Viva l’Italia

napoli
napoli
Napoli (photo: Klp)
Diario di viaggio dalla prima edizione del Napoli Teatro Festival Italia. Appunti e riflessioni sconclusionate di una torinese a Napoli.

Attraversare Napoli durante la partita dell’Italia è una pacchia. Il traffico sparisce, i marciapiedi sono sgombri e ci si può dedicare con calma a una passeggiata senza essere subissati da spintoni e rischi mortali (e non sto mica scherzando, visto che durante la mia trasferta napoletana sono riuscita ad essere stata ‘investita’ da un motorino sulle strisce pedonali e col traffico fermo!).

Così, anche raggiungere il Teatro San Ferdinando, non proprio al centro delle mete più turistiche, non risulta un’impresa ardua. Il nuovo teatro sorge tra i palazzi della piazzetta dedicata a Eduardo De Filippo, in un quartiere popolare e napoletano doc.


Non c’è la calca, anche se è la prima assoluta di “Chie-chan ed io“, trasposizione teatrale dell’ultimo e omonimo romanzo di Banana Yoshimoto, ad opera di Giorgio Amitrano e con la regia affidata a Carmelo Rifici. Un progetto nato apposta per il Napoli Teatro Festival Italia e ardentemente voluto dal suo direttore, Renato Quaglia.

Ma torniamo al calcio, visto che dello spettacolo parleremo in una recensione: già, è proprio il pallone infatti ad avere il sopravvento tra chi è riunito nella piazza. Seppur pronti ad entrare a teatro anziché in un bar col maxischermo. Spettatori che ingannano l’attesa. E non servono radioline o tv: tutto passa per le urla dei tifosi, che tengono aggiornata Napoli a ogni sospiro di palla. Esultanza, delusione, attesa… c’è tutto in quelle bandiere che tappezzano la città e svolazzano dagli scooter guidati dai ragazzini. Davanti al San Ferdinando ci si divide: c’è chi gioisce o soffre con partecipazione e chi ha stampato in faccia uno sguardo snob indispettito.

Prima d’entrare la partita sarà finita. Gli animi si calmeranno? Ai napoletani l’onore di trasmettere il verdetto. Ma non facciamoci trarre in inganno: i fuochi d’artificio esplosi a raffica in cielo potrebbero anche solo festeggiare un galeotto che, stasera, ha ritrovato la libertà.

Join the Conversation

No comments

Leave a comment
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *