Un fooligan che sparisce nelle tenebre troppo in fretta

the_fooligan

Al Seed è The fooligan (photo: mayfestbristol.co.uk)

Lo scozzese Al Seed porta al Festival delle Cantinelle di Biella la prima italiana del suo nuovo lavoro: The Fooligan, titolo che mette in relazione la figura del Fool (il buffone di corte o giullare medievale) con le connotazioni negative derivanti dal termine ‘hooligan’.
Seed dà così vita ad un cantastorie dalla mole debordante che ai tratti comici non manca di accostare venature di malvagità, ben intuibili dall’eloquente trucco nero sul viso. Il fooligan emerge dalle nebbie per cantare con l’espressività della sua mimica gioie dell’amore e della vita che si riveleranno inesorabilmente disilluse e lo ricondurranno, fra cupe atmosfere e le struggenti note pucciniane di E lucean le stelle, verso le tenebre da cui in precedenza si è affacciato.

Quella vista sabato sera a Biella è una versione ridotta di The fooligan: venti minuti scarsi che, in questo caso, sono forse troppo pochi per offrire una performance convincente e per non lasciare nello spettatore un persistente retrogusto di aspettativa delusa.

THE FOOLIGAN
di e con Al Seed
durata: 18′
applausi del pubblico: 1′ 57”

Visto a Biella, Lanificio Pria, il 17 maggio 2008
Festival Teatro delle Cantinelle

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *