Un premio postumo alla nostra radicale indipendenza

“Quando noi portavamo i lavori da Franco Quadri e chiedevamo: – come mai con questi lavori noi non vinciamo l’Ubu? Lui diceva: voi siete indipendenti, non vincete. – Allora io spero che questo sia un premio dato anche alla nostra indipendenza radicale, ortodossa, che rifiuta lo Stato come committente “.
Antonio Rezza – Premio Ubu speciale 2013

Guarda anche Pau Mirò, Enrico Ianniello. Quando la traduzione parla napoletano
 


No Comments

  • sergio42 ha detto:

    niente e nessuno riuscirà mai a preVederli…sdoganarli oggi significa ammettere anni di cecità e torpore della mente che solo la loro convinzione e perseveranza è riuscita a superare indenne…altro che premio Ubu…ci vorrebbe una statua in piazza San Pietro…Antonio e Flavia Santi subito!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *