Krapp's Last Post | Teatro tra le nuvole

Friday
May 22nd
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Recensioni 2009 Vite sfuocate a raggi infrarossi. Il nuovo lavoro di Iraa Theatre

Vite sfuocate a raggi infrarossi. Il nuovo lavoro di Iraa Theatre

E-mail PDF

Roberta BosettiCompongo il numero di telefono indicatomi. Ho poco credito nel cellulare: altra ansia che si aggiunge all'ansia già presente. Cerco di dissimulare come posso. La voce di Roberta Bosetti, calda e dai toni confidenziali, intima nelle sue sfumature sospese tra il sonno e la veglia, mi invita ad attendere, qualcuno verrà a prendermi.
E' Renato Cuocolo a raggiungermi e condurmi verso l'appartamento in cui trascorrerò i miei prossimi venti minuti onirici. In ascensore mi spiega che dovrò utilizzare un binocolo; non sarà affatto complicato, mi rassicura. E appena varcata la soglia d'ingresso della casa, avvolta dalla più completa oscurità, mi accorgo che quel binocolo a raggi infrarossi sarà l'unico strumento che determinerà il confine fra protagonista del sogno e spettatore, nonchè unica possibilità di orientarsi fra le tenebre.
Procedo insicuro, come sospeso nel vuoto; la vista è a tratti sfocata (come la vita, mi aveva anticipato in ascensore il mio traghettatore - come il sogno, aggiungerei io). Una voce mi chiama, cerco di avvicinarmi a lei, con qualche difficoltà. Una Roberta Bosetti sepolcrale, dalle bianche pupille, mi conduce nel suo sogno privato, fra le mura della sua casa privata.

"The persistence of dreams: love me tender" è il primo atto di un lavoro sull'onirico che intende indagare ciò che il sogno imprime nella memoria di un essere umano. Il progetto proseguirà con un secondo episodio, nel prossimo autunno, dal titolo "Hard Candy", dove sarà il privato dello spettatore ad essere "abitato" dalla finzione, quanto mai veritiera, della coppia Iraa Theatre.
Come in quasi tutte le performance di questo tipo, anche "The persistence of dreams" ha il sapore dell'esperienza particolare e privilegiata. All'inquietudine iniziale segue l'immaginario narrativo, ma sono elementi giustamente marginali rispetto alla suggestione straniata e partecipe di quel momento di vita. La paura del buio lascia il posto ad un'infinita dolcezza, che ti prende per mano e ti conduce al termine dell'esperienza, fuori da quella casa in cui vorresti, almeno per un attimo, poter ritornare. "Grazie", dico io. "A te", risponde lei.


The persistence of dreams: love me tender
di Renato Cuocolo
regia: Renato Cuocolo e Roberta Bosetti
con: Roberta Bosetti
produzione: Cuocolo/Bosetti Iraa Theatre, Festival delle Colline Torinesi
durata: 20'

Visto a Torino, casa privata via Teofilo Rossi, l'8 giugno 2009
Festival delle Colline Torinesi - prima assoluta - in scena fino al 26 giugno

Hits: 2089

Commenti (1)


Leggi i commenti Nuovo commento

busy
 

Post correlati


Il Giardino delle Esperidi
Progetto Jet Propulsion Theatre
Venerdì 29 maggio - Torino, Teatro Giulia di Barolo

Last Seen

 

La bisbetica domata di Factory. Ma a che prezzo?

Divisa in cinque atti, scritti sia in versi che in prosa, e proposta in rima da Francesco...

 

Der Park. Stein e Shakespeare nel labirinto di Botho Strauss

Lo spettacolo si apre con un enorme sipario sullo sfondo dal quale è uscita Helen, modern...

 

Preghiera: Phoebe Zeitgeist e il morbo come sacra rappresentazione

L’atmosfera è propizia all’inquietudine. L’incertezza è il più massacrante dei co...

 

Nazionalpopolare a chi? Serena Sinigaglia da Gramsci al gossip

Un teatro “Nazionalpopolare” nel senso più comune del termine: è forse questa la fro...

 

N.E.R.D.s Foto di famiglia con fantasmi, rabbie e gelosie

Questo intreccio di legami (s)legati andrà avanti per circa un’ora, in una guerra contr...

 

Pa|Ethos. L'ontologia danzata di Sang Jijia, tra oriente e occidente

Il primo gruppo di danzatori (una decina di elementi vestiti di grigio) riempie la scena e...

 

After the end. La black comedy di Kelly secondo Alraune Teatro

Mark vorrebbe essere desiderato da Louise, così tanto che non avendo sentito il suo desid...

 

Con Zerogrammi cadere dalle nuvole all'ora del the

La meraviglia è visiva, è nei loro corpi, è negli inciampi, è nella danza aerea dei la...

Facebook Twitter Google Bookmarks RSS Feed 

Video

 

Cosa resterà di Čechov: videointervista a Carmen Giordano e Renzo Rubino

Il secondo movimento di questa sorta di polittico informale è andato in scena a Milano ne...

 

IETM 2015. Voci e immagini dal meeting di Bergamo

Più di 600 rappresentanti di strutture teatrali di tutto il mondo hanno così riempito i ...

 

Il Magazzino 18 di Simone Cristicchi: tra i conflitti della storia

Per Cristicchi, una furba operazione politica, una faziosa strumentalizzazione o un capola...

 

Ero. L'abbraccio intimo di César Brie

Lo abbiamo incontrato a Milano dopo una replica del suo ultimo spettacolo, “Ero”, curi...

 

Tra i desideri spirituali di Milena Costanzo. Videointervista

Negli ultimi due anni, oltre all’attività della compagnia, ha portato avanti un partico...

 

Luoghi Comuni dal mondo. Il teatro internazionale s'incontra a Bergamo

Come nelle edizioni precedenti del festival, presentato ieri in conferenza stampa, ci sar...