Terreni Creativi 2014

Krapp's Last Post | Teatro tra le nuvole

Wednesday
Jul 30th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Recensioni 2008 Un Riccardo III istrionico e grottesco per Oscar De Summa

Un Riccardo III istrionico e grottesco per Oscar De Summa

E-mail PDF

oscar_de_summaIl Riccardo III del talentuoso Oscar De Summa si presenta in scena con cautela, quasi pavido, accuratamente distaccato e sottotono in quello che è solo il primo di una lunga sequenza di “inganni”.
Ritma le battute d'apertura al suono di un bastone, brevi istanti in cui lo sguardo timido sfugge, posandosi da uno spettatore all'altro. Si tratta solo di un momento: perché il re è pazzo, il re è in procinto di sfogare liberamente il proprio delirio. La Nona di Beethoven ci accompagna nella grottesca bestialità del re di York, un'ora di follia e teatro che brucia e diverte.

Un'esibizione istrionica ma costantemente in equilibrio: le molteplici facce, voci e stati d'animo di questo Riccardo III dall'umore altalenante e disturbato, dall'essenza infida, ruffiana, smisurata, sono elementi che esaltano la tecnica dell'interprete e contribuiscono a far decollare il ritmo dello spettacolo. Una cifra, questo schizofrenico connubio d'identità, che incontra un limite forse proprio nella versatilità estrema dei registri, inevitabilmente smorzati nella loro carica emotiva.
Ma è un monologo che non ha nessun legame con gli "oziosi passatempi di questa nostra età" (nella società come in teatro), nonostante venga automatico, leggendo la citazione presente sulla scheda dello spettacolo, associare il gobbo sovrano ad epoche a noi contemporanee: “Il potere logora chi non ce l’ha!”.

RICCARDO III
liberamente tratto da "Riccardo III" di William Shakespeare
di e con Oscar De Summa
produzione: Armunia, Festival di Montalcino
durata: 52’
applausi del pubblico: 1' 42''

Visto a Calamandrana (AT), Festival Teatro & Colline, il 26 luglio 2008

Hits: 2404

Commenti (0)


Leggi i commenti Nuovo commento

busy
 

Post correlati


Last Seen

 

All’ImPulsTanz di Vienna l’unicità del sentire di Platel

Con il sostegno del Museum Quartier – il polmone museale di arte contemporanea della cap...

 

VolterraTeatro 14. Dentro al carcere l'ennesima volta è come la prima

Ma se, come era per me, non si è mai assistito ad uno dei lavori messi in scena dalla Com...

 

L'intenso Caronte di Jan Fabre per parlare di padri

Ma l’obolo è pagato, il nome viene detto, l’identità si trova e si riconosce. Il fum...

 

A Ostia Antica in scena è anche il patrimonio archeologico

Si salgono gli alti gradoni in marmo dell'anfiteatro, ci si accomoda, con la difficile sce...

 

Thomas Monckton e la risata che arriva dal Nord

Il ritmo del lavoro scorre, ed emerge una perfetta conoscenza dei tempi comici della risat...

 

Eve: cabaret negli stereotipi della misoginia

Al centro anche di una campagna di sensibilizzazione ministeriale, il tema della violenza ...

Facebook Twitter Google Bookmarks RSS Feed 

Video

 

Pergine Spettacolo Aperto, un quarantenne contemporaneo

 

Emma Dante: il teatro e la morte. Intervista

 

A Torino la Cavallerizza è tornata Reale

Ne abbiamo parlato con Maria Edgarda, portavoce per noi di Cavallerizza 14:45, assemblea ...

 

Di lavoro a teatro. Buon 1° maggio!

"Tu (non) sei il tuo lavoro" di Rossella Pastorino per la regia di Sandro Mabellini, un te...

 

A tu per tu con Arlecchino. Intervista a Ferruccio Soleri

Ferruccio Soleri Carlo Fava, Folco Orselli, Claudio Sanfilippo e Massimo Genchi racco...

 

Le relazioni pericolose di Valter Malosti. L'intervista