Il teatro ragazzi riparte, da Vimercate alla Romagna e non solo

La famiglia Mirabella arriverà a Vimercate il 12 luglio
La famiglia Mirabella arriverà a Vimercate il 12 luglio

Anche il teatro ragazzi prova a ripartire dopo la terribile stasi forzata dovuta all’emergenza sanitaria, che ha visto lo stop di tutte le sue attività, sia a scuola che a teatro, con la conseguente cancellazione di tutte le rassegne e i festival che da sempre popolano capillarmente il nostro Paese, facendone il nucleo portante della sua economia.

Sarà il Vimercate Ragazzi Festival ad aprire ufficialmente le danze da venerdì 10 a domenica 12 luglio. La manifestazione, che si tiene nel piccolo paesino alle porte di Milano, sarà l’occasione per tornare a riunire operatori, ragazzi e i normali spettatori intorno a nuovi spettacoli teatrali creati per il pubblico dei giovanissimi.
Pur seguendo tutte le vigenti norme sanitarie, il teatro per ragazzi tornerà dunque ad essere agito dal vivo. Organizzato per il quarto anno da Campsirago Residenza, delleAli Teatro e Teatro Invito, la storica iniziativa, inventata e portata avanti per più di due decenni dalla Cooperativa Tangram, consterà di 12 spettacoli, tutti proposti all’aperto, che insieme ad incontri ed eventi animeranno come al solito le piazze e le vie della città. Insomma, una grande festa per la città di Vimercate, che colora di teatro anche i parchi, i cortili e le splendide ville storiche della città.

Anche quest’anno la scelta degli spettacoli è stata operata dai direttori artistici delle tre compagnie che promuovono il festival: Giada Balestrini di delleAli Teatro, Michele Losi di Campsirago Residenza e Giusi Vassena di Teatro Invito che, tramite un bando di selezione, hanno valutato un centinaio di spettacoli da tutta Italia e non solo.
I dodici spettacoli scelti toccheranno tutti i diversissimi modi con cui si muove il teatro ragazzi, dal teatro d’attore alla narrazione, dalla clownerie al teatro di figura, divisi per fasce d’età a cui si rivolgono: dalla primissima infanzia fino all’adolescenza e opere tout public. 21 repliche in tutto, con alcune prime assolute, passeggiate spettacolari legate alla natura, performance in bicicletta e nuove creazioni per piccolissimi.
Inoltre sabato 11 luglio alle 12.30 si terrà l’incontro NewsRound, nuove idee in circolo: prendendo spunto da buone pratiche europee il festival propone un momento di riflessione dedicato ad artisti, compagnie, direttori, organizzatori, insegnanti, educatori e critici. Rivolgendosi a tutti coloro che lavorano nel mondo del teatro, dell’arte e dell’educazione per le nuove generazioni, NewsRound offrirà l’occasione di presentare ai colleghi un proprio progetto in fieri: artistico, produttivo, distributivo, organizzativo, con il pubblico, con il territorio, con le pubbliche amministrazioni.
Ogni partecipante avrà cinque minuti di tempo per raccontare il proprio progetto e avrà la possibilità di distribuire una dispensa descrittiva.

Subito dopo, dal 12 al 18 luglio, partirà la trentunesima edizione dello storico festival I Teatri del Mondo a Porto Sant’Elpidio, diretto da quattro anni da Oberdan Cesanelli.
Qui 23 spettacoli animeranno il paesino marchigiano affacciato sul mare. Insieme agli spettacoli, laboratori, incontri e una giuria di bambini che decreteranno le performance più belle, secondo il loro giudizio.
All’interno del festival anche il Premio Città dei Bambini, con nove spettacoli che saranno valutati da una giuria di qualità.

Prima di tutti si è già mosso (17 giugno – 26 settembre) Marameo, l’originale festival interregionale e internazionale del teatro per ragazzi, caparbiamente ideato e coordinato da Marco Renzi (direttore artistico per 27 anni – dal 1990 al 2016 – de I Teatri del Mondo) che tocca ben cinque regioni.
Si tratta del più grande e diffuso festival italiano del teatro per l’infanzia e la gioventù, che abbraccia cinque regioni di cui quattro promotrici (Abruzzo, Lazio, Marche e Puglia) ed una ospitante (Basilicata), per 18 comuni coinvolti, oltre ad un Paese del continente africano (Kenya), luogo dov’era previsto un evento che, causa Covid, è stato posticipato al 2021.

Il Marameo Festival è ripartito con distanziamento e all'aperto

Il Marameo Festival è ripartito con distanziamento e all’aperto

Dal 6 all’8 settembre si terrà poi, nel caratteristico paesino marchigiano di Montegranaro, lo storico Premio Otello Sarzi, voluto e inventato sempre da Marco Renzi, con 12 spettacoli che verranno visti e premiati da un’apposita giuria di qualità.

Un altro festival importante che, seppur in forma ridotta verrà programmato, è Colpi di Scena, organizzato da Accademia Perduta, che è stato programmato dal 22 al 24 settembre in vari luoghi della Romagna.

Avremo poi ancora, in settembre a Bologna, la finale del Premio Scenario Infanzia. Non essendovi potuta essere la tappa della semifinale, tutti i quattordici progetti scelti verranno presentati dal 3 al 6 settembre alla Manifattura delle Arti, all’interno di un vero e proprio festival introdotto da Marco Baliani con il suo must “Frollo”.

L’Italia è poi già inondata dalle baracche dei burattinai che hanno invaso tutto il Paese. Segnaliamo qui solo la meritevole iniziativa di “Burattiniinrete ER“: oltre 60 spettacoli in tutta la Regione Emilia-Romagna, un progetto di connessione culturale attuato da Associazione 5T (Reggio Emilia), I Burattini della Commedia (Modena) e Teatro del Drago (Ravenna) attraverso le rispettive rassegne “Baracca e Burattini”, che coinvolge 12 comuni della provincia di Reggio Emilia, “Burattini d’Estate” realizzata in sette comuni della provincia di Modena e “Burattini e Figure” che tocca nove comuni tra la provincia di Ravenna e Forlì-Cesena.

Il teatro ragazzi prova dunque a ripartire, ed insieme alle iniziative di cui vi abbiamo parlato, tantissime compagnie e teatri si sono già organizzati (o si stanno organizzando) per far tornare i bambini e i ragazzi a teatro, vero e proprio nutrimento dell’anima e della mente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *