Privacy Policy

Krapp's Last Post | Teatro tra le nuvole

Sunday
Aug 02nd
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Archivio video Lorenzo Gleijeses: gioie e dolori dei figli d'arte

Lorenzo Gleijeses: gioie e dolori dei figli d'arte

E-mail

Lorenzo GleijesesQuando nel 2006 ha vinto il premio Ubu come miglior nuovo attore, non gli sarà parso vero, finalmente, di uscire dalla sindrome del "figlio di…".

Lorenzo Gleijeses, classe 1980, debutta nel '91 con il padre Geppy e Regina Bianchi: ha solo undici anni. Un privilegio riservato a pochi. Figuriamoci se si pensa alle possibilità avute, ancora giovanissimo, di lavorare con registi come Squarzina, Pugliese, Guicciardini, per non dire delle esperienze cinematografiche come quella del 2000 nel film "Gabriele", al fianco di Mario Scaccia e in diverse altre fiction prodotte dalla Rai.

E' qui, però, che Lorenzo deve aver maturato l'intima necessità di interrompere "il viaggio con papà" per cercare una strada autonoma. Questo persorso lo porta, nei successivi quattro anni, a confrontarsi con diversi tipi di pedagogie teatrali e con maestri internazionali come Lindsay Kemp, Eimuntas Nekrosius, Yoshi Oida, Eugenio Barba, il Workcenter di Jerzy Grotowski. Fino ad arrivare al 2004, quando è il protagonista maschile di "Romeo e Giulietta" sotto la guida di Nikolaj Karpov, direttore del dipartimento di biomeccanica del Gitis di Mosca.

Da questo momento si sviluppa una cifra stilistica individuale, fatta di collaborazioni importanti. Il sodalizio più rilevante è quello con Julia Varley dall'Odin Teatret: insieme creano lo spettacolo "Il figlio di Gertrude", per il quale Gleijeses vince l'Ubu del 2006 e viene candidato ai Premi Eti come migliore attore emergente. L'anno successivo arriva un'ulteriore collaborazione con la Varley, "L'esausto", che debutta al Mercadante di Napoli in maggio.
Sempre nel 2007 è Enrico V (Il Principe Hal) nel "Falstaff" di Mario Martone e instaura una collaborazione con Egumteatro (Virginio Liberti e Annalisa Bianco), che porterà alla nascita di "Che Tragedia!", spettacolo che ha finito la sua tournée da appena una settimana.
Ora è a Brescia, dove, al Teatro Sociale, è in replica fino a domenica, 8 febbraio, con "Ditegli sempre di sì" di Eduardo de Filippo: un ritorno al lavoro con il padre, oltre che con Gennaro Cannavacciuolo. Prodotto dallo Stabile di Calabria, lo spettacolo proseguirà poi la tournée a Verona e Milano.

Durante l'intervista, realizzata a dicembre all'Out Off di Milano in occasione di una rassegna dedicata proprio a Lorenzo Gleijeses, ci siamo tolti lo sfizio, fra le altre cose, di chiedere al giovane attore se e in che misura si sentisse un privilegiato o un raccomandato. Sentite, però, cosa ci ha risposto…

Hits: 4698

Commenti (0)


Leggi i commenti Nuovo commento

busy
 

Last Seen

 

Decameron. Il Boccaccio di Farneto Teatro diventa kolossal

Un impianto teatrale classico, regia pittorica e quadri eleganti. Avventure d’amore, sch...

 

I Racconti d'estate di Celestini, perso tra storie e controstorie

Sulla scena un uomo dalla straordinaria capacità affabulatoria, quella da tutti riconosci...

 

Caro George. Stabilemobile nel ritratto lacerante di Bacon

C’è la Parigi dei boulevard e delle gallerie d’arte, struggente e patinata; c’è l...

 

Il marito di Lolo. Il lato tragico più hard dell'amore

Alla fine de “Il marito di Lolo”, in scena al Teatro Franco Parenti di Milano, su nove...

 

Attraversamenti. Beckett e Giacometti guidano il nuovo viaggio di Lupinelli

Della forza del teatro come testimone di un ‘hic et nunc’ altrove raro parliamo oggi a...

 

Le Metamorfosi di Fortebraccio Teatro illuminano Inequilibrio

Ha giocato di bianco e nero l’attore e regista romano, mescolando performance, danza e t...

 

Monica Faggiani: Questa sono io. Ma se la verità fosse un'altra?

Ma ad un certo punto la showgirl, in diretta tv ospite di Furio Mosca, estrae dalla borset...

 

I bambini di Abbondanza/Bertoni, sequenze per il futuro

Ecco dunque che ci facciamo sostenitori, in quanto fruitori, ma anche in quanto genitori, ...

Facebook Twitter Google Bookmarks RSS Feed 

Video

 

Quotidiana.com: i nostri tre capitoli per una buona morte. Intervista

“L'identità politica del nostro teatro è la costante in una ricerca estetica e di ling...

 

Cosa resterà di Čechov: videointervista a Carmen Giordano e Renzo Rubino

Il secondo movimento di questa sorta di polittico informale è andato in scena a Milano ne...

 

IETM 2015. Voci e immagini dal meeting di Bergamo

Più di 600 rappresentanti di strutture teatrali di tutto il mondo hanno così riempito i ...

 

Il Magazzino 18 di Simone Cristicchi: tra i conflitti della storia

Per Cristicchi, una furba operazione politica, una faziosa strumentalizzazione o un capola...

 

Ero. L'abbraccio intimo di César Brie

Lo abbiamo incontrato a Milano dopo una replica del suo ultimo spettacolo, “Ero”, curi...

 

Tra i desideri spirituali di Milena Costanzo. Videointervista

Negli ultimi due anni, oltre all’attività della compagnia, ha portato avanti un partico...