Krapp's Last Post | Teatro tra le nuvole

Saturday
Nov 01st
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Archivio video Spiro Scimone: intervista tra Messina e Dublino. Festa!

Spiro Scimone: intervista tra Messina e Dublino. Festa!

E-mail

La Festa (photo: teatrofrancoparenti.com)Il giorno de “La festa” piove a dirotto. Entro al Teatro Verdi di Corsico, cintura meridionale di Milano, saltando fra le pozzanghere del cortile a pietroline. Il rumore, la situazione, il corridoio, quasi fosse scuola. Nella stanzetta dietro il palco, Spiro Scimone, Francesco Sframeli e Gianluca Casale chiacchierano quasi giocassero a carte. Una bella sensazione di gruppo, di coesione semplice, di condivisione dell’intento artistico.
Ci facciamo strada, attraversata la scena nuda e cruda come lo spettacolo, verso la platea, dove ci accomodiano per l'intervista.

La compagnia ha percorso in questi anni tanta strada, a partire dal 1994, l’anno di "Nunzio", opera prima interpretata da Scimone accanto a Francesco Sframeli, con la regia di Carlo Cecchi. Al testo sarà poi ispirato “Due amici”, il film realizzato nel 2001 che, l'anno successivo, vincerà il Leone d'Oro al Festival del Cinema di Venezia per la migliore opera prima.

I due sono stati interpreti della Trilogia Shakespeariana ("Amleto" nel 1996, "Sogno di una notte di mezza estate" nel '97 e "Misura per misura" nel '98), che Cecchi mise in scena al Garibaldi di Palermo. Due anni dopo, nel '99, arriverà "La festa", per la regia di Gianfelice Imparato. E’ il primo testo di Scimone in lingua italiana; i due precedenti sono infatti in dialetto messinese. Ma anche in questo caso l'italiano è comunque declinato al meridionale, sia nella costruzione della frase, sia nella cadenza impressa ai termini, che ha il sapore di Ciprì e Maresco ma anche di Beckett: dialoghi brevissimi, a volte oltre il limite del sensato, fatti di frequenti ripetizioni e variazioni sul tema.

L’introduzione di un terzo personaggio, rispetto ai lavori a due precedenti là dove però il terzo era invisibile ma incombente, offre a Scimone ulteriori opportunità di raccontare il tragico universo del disagio familiare, con una madre che ha perso qualsiasi femminilità, un marito pusillanime, violento e alcolizzato, e un figlio imbelle, piegato su se stesso dal mal di vivere.
Con questo lavoro, Scimone otterrà l'autorevole riconoscimento della Comédie Française che presenta in cartellone la pièce, tradotta in francese da Valeria Tasca e con la regia di Galin Stoev.
Lo spettacolo, di cui proponiamo qualche sequenza, è un testo deflagrante e tragicomico, esplosivo, fatto di parole e gesti, di silenzi annoiati e attese sporche, farcito di un tenore di vita sottoproletario che non è solo nelle mancate possibilità, ma anche nelle mancate parole, nelle inesistenti dolcezze, in quella violenza che permea tutto.
Sono passati dieci anni e la drammaturgia si conferma attuale: cinquanta minuti, nessun fronzolo, efficacia comunicativa e scenica totale. Un lavoro di eccezionale potenza, che non si dilunga inutilmente e si conficca nella carne, parola dopo parola.

A Corsico, un paese dell'hinterland milanese di emigranti e sottoproletariato, la messa in scena ha un sapore ancora più intenso. Ospite per il secondo anno consecutivo della bella rassegna Incontri, organizzata da COMteatro, realtà particolarmente attiva sia nelle ospitalità/produzioni, sia come scuola di teatro, la compagnia Scimone/Sframeli raccoglie un consenso fragorosissimo.
Quanto può essere aperto e sconfinato il confronto con uno che dal 1995 al 2007 ha vinto due volte l’Ubu (miglior autore e miglior testo - Il cortile), una volta il Leone d’Oro per l’opera prima e una il premio Hystrio alla drammaturgia (2007), è facile intuirlo. La semplicità e la modestia, la disponibilità al confronto e la limpidezza ideale di Spiro Scimone avvincono, testimoniando cosa significa essere davvero un artista.

Hits: 2942

Commenti (0)


Leggi i commenti Nuovo commento

busy
 


Next - Milano, 10-13 novembre
Danae Festival

Last Seen

 

Il giardino: VerandaRabbit tra giallo e psicanalisi

“Il giardino” trae spunto da un’orribile vicenda di cronaca: la storia di una signor...

 

A cena con Copi. E' La Tour de la Défense

C'è chi ha messo la cravatta, chi indossa i tacchi alti e chi probabilmente ha fatto un s...

 

Darling. Uccidere i cari(ni) secondo ricci/forte

Ricci/Forte ci tengono a farci vedere che del galateo, impiegato a più riprese come metaf...

 

Due destini: Marta Cuscunà e la magia delle marionette da polso

La scenografia è tripartita.

 

Tandy. Il miracolo nero di Angélica Liddell

Sul fondale è indicato fin dall'inizio - una scritta luminosa montata su una sorta di tra...

 

Meng Jinghui. Quando i rinoceronti si innamorano a Torino

Meng Jinghui ci fa entrare nella sua vita attraverso una combinazione perfetta di estetica...

Facebook Twitter Google Bookmarks RSS Feed 

Video

 

Simona Bertozzi & Enrico Pitozzi. Videointervista Magnetica sulla 'bella danza'

Sei intensi giorni di lavoro tra pratica e teoria, strettamente connesse e interdipendenti...

 

Creare sogni di libertà. I 50 anni dell'Odin Teatret, dal Salento a Milano

 

Michele Losi: future prospettive su Esperidi e Brianza

 

Sharon Fridman: le verità del corpo per riscoprire le nostre radici. Videointervista

Le une e le altre, estranee, hanno condiviso uno spazio, un tempo e un luogo, sia geografi...

 

Pergine Spettacolo Aperto, un quarantenne contemporaneo

 

Emma Dante: il teatro e la morte. Intervista