Krapp's Last Post | Teatro tra le nuvole

Tuesday
Sep 30th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Editoria Segnalazioni Quando Marina Abramović morirà

Quando Marina Abramović morirà

E-mail PDF
The Abramovic Method: Chair for Man and His SpiritLei (anche se per interposta persona) è protagonista ancora fino al 10 giugno, al Pac di Milano, della performance appositamente creata per il Padiglione d'Arte Contemporanea, dopo i primi quattro giorni iniziali in cui è stata proprio Marina Abramović in persona ad intervenirci catalizzando l'attenzione (ovvio il tutto esaurito), e dopo l'incursione televisiva, a "Quelli che il calcio...", ospite di Victoria Cabello, ad apertura/promozione dell'evento milanese.

The Abramović Method
è infatti la performance - cui si accompagna pure una mostra - che da marzo ha attirato l'attenzione sulla Abramović dopo la grande retrospettiva del 2010 al MoMA di New York.

Icona di tutte le forme di espressività legate al corpo, la Abramović è pioniera della performance dagli anni '70, premiata con il Leone d’Oro alla Biennale del 1997; un’artista che ha spesso superato i propri limiti fisici e psicologici, mettendo in pericolo la sua incolumità, infrangendo schemi e convenzioni, scavando nelle proprie paure e in quelle di chi la osservava, portando l'arte a contatto con l'esperienza fisica ed emotiva, collegandola alla vita stessa.

“Nella mia esperienza, maturata in quarant'anni di carriera, sono arrivata alla conclusione che il pubblico gioca un ruolo molto importante, direi cruciale, nella performance - dichiara Marina Abramović - Senza il pubblico, la performance non ha alcun senso perché, come sosteneva Duchamp, è il pubblico a completare l’opera d’arte. Nel caso della performance, direi che pubblico e performer non sono solo complementari, ma quasi inseparabili”. E proprio in questo senso va anche The Abramović Method.

Facciamo qualche passo indietro.
E' il 1974 quando a Belgrado la Abramović dà fuoco a una monumentale stella a cinque punte, simbolo del regime di Tito, e ci si distende dentro fino a svenire per asfissia.
Nel 1975, a Napoli, uno spettatore le punta al collo una pistola carica: l'artista ha sfidato il pubblico a usare su di lei, risolutamente passiva, uno qualsiasi degli oggetti disposti su un tavolo.
A New York, nel 2002, l'artista vive per dodici giorni in un'abitazione pensile allestita alla Sean Kelly Callery, digiunando. L'unico nutrimento è l'avido sguardo degli astanti che la osservano bere, dormire, lavarsi e urinare.

Tra la schiera di spettatori c'è il critico d'arte James Westcott: è il suo primo incontro con "la nonna della Performance Art", come lei ama definirsi, e l'incipit di "Quando Marina Abramovic morirà", biografia intima di un'artista che da quarantanni gioca con la morte mettendo il proprio corpo al centro di performance divenute leggendarie.
Agli esordi, lanciarsi nell'arte performativa significa per l'artista ribellarsi a un'esistenza "militarizzata", tiranneggiata da una madre che le impone diktat culturali comunisti e non la bacia mai. Cruciale per il decollo dalla sua Belgrado è l'unione artistica e sentimentale con il fotografo tedesco Ulay, con cui avvia una collaborazione tanto ardita quanto fruttuosa. A bordo di un furgone Citroen trasformato in casa mobile, la coppia gira l'Europa esibendosi in pezzi che mettono a nudo una simbiosi culminata nel prolifico "Nightsea Crossing".

Tutto questo è ora raccontato nel volume da Westcott, e pubblicato in Italia da Johan & Levi: una biografia illustrata di 350 pagine in cui scoprire la Marina Abramović non solo artista ma anche donna.

Quando Marina Abramovic morirà
di Westcott James
2011
350 p., ill., brossura
Editore Johan & Levi
prezzo di copertina € 32 con Ibs scontato € 27,20 (Spedizioni gratuite in Italia)
Hits: 1394

Commenti (0)


Leggi i commenti Nuovo commento

busy
 


Incanti - 21a edizione @ Torino, 4-11 ottobre
23° FIT Festival Internazionale del Teatro e della Scena Contemporanea

Last Seen

 

Bent. Quel triangolo rosa per delle vittime quasi dimenticate

“Bent” è una storia sul riscatto della propria identità di fronte alla peggiore disu...

 

Il teatro politico di Milo Rau, occasione di riflessioni interculturali

Se la politica, e quella elvetica non fa eccezione, tende a nascondere le verità scomode ...

 

ABC: la parola si libera dagli stereotipi, e nel gioco trionfa

Ce ne sono tanti, di questi trucchetti verbali, e senz'altro non solo nel mondo del teatro...

 

Zaches: a Short Theatre il fascino dell'idiozia e gli abissi della visione

Il ciclo di opere murarie del pittore spagnolo, “nere” tanto per scelte cromatiche qua...

 

Sette ore di spettacolo 'libero': è il Ballet di Marie-Caroline Hominal

La giornata di cui parla Marie-Caroline sono sette ore ininterrotte di spettacolo in cui s...

 

Marcelo Evelin a La Bâtie. Sei pronto a entrare nel ring per affrontare la paura?

Dentro il ring attendono cinque corpi nudi, completamente ricoperti di nero, così da far ...

Facebook Twitter Google Bookmarks RSS Feed 

Video

 

Michele Losi: future prospettive su Esperidi e Brianza

 

Sharon Fridman: le verità del corpo per riscoprire le nostre radici. Videointervista

Le une e le altre, estranee, hanno condiviso uno spazio, un tempo e un luogo, sia geografi...

 

Pergine Spettacolo Aperto, un quarantenne contemporaneo

 

Emma Dante: il teatro e la morte. Intervista

 

A Torino la Cavallerizza è tornata Reale

Ne abbiamo parlato con Maria Edgarda, portavoce per noi di Cavallerizza 14:45, assemblea ...

 

Di lavoro a teatro. Buon 1° maggio!

"Tu (non) sei il tuo lavoro" di Rossella Pastorino per la regia di Sandro Mabellini, un te...