Rispondi al futuro: Cresco cerca ancora lavoratori dello spettacolo

Cresco
Cresco
Cresco

A tutti i lavoratori dello spettacolo: scade il 30 settembre il termine ultimo per compilare il questionario Rispondi al futuro, indagine statistica volta a disegnare le condizioni contrattuali e lavorative del settore.
Il progetto è promosso da C.Re.S.Co (Coordinamento delle realtà della scena contemporanea) e dalla Fondazione Fitzcarraldo di Torino e in collaborazione con Zeropuntotre, per un totale di 20 strutture (teatri, festival, rassegne, compagnie) e 30 soggetti privati.
L’obiettivo del Coordinamento è mettere assieme operatori e artisti italiani della scena contemporanea affinché lavorino all’unisono per “costruire un progetto e una sensibilità che siano insieme poetici e politici, necessari per continuare a creare bellezza e pensiero, ma anche funzionali alla difesa della dignità lavorativa di chi opera in questo settore, al recupero di un ruolo riconosciuto per gli artisti del contemporaneo nel contesto sociale nazionale, alla crescita complessiva dei linguaggi della ricerca e dell’innovazione”.

L’ambiziosa ricerca servirà ad approfondire le condizioni attuali del settore “spettacolo”, definito atipico per antonomasia e per il quale non esistono studi sistematici che offrano una panoramica completa ed esaustiva.
Nello specifico la ricerca si prefigge di:
1. definire i profili dei lavoratori dello spettacolo, facendone emergere modalità, tempi e condizioni di lavoro;
2. evidenziare le peculiarità lavorative, contributive, previdenziali e assicurative dei diversi addetti dello spettacolo, rimarcando le peculiarità e differenze a seconda dei settori di impiego – cinema, musica, lirica, teatro, teatro di strada, danza, etc. -, ma anche della tipologia di mansioni – tecnici, artistici, amministrativi, organizzativi;
3. evidenziare gli indotti occupazionali dell’intero comparto.

Al momento sono state compilate 400 schede tra operatori e strutture, numero esiguo considerando la miriade di realtà sceniche contemporanee presenti sul nostro territorio.
Riuscire a raggiungere il più alto numero possibile di schede dimostrerebbe l’esistenza di un settore che, nonostante gli oltraggi subiti negli ultimi anni (oltre agli ultimi, attualissimi: con la circolare 105 del 5/08/2011 l’Inps ha infatti detto definitivamente addio al sussidio di disoccupazione per gli artisti dello spettacolo – qui la petizione), dicevamo: un settore che dovrebbe rimane solido e compatto, cosciente e responsabile, capace di affrontare il presente per trovare soluzioni che vanno ben al di là della sopravvivenza quotidiana, guardando il futuro più remoto.
I promotori della ricerca invitano quindi tutti i lavoratori dello spettacolo e le imprese – dalle associazioni culturali ai teatri stabili e di innovazione – a compilare il format che è pubblicato online sul sito www.progettocresco.it/questionario.php
Si ricorda inoltre, che è attivo un indirizzo mail per ulteriori dettagli: questionario@progettocresco.it


Il 29, 30 settembre e il 1° ottobre a Prato si terrà l’assemblea nazionale dove tutti i soci si incontreranno per una tre giorni di dibattiti e piani di lavoro per il 2012; l’ultimo giorno sarà dedicato ad incontrare le compagnie e tutti coloro che sono interessati alle istanze portate dal C.Re.S.Co.

0 replies on “Rispondi al futuro: Cresco cerca ancora lavoratori dello spettacolo”