Krapp's Last Post | Teatro tra le nuvole

Sunday
Apr 26th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Archivio video Lorenzo Gleijeses: gioie e dolori dei figli d'arte

Lorenzo Gleijeses: gioie e dolori dei figli d'arte

E-mail

Lorenzo GleijesesQuando nel 2006 ha vinto il premio Ubu come miglior nuovo attore, non gli sarà parso vero, finalmente, di uscire dalla sindrome del "figlio di…".

Lorenzo Gleijeses, classe 1980, debutta nel '91 con il padre Geppy e Regina Bianchi: ha solo undici anni. Un privilegio riservato a pochi. Figuriamoci se si pensa alle possibilità avute, ancora giovanissimo, di lavorare con registi come Squarzina, Pugliese, Guicciardini, per non dire delle esperienze cinematografiche come quella del 2000 nel film "Gabriele", al fianco di Mario Scaccia e in diverse altre fiction prodotte dalla Rai.

E' qui, però, che Lorenzo deve aver maturato l'intima necessità di interrompere "il viaggio con papà" per cercare una strada autonoma. Questo persorso lo porta, nei successivi quattro anni, a confrontarsi con diversi tipi di pedagogie teatrali e con maestri internazionali come Lindsay Kemp, Eimuntas Nekrosius, Yoshi Oida, Eugenio Barba, il Workcenter di Jerzy Grotowski. Fino ad arrivare al 2004, quando è il protagonista maschile di "Romeo e Giulietta" sotto la guida di Nikolaj Karpov, direttore del dipartimento di biomeccanica del Gitis di Mosca.

Da questo momento si sviluppa una cifra stilistica individuale, fatta di collaborazioni importanti. Il sodalizio più rilevante è quello con Julia Varley dall'Odin Teatret: insieme creano lo spettacolo "Il figlio di Gertrude", per il quale Gleijeses vince l'Ubu del 2006 e viene candidato ai Premi Eti come migliore attore emergente. L'anno successivo arriva un'ulteriore collaborazione con la Varley, "L'esausto", che debutta al Mercadante di Napoli in maggio.
Sempre nel 2007 è Enrico V (Il Principe Hal) nel "Falstaff" di Mario Martone e instaura una collaborazione con Egumteatro (Virginio Liberti e Annalisa Bianco), che porterà alla nascita di "Che Tragedia!", spettacolo che ha finito la sua tournée da appena una settimana.
Ora è a Brescia, dove, al Teatro Sociale, è in replica fino a domenica, 8 febbraio, con "Ditegli sempre di sì" di Eduardo de Filippo: un ritorno al lavoro con il padre, oltre che con Gennaro Cannavacciuolo. Prodotto dallo Stabile di Calabria, lo spettacolo proseguirà poi la tournée a Verona e Milano.

Durante l'intervista, realizzata a dicembre all'Out Off di Milano in occasione di una rassegna dedicata proprio a Lorenzo Gleijeses, ci siamo tolti lo sfizio, fra le altre cose, di chiedere al giovane attore se e in che misura si sentisse un privilegiato o un raccomandato. Sentite, però, cosa ci ha risposto…

Hits: 4616

Commenti (0)


Leggi i commenti Nuovo commento

busy
 


Last Seen

 

Nella Sweet Home Europa di Carnevali: questa è Casa nostra

In modo allusivo capiamo che l’Uomo apparterrebbe alla sponda europea del Mediterraneo, ...

 

N.N. I Figli di nessuno nelle generazioni di Teatro i

Al primo atto del trittico di Garolla sono poi seguiti altri due testi, “Solo di Me - Se...

 

A Milano Elena Russo Arman è Emily Dickinson tra parole e musica

Il rock venato di punk di Novaga, ora delicato, ora aspro e ruggente, è il nudo contrappu...

 

Sieni nelle Pieghe del corpo, da Pasolini a tutti noi

Fanno da contrappunto alla potenza del coro il cui respiro permea lo spazio, passando dagl...

 

Amletò. Con Giancarlo Sepe Shakespeare si rifugia a Parigi

Sull’esempio collodiano servirebbe una fata, e al principe danese si palesa anche nelle ...

 

L'Onorata società di Niccolini incontra Patricia Zanco

È il disastro del Vajont.“Onorata società”, scritto da Francesco Niccolini per la re...

 

Le Divine parole di Michieletto: l'incenso offusca la liturgia

Anche questo allestimento vive di una forma assai curata, per la quale ogni sequenza delle...

 

La Lezione di Ionesco perde mordente con Binasco

I tre interpreti garantiscono allo spettacolo un’intrinseca e spontanea comicità, che s...

Facebook Twitter Google Bookmarks RSS Feed 

Video

 

Il Magazzino 18 di Simone Cristicchi: tra i conflitti della storia

Per Cristicchi, una furba operazione politica, una faziosa strumentalizzazione o un capola...

 

Ero. L'abbraccio intimo di César Brie

Lo abbiamo incontrato a Milano dopo una replica del suo ultimo spettacolo, “Ero”, curi...

 

Tra i desideri spirituali di Milena Costanzo. Videointervista

Negli ultimi due anni, oltre all’attività della compagnia, ha portato avanti un partico...

 

Luoghi Comuni dal mondo. Il teatro internazionale s'incontra a Bergamo

Come nelle edizioni precedenti del festival, presentato ieri in conferenza stampa, ci sar...

 

Luca Radaelli e il suo Invito al teatro popolare di ricerca. Intervista

 

Amanti delle figure. Intervista a Teatrino Giullare

Conosciamo da molto tempo Teatrino Giullare, alias Giulia Dall'Ongaro ed Enrico Deotti, fi...