Krapp's Last Post | Teatro tra le nuvole

Saturday
Nov 29th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Recensioni 2008 Un Riccardo III istrionico e grottesco per Oscar De Summa

Un Riccardo III istrionico e grottesco per Oscar De Summa

E-mail PDF

oscar_de_summaIl Riccardo III del talentuoso Oscar De Summa si presenta in scena con cautela, quasi pavido, accuratamente distaccato e sottotono in quello che è solo il primo di una lunga sequenza di “inganni”.
Ritma le battute d'apertura al suono di un bastone, brevi istanti in cui lo sguardo timido sfugge, posandosi da uno spettatore all'altro. Si tratta solo di un momento: perché il re è pazzo, il re è in procinto di sfogare liberamente il proprio delirio. La Nona di Beethoven ci accompagna nella grottesca bestialità del re di York, un'ora di follia e teatro che brucia e diverte.

Un'esibizione istrionica ma costantemente in equilibrio: le molteplici facce, voci e stati d'animo di questo Riccardo III dall'umore altalenante e disturbato, dall'essenza infida, ruffiana, smisurata, sono elementi che esaltano la tecnica dell'interprete e contribuiscono a far decollare il ritmo dello spettacolo. Una cifra, questo schizofrenico connubio d'identità, che incontra un limite forse proprio nella versatilità estrema dei registri, inevitabilmente smorzati nella loro carica emotiva.
Ma è un monologo che non ha nessun legame con gli "oziosi passatempi di questa nostra età" (nella società come in teatro), nonostante venga automatico, leggendo la citazione presente sulla scheda dello spettacolo, associare il gobbo sovrano ad epoche a noi contemporanee: “Il potere logora chi non ce l’ha!”.

RICCARDO III
liberamente tratto da "Riccardo III" di William Shakespeare
di e con Oscar De Summa
produzione: Armunia, Festival di Montalcino
durata: 52’
applausi del pubblico: 1' 42''

Visto a Calamandrana (AT), Festival Teatro & Colline, il 26 luglio 2008

Hits: 2555

Commenti (0)


Leggi i commenti Nuovo commento

busy
 

Post correlati


I due piani - Parma, Lenz Teatro, 5-14 dicembre

Il Calendario di KLP

Last Seen

 

The Animal Machine. Lo spettacolo animalista fra teatro e musica

Incatenato sotto i riflettori insieme alle attrici Serena Bavo e Olga Francone, Davide Cap...

 

L'Ubu di William Kentridge. Un (sublime) viaggio tragicomico nell'apartheid

Pa Ubu (Dawid Minnaar), che come il Padre Ubu di Jarry concentra in sé i più bassi istin...

 

Re-Zeitung: la danza contemporanea fa centro ad Avellino

Uno dei due titoli in cartellone è la "Dolce Vita" di Virgilio Sieni, spettacolo programm...

 

La vocazione di Danio Manfredini: essenza umana d’attore

Manfredini estrapola frammenti eterogenei e li unisce a sue parole, canzoni e spunti autob...

 

Chi ama brucia: l’allegorica inchiesta di Alice Conti sui Cie

Ma lei è un’artista, non una cronista.

 

Cyrano: Jurji Ferrini sul valore della resistenza civile

Questo “Cyrano di Bergerac”, con la regia e la pregevole interpretazione di Ferrini, ...

Facebook Twitter Google Bookmarks RSS Feed 

Video

 

Ritorno a Pascoli con gli Aquiloni di Paolo Poli. Intervista

I paesaggi del grande artista ligure salgono e scendono mentre davanti, in scena, un grupp...

 

Focus Jelinek. Elena Di Gioia ci racconta la rassegna sulla scrittrice austriaca

 

Francesco Colella: di conformismo teatrale (e non solo). Intervista

Da quel libro la compagnia ha tratto un lavoro che, grazie anche alla vittoria del premio ...

 

Simona Bertozzi & Enrico Pitozzi. Videointervista Magnetica sulla 'bella danza'

Sei intensi giorni di lavoro tra pratica e teoria, strettamente connesse e interdipendenti...

 

Creare sogni di libertà. I 50 anni dell'Odin Teatret, dal Salento a Milano

 

Michele Losi: future prospettive su Esperidi e Brianza