Steps. Sosta Palmizi e 320Chili evocano l’italianità a partire dalle scarpe

320Chili
320Chili

320Chili (photo: andrea macchia)

Quante volte, da bambini, ci siamo divertiti a giocare con le scarpe degli adulti, quasi come se mettere piedi o mani in quelle calzature gigantesche ci proiettasse magicamente nel mondo dei grandi? O ci consentisse di ricrearne stranezze e virtù, di svelarne i mondi segreti e alieni…

Sembra essere questo il nucleo generatore di “Steps”, il lavoro che Giorgio Rossi, coreografo, danzatore e co-fondatore di Sosta Palmizi, ha creato insieme e per la compagnia di Nouveau Cirque 320Chili. Partendo da sedici paia di scarpe appese al tendone di un mini-circo, ci mostra numerose e divertenti meraviglie: l’uomo dalle molteplici braccia e dal corpo snodato; un romantico passo a due acrobatico; le comiche rivisitate; il fascino delle sfere trasparenti e rimbalzanti. E, ancora, il divo-clown rock con le ali ai piedi e un Giorgio Rossi nei panni di un’improbabile educanda in abito chiaro e cuore innamorato; una malinconica e curiosa coppia di “straccioni” coperti di scarpe di cinematografica memoria; uno straordinario uomo inscritto nel cerchio, di ascendenza leonardiana, e “disegnato” da Francesco Sgrò. Il tutto incorniciato da  una una buona dose di acrobazie a corpo libero, giocolerie con i birilli e scarpe luminose. Insomma una serie di numeri cha lasciano stupefatti e strappano l’applauso per la loro eccezionalità.

Quello che il circo può ancora insegnare oggi è la sostenibile leggerezza dell’essere, la magia e la necessità del gioco con la sua capacità di creare mondi alternativi, di trovare altre strade, altri spazi. E visto da questa prospettiva “Steps” è godibilissimo. Attraverso l’immagine della scarpa, infatti, Giorgio Rossi si accosta alla memoria collettiva e all’italianità.
Tuttavia, nonostante le ottime prestazioni degli artisti in scena e la fantasia del gioco, lo spettacolo sembra far fatica a trovare un filo che lo tenga insieme, che unisca le varie parti in un insieme organico. Trattandosi di danza e circo, anche il volume della musica avrebbe potuto imporsi maggiormente, contribuendo a rendere più incisivo il ritmo della performance.

STEPS
di e con Francesco Sgrò, Fabio Nicolini, Elena Burani, Giorgio Rossi
produzione: Sosta Palmizi
durata spettacolo: 45′
applausi del pubblico: 1′ 50”

Visto a Castiglioncello (LI), Castello Pasquini, il sabato 30 aprile 2009
Armunia Festival Costa degli Etruschi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *