Sonia Antinori e Davide D’Antonio. Intervista

Davide D'Antonio e Sonia Antinori
Davide D'Antonio e Sonia Antinori

Davide D’Antonio e Sonia Antinori

Dare spazio alle giovani compagnie lombarde professioniste: è questo l’obiettivo del progetto Être-Lombardia, che rivolge particolare attenzione ai nuovi linguaggi del teatro contemporaneo. Il tutto rientra nell’ambito del Piano di Azione 5 “Promuovere l’accesso allo spettacolo e alle arti dal vivo”, come già succede altrove in Italia e in Europa.
Sostenuto dalla Fondazione Cariplo, il progetto intende avviare un sistema di residenze consentendo di “normalizzare” la situazione di molte giovani compagnie, offrendo loro gli strumenti per sviluppare una politica coerente di insediamento sul territorio, per crescere professionalmente sul piano artistico e organizzativo.

Una delle realtà sostenute da Être è Idra–Independent Drama, residenza teatrale multidisciplinare che, nella provincia di Brescia, ha di recente portato in scena in prima nazionale “Fading to black”, drammaturgia di Sonia Antinori e regia di Davide D’Antonio, interpretato dai performers Daniela Visani, Alessandro Quattro, Francesca Mainetti e Alessandro Mor di Teatro Inverso.

Lo spettacolo è composto da tre dramoletti, una forma con cui Thomas Bernhard definiva i suoi piccoli atti unici, brevi farse, sketch. Il primo dramoletto, “Black”, concepito dalla Antinori in collaborazione con il Traverse Theatre di Edimburgo e mai andato in scena, è incentrato sulla figura di un autore/performer che esplora i limiti della sua vocazione teatrale fino all’autodistruzione.
A questo lavoro la scrittrice, che ha vinto negli anni il Premio Tondelli (1993), il Riccione (1995), il Premio Mravac per il miglior spettacolo straniero per “Berlinbabylon” (1997) e il Candoni, ha ora aggiunto altri due atti, “Fading” e “To”, per arrivare a questo trittico sul tema dell’identità culturale del nostro paese: per raccontare in chiave satirica la nostra realtà artistica e produttiva.


La direzione è affidata a Davide D’Antonio, regista e interprete, che ha all’attivo anche il master triennale di pedagogia teatrale “La scuola dopo il teatro” (Berlino); mentre dal 1998 è direttore artistico del Teatro Inverso e dal 2008 direttore di Idra.

Abbiamo incontrato Sonia Antinori e Davide D’Antonio a Brescia, in occasione della prima dello spettacolo. Due personalità eclettiche, che si sono confrontate nella loro carriera con il teatro europeo avendo vissuto per diversi anni all’estero.
Ci raccontano il testo, lo spettacolo, le esperienze e come si vive la scena italiana dal di dentro e dal di fuori, come a loro è capitato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *