Visioni: la danza italiana – idea e immagini di Marco Caselli Nirmal

Dopo la fortunata esposizione della mostra intitolata Omaggio a Pina Bausch, allestita sotto i Portici del Teatro di Ferrara in occasione del Festival di Danza Contemporanea 2010, il Teatro Comunale presenta una nuova mostra fotografica dedicata alla danza:

VISIONI / La Danza Italiana
idea e immagini di Marco Caselli Nirmal
Rischiosi e domestici sguardi sul contemporaneo ferrarese
nelle immagini scattate al Teatro Comunale di Ferrara.

Fragilità e pienezza: Visioni è uno spaccato, un campione da prelievo geologico, un “carotaggio” rappresentativo della migliore danza italiana.
L’apertura è dedicata ad Aterballetto con un’immagine dell’allestimento di Giulietta e Romeo (2007), firmato da Mauro Bigonzetti e da Fabrizio Plessi, artista che negli anni 80 e 90 è stato esponente di riferimento del Centro Video Arte di Ferrara.
La ricerca creativa dei giovani coreografi e danzatori italiani è segnalata da una serie di immagini che sottolineano i molti modi in cui si può coniugare la contemporaneità:
Valentina Buldrini in Nicator (2006); Simona Bertozzi in L’endroit 2 (2007); Teodora Castellucci con À elle vide (2007); Kinkaleri con Alcuni giorni sono migliori di altri (2008); Alessandro Sciarroni in Cowboys (2009); Francesca Pennini CollettivO CineticO in XD scritture retiniche sull’oscenità dei denti (2010).
Fra i maestri riconosciuti troviamo:
Virgilio Sieni con ORO del 2010, danzato anche da non professionisti ferraresi di  diverse fasce di età; Enzo Cosimi con I need more del 2004; Emio Greco con Hell 2009. La mostra propone inoltre un’anticipazione della stagione 2011/2012 con una immagine dalle prove di Traviata, nuova creazione di Monica Casadei per la sua compagnia Artemis Danza.
L’esposizione è chiusa da un frammento di paesaggio cittadino durante una performance di danza urbana realizzata da Urbanica nel 2010, allo Skatepark nella zona di viale Krasnodar.

La mostra VISIONI / La Danza Italiana sarà esposta sotto i portici del Teatro da settembre sino alla conclusione della stagione teatrale 2011/2012

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *