La prossima stagione di Michele Santeramo. Delicata storia di coppia in un futuro prossimo

La prossima stagione
La prossima stagione, con i disegni di Cristina Gardumi
La prossima stagione, con i disegni di Cristina Gardumi

E’ bravo Michele Santeramo. Bravo nel confezionare “La prossima stagione, spettacolo da leggere”, delicato testo tessuto di ironia, dolcezza, tenerezza e amara verità del tempo, pieno di umanità.
Ambientato in un futuro immaginario, affronta le piccole e grandi problematiche che attraversano il rapporto di coppia e le intemperie del domani che ci aspetta. Ed è bravo il drammaturgo pugliese nello stare in scena con maestria, con tempi e ritmi giusti nella lettura dei brevi dialoghi che vedono protagonisti un marito e una moglie nel corso di una vita come tante, narrata attraverso istantanee (strutturate in dialoghi e immagini) scattate ogni dieci anni, dal 2015 fino ad un immaginato 2065, accompagnate dai poetici disegni di Cristina Gardumi a far da sfondo iconografico ed emotivo alla storia di Massimo e Viola.
C’è spazio per pensare, ridere, riflettere e per attraversare con profonda leggerezza svariati argomenti che ci riguardano in prima persona, come il lavoro, la scelta sofferta di fare un figlio, la fatica e la difficoltà di stare al passo coi cambiamenti (esterni e interni) e cercare di non essere travolti dalle evoluzioni che questi provocano. E poi c’è il rapporto coi ricordi e la vecchiaia e tutta una serie di trovate efficaci e divertenti su un ipotetico e surreale futuro, ideate dalla fervida fantasia dell’autore, che non raccontiamo per non svelare troppo ai futuri spettatori.

Il delicato equilibrio drammaturgico da subito si dimostra come uno dei punti di forza de “La prossima stagione” accompagnandoci in tutto l’evolversi del lavoro, di cui si apprezzano molte cose tra le quali, sottolineiamo ancora, la delicata presenza in scena di Santeramo, ottimo nel mantenere vivo il ritmo dei dialoghi evitando di incorrere in scarti, banalità o deviazioni che allontanerebbero l’ascoltatore/spettatore dal cuore di questa piccola storia d’amore e dalla sua fragile struttura di cristallo.

E al termine dello spettacolo c’è spazio anche – in questi tempi di decreti ministeriali e profondi cambiamenti che attraverseranno il “teatro italiano” – per un sentito ringraziamento del protagonista al Teatro Era ed ai suoi componenti, perché qui, dice, da “uomo del sud” si è sentito accolto come in una seconda casa.
In scena fino a domani.


LA PROSSIMA STAGIONE – spettacolo da leggere
di e con Michele Santeramo
immagini Cristina Gardumi
sene allestimento e luci Erica Artei
direzione tecnica Sergio Zagaglia
musiche Sergio Altamura, Giorgio Vendola, Marcello Zinni
produzione Fondazione Pontedera Teatro

durata: 1h 30′
applausi: 2′ 10”

Visto a Pontedera (PI), Teatro Era, il 29 gennaio 2015
Prima nazionale

Tags from the story
0 replies on “La prossima stagione di Michele Santeramo. Delicata storia di coppia in un futuro prossimo”
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *