Terreni Creativi 2014

Krapp's Last Post | Teatro tra le nuvole

Friday
Aug 01st
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Partnership Novo Critico Novo Critico 2010. Ambra Senatore: frammenti ironici della nostra umanità

Novo Critico 2010. Ambra Senatore: frammenti ironici della nostra umanità

E-mail
Matteo Ceccarelli e Ambra Senatore Dopo il “reality senza show” di Daria Deflorian, Novo Critico torna a Kataklisma per dedicarsi alla danza. Ambra Senatore presenta con Caterina Basso un estratto dal divertentissimo “Passo”, in cui due figure gemelle raccontano lo spazio, perennemente in bilico tra vero e falso, tra errore voluto e imperfezione della visione, alla ricerca di un’ironia puntuale e una presenza estremamente personale.
Un “presenza ironica”, dunque, per azzardare una crasi, concetto dal quale prende vita il dibattito, guidato dal giovane ma già affermato critico Rodolfo Sacchettini. Nell’intervista avevamo messo in discussione il ruolo della critica in generale, per proiettarlo poi sulla danza come forma che spesso si inserisce, di traverso, a creare uno spazio teatrale altro tra performance e ragionamento.
Il lavoro di Ambra Senatore è la prova di questo inquadramento: un’ironia che è linguaggio complesso, che usa un’immagine per suggerirne un’altra e che richiama alla memoria un immaginario reale, familiare, perfettamente sintetizzato nel movimento scenico soprattutto quando ne si rappresenta la distorsione. “Passo” vede Ambra alle prese con il tema del doppio, dell’errore, ma soprattutto dell’omologazione. A chi le domanda se questa “giocosità” porti con sé anche un ragionamento, lei risponde che il suo obiettivo è “presentare un’umanità”. E allora tutto torna, ché ciascuno degli spettatori ha ritrovato nei momenti di spettacolo esperienze personali alle prese con l’assurdità della vita quotidiana, condensata – tramite il movimento del corpo ma anche e soprattutto la vivacità dello sguardo – in una sorta di viraggio grottesco e surreale, tra arti finti che cadono in terra e quel distacco nella rappresentazione, che è leggerezza, sì, ma di grado estremamente sottile. 

Novo Critico 2010. Nono appuntamento, 12 novembre. Ambra Senatore incontra Rodolfo Sacchettini

Intervista ad Ambra Senatore e Rodolfo Sacchettini

Hits: 2358

Commenti (0)


Leggi i commenti Nuovo commento

busy
 

Post correlati


Last Seen

 

Alpo Aaltokoski e Salla Hakanpää: a Teatro a Corte le eccellenze finlandesi

Un uomo solo ripercorre ogni muscolo del proprio corpo nel tentativo di indagare quel rapp...

 

La natura disarmante di Mårten Spångberg

Non solo. Ben vengano gli ultimi arrivati, i curiosi che si aggiungono a metà spettacolo,...

 

All’ImPulsTanz di Vienna l’unicità del sentire di Platel

Con il sostegno del Museum Quartier – il polmone museale di arte contemporanea della cap...

 

VolterraTeatro 14. Dentro al carcere l'ennesima volta è come la prima

Ma se, come era per me, non si è mai assistito ad uno dei lavori messi in scena dalla Com...

 

L'intenso Caronte di Jan Fabre per parlare di padri

Ma l’obolo è pagato, il nome viene detto, l’identità si trova e si riconosce. Il fum...

 

A Ostia Antica in scena è anche il patrimonio archeologico

Si salgono gli alti gradoni in marmo dell'anfiteatro, ci si accomoda, con la difficile sce...

Facebook Twitter Google Bookmarks RSS Feed 

Video

 

Pergine Spettacolo Aperto, un quarantenne contemporaneo

 

Emma Dante: il teatro e la morte. Intervista

 

A Torino la Cavallerizza è tornata Reale

Ne abbiamo parlato con Maria Edgarda, portavoce per noi di Cavallerizza 14:45, assemblea ...

 

Di lavoro a teatro. Buon 1° maggio!

"Tu (non) sei il tuo lavoro" di Rossella Pastorino per la regia di Sandro Mabellini, un te...

 

A tu per tu con Arlecchino. Intervista a Ferruccio Soleri

Ferruccio Soleri Carlo Fava, Folco Orselli, Claudio Sanfilippo e Massimo Genchi racco...

 

Le relazioni pericolose di Valter Malosti. L'intervista