Terreni Creativi 2014

Krapp's Last Post | Teatro tra le nuvole

Tuesday
Jul 29th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Recensioni 2009 Mutando riposa. Memorie da un Eden in divenire

Mutando riposa. Memorie da un Eden in divenire

E-mail PDF

Mutando riposaVenti spettatori vengono introdotti in un giardino quadrato, coperto da un cielo stellato. E' appena passata una tempesta e gli alberi antropomorfi sono feriti, rinsecchiti. I frutti sparsi a terra sono mele, rimando ad un Eden perduto. Gli alberi in scena il doppio dei personaggi: "Due alberi fratelli, superstiti e malconci, piantati, come si usava, e talvolta s'usa ancora, nel giorno della nascita, memoria della 'storia naturale' e del vociare della terra dei morti in cui si mettevano, una volta, radici" spiega Stefano Geraci, autore dello spettacolo che trae il titolo da un frammento di Eraclito, simbolo della contraddittorietà del divenire.

La pièce, diretta da Roberto Bacci, prende avvio dal contrasto tra il terrigno personaggio abitato da Savino Paparella e la candida ed eterea figura impersonata da Tazio Torrini, due attori della Compagnia Laboratorio di Pontedera. Ma i contrasti e i congiungimenti in realtà sembrano essere più di uno: sacro e infernale, femminile e maschile, onirico e reale, infanzia ed età adulta, luce e buio, vita e morte...

Sulla scena i due personaggi, forse fratelli, si incontrano all’interno di un giardino che, un tempo rigoglioso, ha subìto un’improvvisa devastazione. Il guardiano, che per anni vi ha vissuto e l’ha coltivato, condurrà così il padrone alla scoperta di quello spazio dimenticato, costringendolo ad ascoltarne i canti, le memorie, i piccoli e grandi segreti.

Il contadino-Paparella si avvale dell'uso di un dialetto meridionale, intonato con voce grave, a fronte del parlare pulito e altisonante del padrone.
I personaggi conservano schegge di personaggi di spettacoli passati: Lucky e Pozzo, l'Idiota. Ancora Geraci afferma: "E' il piccolo recinto in cui abbiamo innestato l'artigianato teatrale [...] con alcuni materiali e temi di lavoro che sono rimasti ai margini, esclusi, accennati nella penombra degli spettacoli precedenti".
L'enorme lavoro tecnico di questa opera teatrale da camera conferisce alle azioni degli attori un carattere di estatica auto-contemplazione, tanto che il gioco virtuosistico avrebbe potuto spingersi fino a diventare danza ed escludere la parola.

Io voglio essere lontano da qui. Aspetta
E' il cielo che chiama me.
Hai visto a guardare le stelle dove si finisce? In terra coi vermi.
Io son nato che ero già morto.
[...] fratelli fatti di una creta scura nelle carni.

L'anima non ha confini e la ricerca di senso si spinge fino a cercare di toccare le stelle. Ma la forza brutale del giardiniere riporta ostinatamente i sogni alla terra e ce li inchioda, attraverso un rito "tribale" che impasta il cielo al terreno, fino all'agnizione finale, al ricongiungimento delle due metà e all'inizio di un nuovo viaggio verso l'ignoto, oltre la morte, forse.
Tutto scorre, panta rei, e gli uomini e le situazioni mutano l'una nell'altra senza soluzione di continuità.

Questo "Mutando riposa" è un'opera filosofica irta di concetti, idee e rimandi che, nonostante goda della bella e suggestiva scenografia di Mercio Medina, purtroppo non trova la necessaria comunicazione con il pubblico, pur avendolo letteralmente introdotto all'interno dell'azione scenica. 

A Pontedera fino a domenica 29 marzo e poi, a maggio, a Firenze nell’ambito del festival Fabbrica Europa.


MUTANDO RIPOSA
con: Savino Paparella e Tazio Torrini
regia: Roberto Bacci
drammaturgia: Stefano Geraci
musiche e composizione del suono: Ares Tavolazzi
durata: 57'
applausi del pubblico: 1' 50"

Visto a Pontedera (PI), Teatro Era, il 19 marzo 2009
Prima assoluta

Hits: 1301

Commenti (1)


Leggi i commenti Nuovo commento

busy
 


Last Seen

 

VolterraTeatro 14. Dentro al carcere l'ennesima volta è come la prima

Ma se, come era per me, non si è mai assistito ad uno dei lavori messi in scena dalla Com...

 

L'intenso Caronte di Jan Fabre per parlare di padri

Ma l’obolo è pagato, il nome viene detto, l’identità si trova e si riconosce. Il fum...

 

A Ostia Antica in scena è anche il patrimonio archeologico

Si salgono gli alti gradoni in marmo dell'anfiteatro, ci si accomoda, con la difficile sce...

 

Thomas Monckton e la risata che arriva dal Nord

Il ritmo del lavoro scorre, ed emerge una perfetta conoscenza dei tempi comici della risat...

 

Eve: cabaret negli stereotipi della misoginia

Al centro anche di una campagna di sensibilizzazione ministeriale, il tema della violenza ...

 

Alain Platel: da Kinshasa un'esplosione di energia e gioia

Come racconta lo stesso Platel, il ruolo del coreografo è stato sin dall'inizio quello di...

Facebook Twitter Google Bookmarks RSS Feed 

Video

 

Pergine Spettacolo Aperto, un quarantenne contemporaneo

 

Emma Dante: il teatro e la morte. Intervista

 

A Torino la Cavallerizza è tornata Reale

Ne abbiamo parlato con Maria Edgarda, portavoce per noi di Cavallerizza 14:45, assemblea ...

 

Di lavoro a teatro. Buon 1° maggio!

"Tu (non) sei il tuo lavoro" di Rossella Pastorino per la regia di Sandro Mabellini, un te...

 

A tu per tu con Arlecchino. Intervista a Ferruccio Soleri

Ferruccio Soleri Carlo Fava, Folco Orselli, Claudio Sanfilippo e Massimo Genchi racco...

 

Le relazioni pericolose di Valter Malosti. L'intervista