Poeti, saltimbanchi e maschere di Aldo Palazzeschi. A cura di Marta Barbaro

Aldo Palazzeschi
Aldo Palazzeschi

Aldo Palazzeschi in una fotografia di Mario Nunes Vais (1913)

Tra le ultime novità pubblicate da ETS c’è “I poeti-saltimbanchi e le maschere” di Aldo Palazzeschi.
Lo studio propone un percorso attraverso le diverse maschere clownesche a cui poeti e scrittori, tra Ottocento e Novecento, hanno affidato la rappresentazione simbolica dell’atto poetico. Se l’estraneità, la diversità esibita, l’appartenenza ad una dimensione altra, codificate allegoricamente dal travestimento, dal costume e dal trucco, sono tratti comuni a molte figure di poeti-saltimbanchi, la simbologia cromatica e corporea si presta ad interpretare un atteggiamento esistenziale, epistemologico e poetico ogni volta diverso.

La ricerca effettuata da Marta Barbaro individua una differenza sostanziale fra la mitopoiesi ottocentesca e le risimbolizzazioni novecentesche, legate alla scelta da parte del poeta di una maschera tragica o comica, malinconica o carnevalesca, bianca o rossa.

In questa genìa di autori ‘in maschera’ spicca la figura di Aldo Palazzeschi: nella sua produzione poetica la figurazione clownesca si presenta con caratteri di continuità particolarmente insistiti ed originali, facendone un modello di riferimento, non solo nel contesto letterario italiano ma anche nel più vasto orizzonte europeo. Una scrittura, quella dell’autore dell’Incendiario, che rinuncia a darsi una regola definitiva, restituendoci la figura di un poeta clown, ‘ironista’ e ‘dilettante’, che si diverte a cambiare continuamente la propria maschera e ad essere contemporaneamente interprete e spettatore della sua poesia.

I poeti-saltimbanchi e le maschere di Aldo Palazzeschi
Barbaro Marta
Ed. ETS
148 pp.
2008

Acquista il libro su IBS

No Comments

  • Cifernews ha detto:

    Grande Genio !Peccato,come affermava Cresci, che abbia lasciato in eredita’ giovani amanti spregiudicati che si sono fregiati di sue prefazioni, approfittando degli ultimi periodi di malattia…

Comments are closed.