Sviluppare un personaggio attraverso le immagini – Workshop intensivo condotto da Lenard Petit

Lenard PETIT è direttore del Michael Chekhov Acting Studio e autore del libro “The Michael Chekhov Handbook for actor”. Ha lavorato nel teatro per trenta anni collaborando con altri artisti a creare opere originali per il teatro, il cinema e la televisione. Ha diretto opere teatrali e performance più volte a Broadway e dentro e al di fuori degli Stati Uniti. Come attore si è esibito in alcune opere di registi importanti come Julie Taymor, Meredith Monk, Richard Foreman, Ping Chong, e molti altri. 
“In questo workshop utilizzeremo gli strumenti che Michael Chekhov ci ha lasciato per esplorare il personaggio. Lavoreremo attraverso i principi di “Thinking, Feeling e Willing” (Pensare-Sentire-Volere) incorporando immagini. Si tratta di lavorare praticamente sui centri immaginari, sul corpo immaginario, sulle atmosfere personali e gli archetipi.
Michael Checov insisteva nel dire che il personaggio deve essere una creazione ed è parte stessa della composizione dell’opera. Il personaggio non è meramente un’estensione di sé.
Questo workshop mira a muovere gli attori dal personale. A connetterli con la loro individualità creativa, che è più ampia della dimensione personale e che più oggettivamente offre all’attore un’opportunità di trovare la liberazione dall’Io e dalle limitazioni naturalmente presenti nell’approccio soggettivo alla recitazione.” Lenard Petit
Il workshop propone un approccio psico-fisico alla recitazione basato sui principi artistici trasmessi da Michael Chekhov. La tecnica è stata sviluppata come strumento per consentire all’attore di integrare all’interno della sua individualità quelle caratteristiche archetipiche comuni a tutti gli esseri umani.
Il lavoro è immaginativo più che personale, fisico più che intellettuale. Si lavorerà con gli impulsi e l’energia, la trasformazione e la creazione, indagando il mondo del sentire quale sensazione e movimento. Essendo il corpo umano uno strumento espressivo, si porrà particolare attenzione alla sua relazione con lo spazio e alle direzioni in cui ci si muove attraverso questo spazio. I principi della creazione artistica come forma, ritmo, tempo, obiettività e immaginazione sono fondamentali per il lavoro di attore, ma tutti gli elementi necessari per una performance ispirata sono già presenti all’interno dell’artista e hanno solo bisogno di essere risvegliati attraverso l’uso di immagini e del corpo.
Si imparerà ad applicare le tecniche specifiche del lavoro sul personaggio: Centri immaginari, Atmosfere personali, Archetipi, Corpo immaginario e Gesto psicologico. 
La proposta che caratterizza il workshop è quella di unire la tecnica di Michael Chekhov allo studio del personaggio, parte di una pièce, e comprendere così in pratica come applicare al testo i vari elementi del metodo. Gli attori dovranno venire preparati a lavorare su un personaggio specifico tratto da qualsiasi opera scritta da Anton Chekhov.
Il corso, della durata di una settimana, si svolgerà a Roma da martedì 22 a lunedì 28 Maggio 2012, dalle 10.00 alle 17.30, presso il Centro per la ricerca teatrale Fonderia 900, via Assisi 33 – http://fonderia900.org
Il numero minimo è di 15 partecipanti e il massimo di 20. La partecipazione al workshop prevede una quota di 500 euro. Di questi, una metà dell’importo va versata entro e non oltre il 1 Maggio e la seconda metà al momento dell’arrivo.
Chi verserà l’intera quota di partecipazione entro il 15 Marzo potrà usufruire di uno sconto di 100 euro, pagando dunque 400 euro totali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *