Luoghi Comuni dal mondo. Il teatro internazionale s’incontra a Bergamo

Regeneration (photo: Alessandro Sala)
Regeneration (photo: Alessandro Sala)

Regeneration (photo: Alessandro Sala)

Internazionale? E’ meglio! Ecco perché sarà un’edizione speciale quella di Luoghi Comuni 2015.

Il festival delle residenze lombarde, organizzato ogni anno dall’associazione Etre, tornerà a Bergamo (ma non solo) dal 23 al 26 aprile per una settima edizione molto composita. Al suo interno, infatti, si terrà anche lo Spring Meeting dell’IETM – International network for contemporary performing arts, organismo che conta più di 500 soci da oltre 50 Paesi del mondo, e che nell’organizzare due incontri plenari l’anno nelle principali città europee, torna nel 2015 in Italia dopo dieci anni.
Per l’occasione, che porterà a Bergamo decine di operatori da tutto il mondo, Luoghi Comuni si moltiplicherà in tre sezioni.
Nei tre giorni del festival verranno infatti proposti agli ospiti stranieri alcuni degli artisti e delle compagnie più stimolanti del panorama italiano, da Santasagre a Teatro delle Briciole, da Tagliarini e Deflorian ai danzatori di Zerogrammi e Balletto Civile, da Fibre Parallele ad Alessandro Sciarroni

Come nelle edizioni precedenti del festival, presentato ieri in conferenza stampa, ci sarà ampio spazio per le compagnie di Etre. Accanto alla programmazione di Bergamo, i gruppi che fanno parte delle residenze lombarde avranno la possibilità di presentarsi attraverso quattro maratone che si svolgeranno tutti i giorni, dalle 17 alle 23, in altrettanti luoghi della provincia lombarda, sedi di alcune delle residenze.
Il 22 aprile, in un prefestival particolare, sulle montagne lecchesi di Campsirago, si esibiranno ScarlattineTeatro, NudoecrudoTeatro, Riserva Canini, Sanpapié, Qui e Ora, Collettivo Pirate Jenny; venerdi’ 24 e sabato 25, presso la Residenza Idra di Brescia, sarà al volta di Teatro delle Moire, CeC, delleAli, Animanera, Teatro Magro; mentre a Cusano Milanino, da Aia Taumastica, arriveranno Atir e Ilinx. Infine domenica 26, presso la Casa di reclusione di Milano – Bollate, ospiti Teatro Periferico con il suo progetto sui manicomi e Teatro IN-Stabile, che ha la sede proprio a Bollate.


La parte internazionale dello IETM ha in programma di confrontarsi su un tema ormai onnipresente e onnicomprensivo: come uscire dalla crisi e sviluppare un futuro sostenibile riconnettendo artisti, organizzazioni e pubblico, rigenerando al contempo pratiche e risorse.
Si spera potrà essere occasione di stimolo e confronto a lungo termine anche tra il sistema nazionale e la comunità internazionale dello spettacolo dal vivo, alimentando il dibattito su strategie e modalità sperimentali da coltivare nel tempo.

Per capire meglio di cosa si occupa il network abbiamo chiesto a Cristina Carlini, coordinatrice di Etre, di illustrarcene le caratteristiche principali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *