Napoli Teatro Festival Italia 2009: plurilinguista e multiculturale. Programma

Napoli Teatro Festival Italia 09

Napoli Teatro Festival Italia 09Si aprono le danze, o meglio i palcoscenici: la macchina del Napoli Teatro Festival Italia, con la sua imponente organizzazione attiva ormai da mesi, aprirà ufficialmente i battenti domani, attirando e tenendo impegnato il mondo teatrale napoletano e italiano, ma soprattutto accogliendo le nuove scene internazionali.

Il festival, alla seconda edizione, si svolgerà dal 4 al 28 giugno nei maggiori teatri partenopei e non solo. Dei 40 spettacoli in programma, più della metà sono prodotti o coprodotti, per un totale di oltre 250 rappresentazioni e 12 diverse lingue parlate in scena, 2.500 artisti, 18 paesi partecipanti, 20 nuove creazioni (alcune commissionate) e 28 testi originali.

L’intento è quello di presentare il contrasto, l’innovazione, l’unione Napoli-Europa, la multicultura napoletana e i multilinguaggi internazionali, il tutto messo in scena anche in siti inusuali: non solo il Teatro San Carlo o il Mercadante, ma anche il museo Madre, il Real Albergo dei Poveri – suggestiva ambientazione già sperimentata lo scorso anno -, o la Napoli Sotterranea. E ci sarà anche “Il teatro sommerso”, progetto ideato e realizzato da Ettore Massarese, che intende far scoprire al pubblico il teatro romano di via dell’Anticaglia, un tempo destinato ad accogliere migliaia di spettatori e oggi “sommerso” dalle tante stratificazioni abitative che negli anni l’hanno circondato e in parte ricoperto. Il teatro romano di 12.000 posti portato alla luce dalla Sovrintendenza sarà così adibito a luogo di performance, al quale si accederà attraverso abitazioni private. Alcuni spettacoli saranno seguiti dalle terrazze, con pubblico munito di cannocchiali ed auricolari, ad osservare le storie che si svolgono negli appartamenti dei palazzi intorno.

Il festival prevede anche una sezione parallela, E45 Fringe Festival (dall’autostrada europea E45 che unisce le strade dalla Finlandia a Gela, in Sicilia), in cui giovani artisti sono stati scelti fra le proposte scartate dal cartellone ufficiale. 27 spettacoli che andranno in scena sui palcoscenici del Nuovo Teatro Nuovo, del Trianon e del Teatro Instabile: tutte produzioni indipendenti che non chiedono di essere coprodotte e che hanno ricevuto il sostegno solo per la comunicazione e gli spazi loro assegnati.
A caratterizzare i lavori del festival non saranno solo le ambientazioni, le scelte linguistiche e culturali volontariamente mescolate, ma anche la volontà di presentare spettacoli continuamente in fieri. Molti autori e registi sono stati invitati a vivere a Napoli per un mese, spronati a conoscere la vera anima della città: da questi soggiorni sono nate collaborazioni, provini, mescolanze attoriali, nuovi spunti per i testi che, anche involontariamente, sono stati influenzati dalla naturale teatralità napoletana.

Come già nella prima edizione il festival punta a non essere dannoso per l’ambiente: l’ecosostenibilità viene perseguita adottando regole di compatibilità ambientale nelle attività teatrali, ma anche presentando una sezione di spettacoli dedicati espressamente ai temi ecologici.
Parallelamente agli spettacoli, la Summer School vedrà professori dell’ateneo napoletano e docenti stranieri alternarsi in diverse lezioni sul teatro.
Ma ci sarà anche il Festival d’Oltremare che aprirà i battenti all’inizio di luglio, mantenendo attiva questa molteplice macchina teatrale fino all’inizio della prossima stagione autunnale.

Tra i progetti commissionati dal Napoli Teatro Festival Italia c’è il testo di Manlio Santanelli “Napoli non si misura con la mente”, che si affianca ai lavori di Eugène Savitzkaya, Colum McCann e Antonio Skármeta. Inoltre diversi artisti napoletani, da Enzo Moscato ad Antonio Latella, da Vincenzo Salemme a Ruggero Cappuccio, sono stati invitati a presentare progetti speciali. E proprio a Moscato è affidato il debutto della rassegna con “Pièce Noire”, che lo vede per la prima volta anche regista del testo, in scena al Mercadante dal 4 al 6 giugno.
Dal 2008 il festival produce inoltre la prima Compagnia Teatrale Europea, composta da artisti di diversi paesi dell’Unione. Quest’anno la Compagnia è diretta dal ventottenne francese David Lescot, che propone la messinscena di “L’Européenne”, commedia – di cui è anche autore – sui limiti e i difetti dell’Unione: un testo con il quale ha vinto il Gran Prix de Littérature Dramatique 2008, e che sarà in scena dal 5 all’8 giugno al San Carlo.
Un workshop sul mito moderno ed europeo del Don Giovanni, diretto da Lukas Hemleb, anticipa invece la produzione per l’edizione 2010 della Compagnia.

L’attesa maggiore, in questa prima parte del festival, è infine per “Città visibili” di Chay Yew, con la regia di Giorgio Barberio Corsetti. Lo spettacolo, commissionato dal festival, è stato realizzato tra l’Italia e la Cina con diversi linguaggi, dalla danza alle maschere, e con attori sia italiani che orientali. La prima, in scena il 22 maggio a Singapore, prevedeva un palcoscenico rotante e un pubblico su scalinate da anfiteatro, mentre i personaggi provenivano dall’incrocio di strade cittadine. Vedremo cosa succederà nell’allestimento napoletano, in scena dal 6 al 14 giugno al Real Albergo dei Poveri.

No Comments

  • anonimo teatrale ha detto:

    fino ad oggi il festival non è che sia stato un esempio di “trionfi”

    Piece Noire di Moscato: voto 6 …si conferma ai suoi livelli … appunto. Sempreterno.Sempre lo stesso.
    L’europeene di Lescot: voto 4 … fare peggio delle troiane era difficile… Lescot c’è riuscito. Impresa.
    Le città visibili di COrsetti: voto 6 – – .. carino,graziosino.ma con gli stessi soldi si faceva un’altro festival. Spreco.
    W Niatri di ferracane pilli riondino: voto 7 alla bravura degli attori.6 al testo. la regia S.V. Coraggioso
    Land Lover di Berardi voto 6 … anche se il buonismo teatrale di certi salotti DEI piani alti lo fa passare per fenomenale. Bravo. Ma non fenomeno.
    Music Hall voto 8 al testo di Lagarce il resto è … pppesante. Ma fatto bene. Divide il pubblico. metà va via metà resta.

    VOTO 8 AL DOPO FESTIVAL. al PAN. bel luogo. bel servizio. buon vino e a gratis( sono soldi di noi contribuenti e ne approfittiamo).bella gente. Peccato che il pubblico “normale”non sia ammesso. Ce la cantiamo e ce la suoniamo.ma con gusto.
    VOTO 5 AL LAVORO SUL TERRITORIO (al momento) Napoli non pare informata di essere sede del festival più finanziato di Italia. Tra il pubblico operatori, critici, professionisti del settore, amici, parenti e affini.TANTI

    Waiting for….
    al prox aggiornamento

  • KLP ha detto:

    Praticamente è come se ci fossimo anche noi. Grazie anonimo, continua così!

  • anonimo teatrale ha detto:

    il secondo weekend del festival presenta finalemente tutto quello che ci si aspetta da un festival così GROSSO… la qualità appunto …ed eccola ( seppu in ritardo)

    voto 8.5 alla trilogia della villeggiatura di Antonio Latella : fortissima nella riscrittura del 1 atto di Letizia Russo, ritorna ai tempi\spazi goldoniani nel 2 per finire con delle immagini puramente … latelliane nel 3°. un omaggio al teatro .. a un certo teatro .. a un percorso. Notevole la differenza tra uno spettacolo9 che ha iuna siua storia .. una sua urgenza una sua progettualità estrinseca e tutte le commissioni deludenti viste sino ad ora.

    voto 7.5 a Interiors di Metthew Lenton ….un bellissimo lavoro . Una casa del nord europa …una cena … esseri umani quanto diversi quento uguali a molti di noi … non li sentiamo parlare … ma vivere si … commentati da una voce esterna che ci guida e ci lascia ancheun po sognare. Un bel lavoro. Attori bravissimi. FOrse un po troppo buonista e ammiccante nel finale. ma sarebbe stato un trionfo

    voto 2 al PAN … dopo l’8 della scorsa settimana mi devo ricredere … dopo solo 7 giorni quel clima ultra borghese e salottiero che veleggiava nelle terrazze di via dei mille ha preso il sopravvento … gli artisti del festival sembrano quasi poco accetti se non come fenomeni da baraccone da indicare ….mentre tavoli e attenzioni di imbellettati camerieri servono solo pochi distinti signori che evidentemente conteranno qualcosa nel jet set … clamoroso vedere gli attori restare digiuni e i signorotti che inevitabilmente arrivano prima ingozzarsi.
    Clamoroso poi quando alcuni di questi (molti) non vengono fatti entrare perchè già troppi in sala .
    Schifosamente borghese. mi ri credo ..e mi spiace

    a presto il 3 week end e l’ultimo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *