Novo Critico 2010. Il teatro di figura di Andrea Cosentino

Andrea Cosentino

Andrea Cosentino

Una nutrita folla di spettatori si è radunata di fronte allo spazio Kataklisma per il secondo appuntamento di Novo Critico, pronta ad assistere al secondo “match” tra gli artisti Andrea Cosentino e Francesco Picciotti e il critico Claudia Cannella.
“Esercizi di rianimazione” è il titolo che riassume i due frammenti presentati: il primo da Picciotti, all’esterno dello spazio al Pigneto, dove l’ormai celebre pupazzo di Artaud (praticamente un feticcio cosentiniano) mendica fuori da un teatro con voce registrata; il secondo da Cosentino, in una sala gremita dove l’artista improvvisa giocando con numerosi oggetti a lui cari e mettendoli in assurda relazione tra loro.
E la gente ride.

Di qui parte la provocazione, in forma di domanda al pubblico, di Claudia Cannella (direttrice del trimestrale Hystrio e redattrice del Corriere della Sera milanese): “Perché ridete?”, a domandarsi se quella di un pubblico per la maggior parte “complice” sia una risata spontanea oppure semplicemente un modo per sottolineare e ribadire la propria appartenenza a un mondo comune.

Ecco da dove parte il dibattito, in cui Cosentino e Picciotti spiegano il loro modo di intendere il teatro, sollecitati da Cannella che investiga quale sia il tema – o il non tema – che intendono raccontare. Il pubblico si anima, quasi si infervora. Molti gli interventi, quasi tutti però da parte dell’entourage cosentiniano.
Il valore aggiunto dell’evento resta sicuramente l’atmosfera rilassata e informale, con gli ironici rimandi e paragoni con “il pubblico del Teatro Eliseo”.

Ecco il resoconto video della serata, con cui vi diamo appuntamento al terzo match, quello fra Santasangre e Antonio Audino previsto per mercoledì, 20 ottobre, alle 16 all’Università Roma2.

Novo Critico 2010. Secondo appuntamento. 15 ottobre. Andrea Cosentino e Francesco Picciotti incontrano Claudia Cannella

Intervista ad Andrea Cosentino, Francesco Picciotti e Claudia Cannella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *