Registi/e under 30 alla Biennale Teatro: il bando 2020

Antonio Latella (photo: Masiar Pasquali)
Antonio Latella. Foto ©Masiar Pasquali

Nuova edizione, la quarta, per la Biennale College Teatro, una grande opportunità che la Biennale di Venezia dedica a giovani registe e registi under 30 attravero un bando al via oggi e che scadrà domenica 19 gennaio 2020.

Secondo il disegno di Antonio Latella, direttore del Settore Teatro, il percorso di Biennale College Registi si sviluppa nell’arco di un biennio (2020-21), strutturandosi in più fasi di selezione fino alla proclamazione finale di un unico regista vincitore, cui sarà destinato il premio di produzione (fino a un massimo di 110.000 euro). Il regista svilupperà il suo spettacolo con il tutoraggio dello stesso Latella per presentarlo nell’ambito della Biennale Teatro 2021.

Le registe e i registi italiani tra i 18 e i 30 anni che vorranno partecipare al bando dovranno proporre un proprio progetto inedito con un numero di attori variabile da un minimo di due a un massimo di cinque.
Tra i primi progetti ammessi, il direttore Antonio Latella effettuerà una selezione di registi che incontrerà nel mese di marzo 2020 a Venezia; i registi selezionati durante l’incontro verranno convocati poi il mese successivo per presentare una parte del loro progetto (tra 5 e 10 minuti). Da qui risulteranno i nomi di quanti parteciperanno alla fase finale, che avrà luogo nel corso del 48° Festival Internazionale del Teatro (che si terrà dal 29 giugno al 13 luglio 2020). I registi ammessi alla fase finale presenteranno la prima parte del loro lavoro (che avrà una durata da 20 a 30 minuti). Da quest’ultima prova emergerà il vincitore del premio previsto dal bando.

Sarà nel corso del 2021, infine, che il regista vincitore realizzerà il suo spettacolo, definendolo e sviluppandolo in tutti i suoi aspetti sempre con il tutoraggio di Antonio Latella e dei suoi collaboratori; lo spettacolo verrà infine presentato nell’ambito del 49° Festival Internazionale del Teatro.

Leonardo Lidi ha vinto il primo bando, che copriva il biennio 2017-18, presentando “Spettri” di Ibsen all’interno del 46° Festival Internazionale del Teatro; Leonardo Manzan è stato il vincitore del secondo bando, per il biennio 2018-19, e ha realizzato “Cirano deve morire” presentato nella 47^ edizione; Marina Badiluzzi, neo vincitrice del bando 2019-20, metterà in scena “Anastasia”, ispirato a uno dei più famosi e appassionanti scambi di identità del ‘900, debuttando il prossimo luglio nell’ambito della 48^ Biennnale Teatro.

BANDO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *