi, spesso debuttanti. Un compleanno, questo, significativo e sottolineato questa mattina nella conferenza stampa ospitata al Teatro Bonci di Cesena. Un’occasione per presentare, oltre al bando, anche la nuova giuria 2009, formata da: Umberto Orsini (presidente), Valerio Binasco, Andrea De Rosa, Rodolfo di Giammarco, Federica Fracassi, Cesare Lievi, Piero Maccarinelli, Fausto Paravidino, Lorenzo Pavolini, Ottavia Piccolo e Anna Proclemer.

Il Premio Riccione viene attribuito ogni due anni all’autore di un’opera originale in lingua italiana o nelle lingue dialettali, mai rappresentata in pubblico, come contributo allo sviluppo della drammaturgia contemporanea. All’autore del testo sarà assegnato un premio di 7500 euro. La giuria attribuirà inoltre il Premio Riccione Pier Vittorio Tondelli, di euro 2500, al testo di un giovane autore nato dopo il 31 dicembre 1978. E potrà segnalare altri lavori presentati, con apposite motivazioni.
Infine, un premio di produzione di 30.000 euro per concorso alle spese di allestimento sarà successivamente assegnato alla compagnia, al teatro o al festival il cui progetto di messinscena dell’opera vincente abbia ricevuto il gradimento dell’autore. Tale premio di produzione verrà conferito all’atto della prima rappresentazione pubblica del testo vincitore.

Data la ricorrenza della 50^ edizione del premio, la partecipazione è aperta anche agli autori che abbiano già conseguito il primo premio in precedenti edizioni.
Il termine di consegna dei testi è fissato per lunedì 2 febbraio 2009. La premiazione avrà invece luogo a Riccione il 2 giugno 2009.


Intanto questo fine settimana, al teatro comunale Niccolini di San Casciano Val di Pesa (FI), andrà in scena la prima nazionale del testo vincitore della 49^ edizione del premio: Le conversazioni di Anna K., testo di Ugo Chiti liberamente ispirato a La metamorfosi di Franz Kafka, che vedrà sul palco Giuliana Lojodice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *