Darí Darí Dance Company, Centro Daiva Jyoti, DanzAtelierStudio. L’avventura umana di Punti Danza 09

Dreams
Dreams
Dreams (photo: Tuula Lampela)

“Triple Bill 2” ha aperto l’edizione autunnale di Punti Danza 09, promossi a Torino dalla Fondazione Egri con il coinvolgimento delle due realtà teatrali della fondazione: EgriBiancoDanza e DAS, DanzAtelierStudios. La stagione ha preso il via giovedì scorso con una serata che ha visto in scena la compagnia islandese Darí Darí Dance Company, il Centro Daiva Jyoti e DanzAtelierStudio.

Nel foyer del teatro Gobetti di Torino gli allievi del corso avanzato della scuola di danza Susanna Egri accolgono il pubblico per passare poi il testimone alla performance “Marbara”, in cui Guðrún Óskarsdóttir e Katla Thor – danzatrici e coreografe islandesi che insieme a Inga Maren Rúnarsdóttir hanno fondato nel 2007 la Darí Darí Dance Company – danzano il “Fato di Sale”. I sentimenti di Sale, ragazza vittima di un incidente sulla spiaggia, si esprimono con i passi delle danzatrici e il palco diventa spazio per la memoria: “Io sono il motivo per cui il sale è nel mare, io sono il motivo per cui il sale è nelle tue lacrime”.

Dalle tenui e malinconiche tinte di “Marabara”, Erika di Crescenzo con “Per amore e non per devozione” porta in scena una Mary Queen rinchiusa nella torre dal King. Mancamenti ed eccessi hanno il sopravvento sulla dama immersa nei fumi dell’incenso e tra le note di un flauto ammaliatore.
La serata  si conclude con un sogno: “Dreams”, spettacolo ideato dal coreografo finlandese Mykka Ryyty insieme alle danzatrici Eleonora Mercatali ed Elena Rollo. La Compagnia DanzaAtelierStudio dà vita ad una serie di stati onirici e allucinatori che attraversano mondi diversi. Il perturbamento della scena, esatto e ossessivo, porta il pubblico al più profondo coinvolgimento, fino ad una partecipazione incosciente del sogno.


Oltre le note immaginifiche di “Triple Bill 2” l’edizione di Punti Danza vedrà ospite, il 23 e 24 novembre alle Fonderie Limone di Moncalieri, il Balletto Junior di Toscana con lo spettacolo “InDanza: la meglio gioventù” diretto da Cristina Bozzolini e con le coreografie – tra gli altri – di  Mauro Bigonzetti e Eugenio Siciliano.
A conclusione della stagione, una serie di spettacoli di gala in occasione dei festeggiamenti del decennale della compagnia EgriBianchiDanza. Il 9 e 10 dicembre andrà in scena “Spazi urbani”, mentre l’11 e il 12 dicembre la compagnia riproporrà “Feroce Partita”, una delle loro più fortunate produzioni. Problematiche e tematiche dei balletti delle serate di gala ripropongono un anno ricco di ricorrenze, come i sessant’anni dall’inizio della seconda guerra mondiale, i vent’anni dal crollo del muro di Berlino e i quaranta dallo sbarco sulla Luna. La danza diventa così occasione di scambio e confronto con alcuni eventi-simbolo della scena internazionale: un approfondimento sul percorso storico che accompagna l’“avventura umana”.

MARBARA
coreografe e danzatrici: Guðrún Óskarsdóttir e Katla Thor
musiche: Lydía Grétarsdóttir

DREAMS
coreografia: M. Ryytty per DanzAtelierStudios

PER AMORE E NON PER DEVOZIONE
studio coreografico per il teatro di e con Erika Di Crescenzo
musiche originali dal vivo di Simone Arlorio
liberamente ispirato al “Monologo della Queen” di Salvatore Smedile

durata: 70′
applausi del pubblico: 3′

Visti a Torino, Teatro Gobetti, il 12 novembre 2009
Punti Danza 2009

0 replies on “Darí Darí Dance Company, Centro Daiva Jyoti, DanzAtelierStudio. L’avventura umana di Punti Danza 09”