Krapp's Last Post | Teatro tra le nuvole

Monday
Mar 30th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Archivio video Quotidiana.com: unica certezza il dubbio

Quotidiana.com: unica certezza il dubbio

E-mail PDF

Sembra ma non soffroQuesto è un pezzo che scrivo con amicizia. Lo dico subito. Perché con molti artisti parli, molti artisti ti parlano, ma sottostante giace, macigno, l’equivoco dei ruoli, la sottile accondiscendenza o la paraculaggine del dire/non dire.

Con Paola Vannoni e Roberto Scappin questa cosa non è. E ciò per diversi motivi, il più rilevante dei quali risiede nel fatto che il tema artistico cruciale della loro forma spettacolare, che trova specchio perfino nel nome della compagnia che sempre loro due compongono, è proprio il riverbero della loro dimensione intima, caratteriale, vera.

Le sue (di lui) elucubrazioni dotte, furbette, un po’ compiaciute; il suo (di lei) spezzare le gambine con gli occhi, con la pazienza del silenzio, quello smontarlo che è gioco di apparente distruzione e che, proprio in quanto distruzione, è istruttiva per chi vuole imparare a guardare all’essenza, per dirla con Fabre.

Il gioco è sottile: che si parli dell’ultimo "Grattati e Vinci", dal 20 al 22 ottobre in scena a VIE, o di "Sembra ma non soffro" di due anni fa, ci si trova in entrambi i casi di fronte ad una costruzione drammaturgica che avviene per flusso di coscienza, sui temi essenziali ed esistenziali del nostro vivere. Nulla che sia sempre e solo astratto, né sempre e solo materia. E’ filosofia con puzzo di sudore, alta psicologia con l’alito pesante: lo spettatore non può non trovarsi, ritrovarsi e annegare in quel dialogo di botta, risposta e silenzio della durata di quaranta-cinquanta minuti, in cui la nostra disumanità viene messa a nudo.

L’intervista che proponiamo oggi è stata realizzata molto tempo fa, nell’estate 2010 al Kilowatt festival di Sansepolcro, cui va il merito di aver sostenuto in forma piena questo sodalizio artistico. Più che un’intervista è un piccolo spettacolo privato che Vannoni/Scappin regalano al pubblico di Klp per chiarire fino in fondo come costruiscono gli spettacoli.

Spettacolo privato, dicevamo.
Ho visto "Grattati e Vinci" prima di tutti. L’ho visto in uno scantinato vuoto a Poggio Berni, in una replica due contro due con installazione di lavatrice Ignis anni Settanta impolverata sullo sfondo. Noi due (io e lei) di qua, loro due (lui e lei) di là. Erano i giorni di Santarcangelo, e Paola e Roberto, con schiettezza amicale, ci hanno chiesto se volevamo essere i primi due spettatori della loro nuova creazione, per dir loro cosa ne pensavamo.

Inutile dire che, tanto al di qua quanto al di là di quel palco improvvisato, alla fine, a capirci qualcosa erano state essenzialmente loro, senza tutte le parole di noi maschi pavoni, ma con la capacità di ascoltare, che è il dono più grande che le donne portano al genere umano. Secondo me Adamo non aveva le orecchie.

 

Hits: 1442

Commenti (0)


Leggi i commenti Nuovo commento

busy
 


Lo splendore dei supplizi - Fibre Parallele @ Milano, ATIR Teatro Ringhiera, 26-29 marzo

Last Seen

 

Intellettuali ma non troppo. Conti e Trifirò alle prese con Molière

Sullo sfondo drappi e finti sipari sdruciti per un teatrino triste e impolverato di cui si...

 

La colonia penale di Philip Glass rivive alla Tosse

Ad assistere a questo terrificante rito ci sono diverse figure: tra queste un ufficiale in...

 

12parole 7pentimenti di Rubidori Manshaft: noi, voyeur dell'ascolto

L’interrogativo sul volto dell’uno, l’insofferenza dell’altro, una richiesta di at...

 

La Sagra di Virgilio Sieni, una tiepida primavera

Troppo acerba la compagnia? Troppo stretto il tempo della preparazione per diventare veram...

 

Jessica and me. La biografia di Cristiana Morganti va in scena

Gli aneddoti si susseguono, alternandosi alla voce registrata di un'intervistatrice, parod...

 

Due + due = 5 La danza di Sanpapié nella giostra dei ricordi

Vento, battito: affiora un anelito di relazione. Questa danza morbida, incentrata su bacin...

 

L'Edipo di Muscato: un Allegri col naso rosso

L’Edipo raccontato da Testori è un portatore, a tratti inconsapevole, di valori alte...

 

Una settimana per Jon Fosse: giovani regie per riscoprire l'autore norvegese

In una settimana secca, ecco apparire a Roma un bignami agile agile di Jon Fosse: tre spet...

Facebook Twitter Google Bookmarks RSS Feed 

Video

 

Ero. L'abbraccio intimo di César Brie

Lo abbiamo incontrato a Milano dopo una replica del suo ultimo spettacolo, “Ero”, curi...

 

Tra i desideri spirituali di Milena Costanzo. Videointervista

Negli ultimi due anni, oltre all’attività della compagnia, ha portato avanti un partico...

 

Luoghi Comuni dal mondo. Il teatro internazionale s'incontra a Bergamo

Come nelle edizioni precedenti del festival, presentato ieri in conferenza stampa, ci sar...

 

Luca Radaelli e il suo Invito al teatro popolare di ricerca. Intervista

 

Amanti delle figure. Intervista a Teatrino Giullare

Conosciamo da molto tempo Teatrino Giullare, alias Giulia Dall'Ongaro ed Enrico Deotti, fi...

 

10 anni di Piccola Compagnia della Magnolia. Intervista a Giorgia Cerruti