Privacy Policy

Krapp's Last Post | Teatro tra le nuvole

Tuesday
Jul 07th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Recensioni 2009 Vite sfuocate a raggi infrarossi. Il nuovo lavoro di Iraa Theatre

Vite sfuocate a raggi infrarossi. Il nuovo lavoro di Iraa Theatre

E-mail PDF

Roberta BosettiCompongo il numero di telefono indicatomi. Ho poco credito nel cellulare: altra ansia che si aggiunge all'ansia già presente. Cerco di dissimulare come posso. La voce di Roberta Bosetti, calda e dai toni confidenziali, intima nelle sue sfumature sospese tra il sonno e la veglia, mi invita ad attendere, qualcuno verrà a prendermi.
E' Renato Cuocolo a raggiungermi e condurmi verso l'appartamento in cui trascorrerò i miei prossimi venti minuti onirici. In ascensore mi spiega che dovrò utilizzare un binocolo; non sarà affatto complicato, mi rassicura. E appena varcata la soglia d'ingresso della casa, avvolta dalla più completa oscurità, mi accorgo che quel binocolo a raggi infrarossi sarà l'unico strumento che determinerà il confine fra protagonista del sogno e spettatore, nonchè unica possibilità di orientarsi fra le tenebre.
Procedo insicuro, come sospeso nel vuoto; la vista è a tratti sfocata (come la vita, mi aveva anticipato in ascensore il mio traghettatore - come il sogno, aggiungerei io). Una voce mi chiama, cerco di avvicinarmi a lei, con qualche difficoltà. Una Roberta Bosetti sepolcrale, dalle bianche pupille, mi conduce nel suo sogno privato, fra le mura della sua casa privata.

"The persistence of dreams: love me tender" è il primo atto di un lavoro sull'onirico che intende indagare ciò che il sogno imprime nella memoria di un essere umano. Il progetto proseguirà con un secondo episodio, nel prossimo autunno, dal titolo "Hard Candy", dove sarà il privato dello spettatore ad essere "abitato" dalla finzione, quanto mai veritiera, della coppia Iraa Theatre.
Come in quasi tutte le performance di questo tipo, anche "The persistence of dreams" ha il sapore dell'esperienza particolare e privilegiata. All'inquietudine iniziale segue l'immaginario narrativo, ma sono elementi giustamente marginali rispetto alla suggestione straniata e partecipe di quel momento di vita. La paura del buio lascia il posto ad un'infinita dolcezza, che ti prende per mano e ti conduce al termine dell'esperienza, fuori da quella casa in cui vorresti, almeno per un attimo, poter ritornare. "Grazie", dico io. "A te", risponde lei.


The persistence of dreams: love me tender
di Renato Cuocolo
regia: Renato Cuocolo e Roberta Bosetti
con: Roberta Bosetti
produzione: Cuocolo/Bosetti Iraa Theatre, Festival delle Colline Torinesi
durata: 20'

Visto a Torino, casa privata via Teofilo Rossi, l'8 giugno 2009
Festival delle Colline Torinesi - prima assoluta - in scena fino al 26 giugno

Hits: 2113

Commenti (1)


Leggi i commenti Nuovo commento

busy
 

Post correlati


Danae 2015 Crowdfunding

Il Calendario di KLP

Last Seen

 

La verità vi prego sull’amore. Pommerat secondo Alfonso Postiglione

Dopo il debutto al Napoli Teatro Festival, è arrivato a Inequilibrio “La riunificazione...

 

La famiglia di Punta Corsara tra miracoli e stereotipi

Come in ogni famiglia che si rispetti vi è poi la presenza/assenza della figlia, che sapp...

 

Pugliese interpreta Giuseppe da Copertino… e spicca il volo

Il sempliciotto Giuseppe si innamora della Madonna dalla prima volta che la vede, restando...

 

Morte di Zarathustra. Teatro Akropolis alle origini della tragedia

Tipicamente accompagnato da musica, il ditirambo era recitato, suonato e danzato da un cor...

 

Family. Il corpo familiare tra memoria e scoperta

Dal lato più corto della sala grande la visione offre una panoramica estesa delle due fam...

 

Genesiquattrouno. Bruno e Villano alle prese con la fratellanza

Oltre a segnalare come la coppia dei due attori più giovani sia cresciuta in maniera espo...

 

Fibre Parallele alla ricerca di una effimera Beatitudine

C’è poi Lucia, mamma alle soglie degli ottanta, che cura il figlio Danilo, da una vita ...

 

Solo di me. Alcesti, Medea, Ifigenia dal mito allo stereotipo

Alcesti e Medea vivisezionano Ifigenia passando al vaglio ogni centimetro: “La taglia? I...

Facebook Twitter Google Bookmarks RSS Feed 

Video

 

Cosa resterà di Čechov: videointervista a Carmen Giordano e Renzo Rubino

Il secondo movimento di questa sorta di polittico informale è andato in scena a Milano ne...

 

IETM 2015. Voci e immagini dal meeting di Bergamo

Più di 600 rappresentanti di strutture teatrali di tutto il mondo hanno così riempito i ...

 

Il Magazzino 18 di Simone Cristicchi: tra i conflitti della storia

Per Cristicchi, una furba operazione politica, una faziosa strumentalizzazione o un capola...

 

Ero. L'abbraccio intimo di César Brie

Lo abbiamo incontrato a Milano dopo una replica del suo ultimo spettacolo, “Ero”, curi...

 

Tra i desideri spirituali di Milena Costanzo. Videointervista

Negli ultimi due anni, oltre all’attività della compagnia, ha portato avanti un partico...

 

Luoghi Comuni dal mondo. Il teatro internazionale s'incontra a Bergamo

Come nelle edizioni precedenti del festival, presentato ieri in conferenza stampa, ci sar...