Krapp's Last Post | Teatro tra le nuvole

Saturday
Dec 20th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Recensioni 2009 Vite sfuocate a raggi infrarossi. Il nuovo lavoro di Iraa Theatre

Vite sfuocate a raggi infrarossi. Il nuovo lavoro di Iraa Theatre

E-mail PDF

Roberta BosettiCompongo il numero di telefono indicatomi. Ho poco credito nel cellulare: altra ansia che si aggiunge all'ansia già presente. Cerco di dissimulare come posso. La voce di Roberta Bosetti, calda e dai toni confidenziali, intima nelle sue sfumature sospese tra il sonno e la veglia, mi invita ad attendere, qualcuno verrà a prendermi.
E' Renato Cuocolo a raggiungermi e condurmi verso l'appartamento in cui trascorrerò i miei prossimi venti minuti onirici. In ascensore mi spiega che dovrò utilizzare un binocolo; non sarà affatto complicato, mi rassicura. E appena varcata la soglia d'ingresso della casa, avvolta dalla più completa oscurità, mi accorgo che quel binocolo a raggi infrarossi sarà l'unico strumento che determinerà il confine fra protagonista del sogno e spettatore, nonchè unica possibilità di orientarsi fra le tenebre.
Procedo insicuro, come sospeso nel vuoto; la vista è a tratti sfocata (come la vita, mi aveva anticipato in ascensore il mio traghettatore - come il sogno, aggiungerei io). Una voce mi chiama, cerco di avvicinarmi a lei, con qualche difficoltà. Una Roberta Bosetti sepolcrale, dalle bianche pupille, mi conduce nel suo sogno privato, fra le mura della sua casa privata.

"The persistence of dreams: love me tender" è il primo atto di un lavoro sull'onirico che intende indagare ciò che il sogno imprime nella memoria di un essere umano. Il progetto proseguirà con un secondo episodio, nel prossimo autunno, dal titolo "Hard Candy", dove sarà il privato dello spettatore ad essere "abitato" dalla finzione, quanto mai veritiera, della coppia Iraa Theatre.
Come in quasi tutte le performance di questo tipo, anche "The persistence of dreams" ha il sapore dell'esperienza particolare e privilegiata. All'inquietudine iniziale segue l'immaginario narrativo, ma sono elementi giustamente marginali rispetto alla suggestione straniata e partecipe di quel momento di vita. La paura del buio lascia il posto ad un'infinita dolcezza, che ti prende per mano e ti conduce al termine dell'esperienza, fuori da quella casa in cui vorresti, almeno per un attimo, poter ritornare. "Grazie", dico io. "A te", risponde lei.


The persistence of dreams: love me tender
di Renato Cuocolo
regia: Renato Cuocolo e Roberta Bosetti
con: Roberta Bosetti
produzione: Cuocolo/Bosetti Iraa Theatre, Festival delle Colline Torinesi
durata: 20'

Visto a Torino, casa privata via Teofilo Rossi, l'8 giugno 2009
Festival delle Colline Torinesi - prima assoluta - in scena fino al 26 giugno

Hits: 2005

Commenti (1)


Leggi i commenti Nuovo commento

busy
 

Post correlati


Il Calendario di KLP

Last Seen

 

Michele Sinisi e quell'urgenza di Riccardo III

Un tavolo di metallo freddo, da obitorio, uno spruzzino per lavare via il sangue, l’asta...

 

Corrado Accordino: La danza immobile allo specchio

“La danza immobile” (1983) è il titolo di un libro dello scrittore peruviano Manuel S...

 

Le Banane di Teatrodilina: un quasi road movie che conquista

La storia è presto detta: due giovani fuorisede ospitano a Roma una giovane, di origine l...

 

L'Ubu Roi di Cheek by Jowl, provocatorio e divertente

E infatti l'Ubu Roi cui assistiamo per opera della Cheek by Jowl è una minuziosa rapprese...

 

Amleto? Macelleria Ettore e il rapporto di coppia

Buio, urla. Spettri, silenzi: i mostri sono nell’anima. Gioco teatrale e metateatrale.

 

Gospodin. La ribellione al consumismo di Barberio Corsetti

Il testo intelligente del giovane autore tedesco Philipp Löhle, che a Berlino collabora c...

Facebook Twitter Google Bookmarks RSS Feed 

Video

 

10 anni di Piccola Compagnia della Magnolia. Intervista a Giorgia Cerruti

 

Ritorno a Pascoli con gli Aquiloni di Paolo Poli. Intervista

I paesaggi del grande artista ligure salgono e scendono mentre davanti, in scena, un grupp...

 

Focus Jelinek. Elena Di Gioia ci racconta la rassegna sulla scrittrice austriaca

 

Francesco Colella: di conformismo teatrale (e non solo). Intervista

Da quel libro la compagnia ha tratto un lavoro che, grazie anche alla vittoria del premio ...

 

Simona Bertozzi & Enrico Pitozzi. Videointervista Magnetica sulla 'bella danza'

Sei intensi giorni di lavoro tra pratica e teoria, strettamente connesse e interdipendenti...

 

Creare sogni di libertà. I 50 anni dell'Odin Teatret, dal Salento a Milano