Nasce Made in RE, il marchio per lo spettacolo dal vivo sul territorio reggiano

Nasce Made in RE, il marchio che da oggi contraddistingue un certo tipo di attività inerente allo spettacolo dal vivo che nasce e si sviluppa sul territorio reggiano. A darne vita è l’unione di quattro associazioni che da anni operano sul territorio provinciale nell’ambito del teatro di prosa e della musica: La Corte Ospitale, il Centro Teatrale MaMiMò, TacaDancer e il Teatro Sociale di Gualtieri si uniscono in una sorta di consorzio e firmano il 13 marzo 2012 un protocollo d’intesa con l’obiettivo di proseguire il lavoro finora condotto nell’ottica della valorizzazione delle esperienze e delle peculiarità dei singoli e della sperimentazione di buone prassi innovative, ottimizzando costi e risorse. 
Principio comune e punto di partenza è la costituzione di un paradigma operativo che caratterizzi il lavoro quotidiano di ciascuna associazione, e che porti alla realizzazione di attività comuni, nel rispetto delle reciproche specificità: il primo appuntamento condiviso sarà un evento-rassegna programmato entro il mese di settembre 2012.
Tra le altre attività comuni il consorzio prevede di incentivare la circuitazione negli spazi gestiti dalle strutture protagoniste della proposta degli spettacoli prodotti dalle strutture con capacità produttiva; di dare vita a stagioni teatrali con appuntamenti condivisi; di coltivare strategie coordinate di formazione del pubblico; di prestare attenzione ai linguaggi della contemporaneità; di relazionarsi con il territorio, a partire soprattutto dal mondo socio-economico, per trovare valide ed esportabili strategie di valorizzazione delle risorse: di creare in sintesi un sistema virtuoso di produzione e gestione dello spettacolo dal vivo nel territorio di questa provincia.
Anche il Comitato Provinciale Arci di Reggio Emilia, che sostiene la realizzazione e la promozione di iniziative culturali di qualità, supporta l’iniziativa, condividendo i principi generali che muovono all’identificazione di un marchio che caratterizzi la produzione locale.
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *