Playtime: stagione 2011 2012 – Teatro Villa dei Leoni

In dieci appuntamenti, programmati dal 12 novembre 2011 al 14 aprile 2012, gli artisti di PLAYTIME saranno chiamati ad interpretare un teatro inteso come nuova agorà che accoglie tutti i punti di vista, le diversità, le porzioni di mondo e diventa sintesi del vivere contemporaneo.
Con tre prime regionali e un debutto in prima nazionale, sul palcoscenico di Mira si alterneranno i mentori del contemporaneo – da Natalino Balasso (che inaugura la stagione) a Ascanio Celestini, da César Brie a Mario Perrotta a La Piccionaia – I Carrara e la sua giovane declinazione La Piccionaia – Tradimenti; ma anche le nuove promesse della scena attuale: come Cristiana Minasi e Giuseppe Carullo, vincitori del Premio Scenario Ustica 2011; Odemà, segnalazione speciale Premio Scenario 2009 e Premio dello Spettatore 2010; Carrozzeria Orfeo (Premio Tuttoteatro.com “Dante Cappelletti” nel 2009); e infine Punta Corsara, compagnia di Scampia Premio Ubu e Premio Hystrio nel 2010, nata su impulso di Marco Martinelli e del Teatro delle Albe.

VILLA DEI LEONI:
È L’ORA DEL TEATRO CON “PLAYTIME”

PLAYTIME, la stagione 2011-2012 del Teatro Villa dei Leoni è promossa da La Piccionaia – I Carrara Teatro Stabile d’Innovazione e dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Mira, in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura della Provincia di Venezia, Circuito Teatrale Regionale Arteven, Regione del Veneto, Ministero dei Beni e Attività Culturali, con il contributo di Banca del Veneziano.

IL PROGRAMMA
Sabato 12 novembre Natalino Balasso in prima regionale inaugura PLAYTIME 2011-2012 con “L’IDIOTA DI GALILEA”: uno spettacolo che narra le avventure di Gesù e degli apostoli, ma non attraverso le scritture o i libri; i fatti della buona novella sono raccontati da un idiota: cosa poteva infatti capire di quel messaggio chi aveva occhi per vedere, orecchie per intendere, ma non aveva ricevuto dal cielo un cervello per mettere insieme le cose?
Sabato 26 novembre protagonista sul palcoscenico di Mira sarà Ascanio Celestini con “PRO PATRIA – Senza prigioni, senza processi”: una riflessione sulla storia del nostro paese rievocando quella scintilla intellettuale e politica che ha dato origine “a un’esperienza lunga e dolorosa, un percorso che ha coinvolto uomini e donne uniti da un grande ideale: fare l’Italia”.
Venerdì 2 dicembre è la volta dei giovani attori della compagnia di Scampia Punta Corsara, che presentano in prima regionale “IL SIGNOR DI POURCEAUGNAC” diretti da Emanuele Valenti. Il testo di Molière, in questo adattamento, è trasportato a Napoli: Pourceaugnac diventa così l’erede di Pulcinella, di cui assume tutta l’umanità, la comicità e la poesia, e diventa il capro espiatorio di una società vorace e falsa.
Ancora una prima regionale, sabato 21 gennaio: la giovane compagnia Carrozzeria Orfeo presenta infatti “IDOLI”, uno spettacolo che esplora i nuovi vizi capitali della società, le sue deformazioni individuali e collettive, le tendenze incontrollabili, spesso disastrose, che dietro l’apparente normalità degli uomini e del loro vivere quotidiano celano lo scenario inquietante di una società alla deriva. Una coppia, una famiglia, un nipote e un nonno sono i protagonisti di questa “commedia nera” nella quale nessuno è salvo.
La stagione prosegue sabato 28 gennaio con la prima nazionale de “LA RAGAZZA OLANDESE”, firmato da Carlo Presotto per La Piccionaia – I Carrara: in occasione della giornata della memoria, sul palco rivive la storia di Etty Hillesum, che, prima del suo internamento e dellala morte ad Auschwitz-Birkenau, scrisse undici quaderni tra il 1941 e il 1943. Etty, prima di essere deportata, avrebbe avuto più di una possibilità di nascondersi e fuggire. Scelse invece di seguire volontariamente ed assistere gli ebrei nel campo di Westerborkt, convinta che l’unico modo per render giustizia alla vita fosse quello di non abbandonare chi era in pericolo.
Sabato 11 febbraio Odemà presenta “A TUA IMMAGINE”. In scena dei personaggi altolocati: il primo è venuto per chieder conto al padre di quali siano i doveri e i privilegi che comporta questo essere figlio suo. Il secondo, il padre, sembra tergiversare dinanzi a queste richieste. Infine il terzo è venuto perché anch’egli può trarre degli interessi da questa unione. Ed è proprio il terzo personaggio, un diavolo un po’ triste e un po’ ironico, a introdurre il suo quadro famigliare: Lui, Dio e suo figlio Gesù.
Protagonista a Mira sabato 25 febbraio sarà invece Mario Perrotta, con il suo “I CAVALIERI – ARISTOFANE CABARET”: “Questo non è Aristofane, questo è Aristofane rovistato e scorretto – scrive l’autore -. Questa è una scorrettezza continua, è una fotografia scattata a sorpresa, senza preavviso, a futticumpagnu. È un Aristofane preso a prestito, quando serve, altrimenti… bastiamo noi”.
Sabato 10 marzo è la volta di César Brie e dei suoi “120 CHILI DI JAZZ”: uno spettacolo tra musica, amori, cibo che narra le vicende di Ciccio Méndez.  Méndez non sa suonare il contrabbasso, ma con la sua voce da uomo delle caverne imita alla perfezione il suono delle corde. Una sera dovrà riuscire a sostituire il vero contrabbassista del gruppo e a nascondere a tutti la propria incapacità di suonare lo strumento.
Venerdì 23 marzo Giuseppe Carullo e Cristiana Minasi propongono “DUE PASSI SONO”, lo spettacolo vincitore del Premio Scenario Ustica 2011: due piccoli giganti combattono una dolce e buffa battaglia per imparare a non fuggire dalla vita, usando le armi della poesia e dell’autoironia. Ma la struggente consapevolezza del limite, anziché spegnere desideri e speranze, diventa per loro il grimaldello con cui forzare la porta del futuro.
PLAYTIME 2011-2012 chiude sabato 14 aprile con La Piccionaia – Tradimenti, che presenta “L’AVARO IN BLUES”: lo spettacolo, ispirato al capolavoro di Molière, mette in scena un accoppiamento inusuale e allo stesso tempo fedele ad una tradizione storica del teatro popolare: quello tra il teatro e la musica dal vivo; perché in scena tutti, per necessità o per comodità, ballano la musica suonata dal vecchio avaro.

www.teatrovilladeileoni.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *