Krapp's Last Post | Teatro tra le nuvole

Tuesday
Jan 27th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Recensioni 2012 Pater Familias. Il sacrificio di Kronoteatro al 'mostro'

Pater Familias. Il sacrificio di Kronoteatro al 'mostro'

E-mail PDF

Kronoteatro - Pater FamiliasKronoteatro, compagnia ligure nata nel 2004, ha presentato al Festival delle Colline Torinesi “Pater Familias _dentro le mura”, lavoro inserito all’interno del progetto Familia, trilogia teatrale su tematiche generazionali.
Il testo della drammaturga Fiammetta Carena è crudo, parla di un conflitto generazionale che sfocia in violenza, passando attraverso il disagio del rapporto tra una nuova generazione senza valori e quella “passata”, strettamente legata alla cultura del lavoro.

In scena un padre e un figlio, simbolo dello scontro, della mancata comunicazione. Ma anche gli amici del figlio, il branco, per una narrazione duplice.

Padre e figlio senza possibilità di dialogo si ritrovano e scontrano in un mondo onirico e sognante, delimitato da un labirinto in miniatura di legno costruito dal padre, ossessionato dalla manualità e dal bisogno di non avere “le mani in mano”. Sarà questo labirinto a diventare il luogo in cui, seguendo la mitologia, si muove il Minotauro, essere umanoide dominato dall’istinto animale a cui sono offerte in pasto giovani vite.
Ma il labirinto pare essere anche la gabbia nel quale è rinchiuso il branco. Gabbia del sabato sera, gabbia del bisogno di un’irriverenza totale, del disprezzo di tutto ciò che è diverso.

La scenografia, costituita da sei grandi tavoli di legno, diventa con il passare del tempo la gabbia al cui interno si muovono i sei giovani protagonisti. Uno spazio in cui si compiono i loro atti violenti e in cui non c’è possibilità di redenzione né di confronto.
Lui, il figlio, in conflitto con il padre, diventerà zimbello dei suoi amici, che gli chiederanno una prova del suo essere "come loro".

Ad accompagnare il testo una musica elettronica che sottolinea la necessità del branco di stordirsi, di giocare duro con la vita: razzismo, strupro, fino al sacrificio finale del padre come offerta al nuovo Minotauro. Il branco è diventato bestia che si ciba di carne umana.

La scelta di Kronoteatro è diretta ad una trasposizione “fisica” del testo. La compagnia è giovane e gli attori ancor di più, e sicuramente confrontarsi con un testo del genere non è facile.
I ragazzi in scena, rasati e vestiti di nero, si muovono e danzano per lasciar emergere dal gesto quella violenza che forse, a parole, non saprebbero rappresentare. Ma anche per la figura del padre, il povero “stronzo”, è data una lettura estetica: dimesso negli abiti e nei modi, cerca di imporsi al figlio senza successo, trovando la forza di affrontarlo solo vestendo i panni del Minotauro nel suo labirinto privato.

Kronoteatro propone un testo violento che forse, in questa ricerca dell’estetica, perde a tratti la sua forza. La musica martellante dovrebbe stordire gli stessi spettatori lasciandoli uscire confusi. Ma non è così. Si esce con la sensazione che lo spettacolo abbia bisogno di un'ulteriore indagine sul piano drammaturgico, funzionale ad un maggior equilbrio delle sue componenti.

PATER FAMILIAS Dentro le Mura
di Fiammetta Carena
regia: Maurizio Sguotti
in scena: Tommaso Bianco, Alberto Costa, Vittorio Gerosa, Alex Nesti, Nicolò Puppo, Maurizio Sguotti
scene e costumi: Francesca Marsella
musiche e luci: Enzo Monteverde
movimenti: Davide Frangioni
produzione: Kronoteatro
durata: 55'
applausi del pubblico: 2' 15''

Visto a Torino, Cavallerizza Reale, il 7 giugno 2012

Hits: 1459

Commenti (0)


Leggi i commenti Nuovo commento

busy
 

Post correlati


Compagnia Atopos al Teatro Ringhiera - 15/25 gennaio
LAST SEEN 2014: vota lo spettacolo dell'anno
 

Il Calendario di KLP

Last Seen

 

Gyula. La piccola grande storia d'amore di Fulvio Pepe

Il violinista è nullafacente da quando hanno chiuso l'orchestra provinciale, e vive con s...

 

La donna che legge. Renato Gabrielli alla ricerca di un'inutile salvezza

Tre individui, insomma, "alla continua ricerca dell'altro per la propria sopravvivenza", c...

 

El Cimmarón di Henze. Il suono si fa dramma

L’angolo di questa rottura è sovrapponibile metaforicamente alla rottura con Darmstadt,...

 

Hospice. Glen Çaçi nella solitudine della fine

Le luci, tagliate e taglienti, chiudono gli spazi allargando le zone di buio. Grandi venti...

 

“Go down, Moses” di Romeo Castellucci: quando l’astratto divaga

Chissà se a Romeo Castellucci, creatore senza maiuscola di questo “Go down, Moses” (a...

 

Tac. Tac. YoungSoon Cho Jaquet prosegue ad esplorare oggetti

Se in "Dry Fish" (2007) era la stessa coreografa a vestirsi di pesci secchi, in "Hic" (201...

Facebook Twitter Google Bookmarks RSS Feed 

Video

 

Luca Radaelli e il suo Invito al teatro popolare di ricerca. Intervista

 

10 anni di Piccola Compagnia della Magnolia. Intervista a Giorgia Cerruti

 

Aurélia Thierrée Chaplin: ogni sera è una scommessa, nonostante questi due cognomi in eredità

 

Marco Baliani: raccontare la Storia per riflettere. Videointervista

 

Ritorno a Pascoli con gli Aquiloni di Paolo Poli. Intervista

I paesaggi del grande artista ligure salgono e scendono mentre davanti, in scena, un grupp...

 

Focus Jelinek. Elena Di Gioia ci racconta la rassegna sulla scrittrice austriaca