La Cantica per tre voci di Anagoor

Cantica

Cantica (photo: anagoor.com)

Suggestiva la performance di Anagoor. Seguendo i lumi e il profumo di citronella tra i boschetti e le radure di Villa Revedin Bolasco, il pubblico si ritrova immerso nell’arena buia della Cavallerizza, circondato dalla presenza di decine di statue barocche di Orazio Marinali.
Sprofondati in una nebbia artificiale, che rimanendo a mezz’aria permette di avere come punto di riferimento solo la luna tra gli alberi, ci troviamo avvolti da un’aura tra sacro e profano dovuta alla commistione fra un coro di voci antiche e ritmi eccentrici e sperimentali eseguiti dal vivo da Mauro Martinez. Suoni che, se in alcuni momenti favoriscono l’intensità poetica corale, in altri la profanano, spezzandola e sovrastandola. In particolare nel primo movimento corale, quando la sensazione di sospensione, per effetto della nebbia, del buio e della quasi assenza dei protagonisti, che completamenti vestiti di nero si mimetizzano nell’oscurità dell’arena, è interrotta bruscamente da un frastuono forte e graffiato, esploso come fosse sfuggito al controllo del tecnico. Prendendo il sopravvento rompe completamente quell’atmosferica onirica, creando una sensazione di disturbo e la spontanea protezione delle orecchie con i palmi delle mani.

E’ un contrasto così forte che il secondo movimento a voce singola, di tonalità bassissima, sillabato e spezzato, pare come una raccolta dei cocci di quel che rimane della parte corale.


Cantica, termine che in latino indica le parti liriche della tragedia classica cantate da un solo attore, è anche ciascuna delle tre parti in cui è suddivisa la Commedia dantesca. E tre sono, per Anagoor, i movimenti scelti nella perfomance: Caduta e moto vorticoso, Fondo immobile e Ascensione. Così per i tre esecutori, a cui bisogna fare i nostri complimenti: Paola Dallan, Serena Bussolaro e Marco Menegoni.

Una scelta insolita quella di Anagoor che, oltre allo “sconcerto” di suoni, ne ha sicuramente creato uno fra gli uditori.

CANTICA
voci: Paola Dallan, Serena Bussolaro, Marco Menegoni
musiche originali ed esecuzione dal vivo: Mauro Martinuz
disegno e guida vocale: Paola Dallan
costumi: Serena Bussolaro, Simone Derai
produzione: Anagoor
durata: 22’
applausi del pubblico: 34’’

Visto a Castelfranco Veneto (TV), Cavallerizza di Villa Revedin Bolasco, l’11 settembre 2008
Vox Hominum

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *