Privacy Policy

Krapp's Last Post | Teatro tra le nuvole

Friday
May 29th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Eventi Endgame Giancarlo Cobelli

Giancarlo Cobelli

E-mail PDF
Giancarlo CobelliGiancarlo Cobelli
(Milano, 12 dicembre 1929 – 16 marzo 2012)

“Non c’è teatro dove non c’è commozione. Io ho impresso nella mente e negli occhi il giorno in cui è finita la guerra, a Milano. Ognuno emanava una specie di fratellanza. Anche se era difficile perdonare o comprendere certi soprusi, certi divari disgustosi. Anche se chi è stato buttato nella melma ha la voglia lecita di alzare le mani verso la strozza di qualcun altro. Poi, però, scatta un segnale di distensione, di perdono. Prevale un senso mistico della verità. Qualcosa di più aleatorio della verità in senso stretto, che sennò comporterebbe sempre e solo crocifissioni. Delle due, l’una: o si mente, o si muore. Ma io ad esempio mento e muoio al medesimo tempo, come tutti i cristiani eretici, un po’ forse come Pasolini, o come Christopher Marlowe”.
(G. Cobelli, 1994)

Giancarlo Cobelli, io me lo ricordo in televisione, vestito di nero come mimo. Me lo ricordo come se fosse ieri questo piccolo ometto che diventerà un autentico maestro del teatro italiano.
Si è spento ieri mattina, a ottantadue anni; era nato a Milano il 12 dicembre del 1929.

Giancarlo Cobelli, io me lo ricordo poi all'inizio del mio percorso di spettatore, per una straordinaria versione della "Figlia di Iorio" perfettamente calata nel mondo ancestrale abruzzese, dove la poesia dannunziana usciva prepotentemente moderna.
Non facile mettere in scena D'Annunzio, ma lui "non si tirava mai indietro" proponendo visionariamente, oltre l'amato Shakespeare, testi assai difficili: "Gli Uccelli", "Aminta", "Le Trachinie", "La Venexiana", "La pazza di Chaillot", "Il dialogo nella palude", "Un patriota per me" (nel '91 Premio Ubu miglior regia), "Re Giovanni" e la meravigliosa "Turandot", anche questa perfettamente nitida nella mia memoria, Premio Ubu nel 1981 per miglior regia, miglior spettacolo, migliore scenografia di Paolo Tommasi e migliore attrice protagonista, Valeria Moriconi.

Nel 2003 curò una messa in scena del Woyzeck per la dodicesima edizione dell'École des Maîtres, avvalendosi per le musiche - con azzardo magnifico - della collaborazione di Giovanna Marini.

E poi, ovviamente, la regia di numerose opere liriche: "Tosca", "Rigoletto", "La dannazione di Faust", "L'angelo di fuoco", "Salomè", "Simon Boccanegra", "Tristano e Isotta", "Ifigenia in Tauride", "Un ballo in maschera" e un "Orfeo e Euridice" di Gluck che fece scandalosamente epoca. E poi due film, "Fermate il mondo... voglio scendere!" (1970) e "Woyzeck" (1973), oltre allo sceneggiato televisivo "Teresa Raquin" (1985), tratto dall'omonimo romanzo di Émile Zola.
Tutte regie permeate dalla forte caratterizzazione di ogni elemento della scena, che doveva colpire al cuore l'emozione dello spettatore.
Addio adorabile mentitore!
 
Hits: 2054

Commenti (1)


Leggi i commenti Nuovo commento

busy
 


Festival delle Colline Torinesi
Progetto Jet Propulsion Theatre
Venerdì 29 maggio - Torino, Teatro Giulia di Barolo

Last Seen

 

Solo di me. Alcesti, Medea, Ifigenia dal mito allo stereotipo

Alcesti e Medea vivisezionano Ifigenia passando al vaglio ogni centimetro: “La taglia? I...

 

Arturo Cirillo tra le coppie borghesi di Edward Albee, fin troppo reali

Gli anni si trascinano tra alcol, liti e routine. Lei e lui: incapaci di vivere, insieme o...

 

Ferdinando Bruni, demiurgo di una Tempesta da riscoprire

Una gabbia da cui pende un uovo fa da bacino per Miranda, mentre Ferdinando prende vita da...

 

La bisbetica domata di Factory. Ma a che prezzo?

Divisa in cinque atti, scritti sia in versi che in prosa, e proposta in rima da Francesco...

 

Der Park. Stein e Shakespeare nel labirinto di Botho Strauss

Lo spettacolo si apre con un enorme sipario sullo sfondo dal quale è uscita Helen, modern...

 

Preghiera: Phoebe Zeitgeist e il morbo come sacra rappresentazione

L’atmosfera è propizia all’inquietudine. L’incertezza è il più massacrante dei co...

 

Nazionalpopolare a chi? Serena Sinigaglia da Gramsci al gossip

Un teatro “Nazionalpopolare” nel senso più comune del termine: è forse questa la fro...

 

N.E.R.D.s Foto di famiglia con fantasmi, rabbie e gelosie

Questo intreccio di legami (s)legati andrà avanti per circa un’ora, in una guerra contr...

Facebook Twitter Google Bookmarks RSS Feed 

Video

 

Cosa resterà di Čechov: videointervista a Carmen Giordano e Renzo Rubino

Il secondo movimento di questa sorta di polittico informale è andato in scena a Milano ne...

 

IETM 2015. Voci e immagini dal meeting di Bergamo

Più di 600 rappresentanti di strutture teatrali di tutto il mondo hanno così riempito i ...

 

Il Magazzino 18 di Simone Cristicchi: tra i conflitti della storia

Per Cristicchi, una furba operazione politica, una faziosa strumentalizzazione o un capola...

 

Ero. L'abbraccio intimo di César Brie

Lo abbiamo incontrato a Milano dopo una replica del suo ultimo spettacolo, “Ero”, curi...

 

Tra i desideri spirituali di Milena Costanzo. Videointervista

Negli ultimi due anni, oltre all’attività della compagnia, ha portato avanti un partico...

 

Luoghi Comuni dal mondo. Il teatro internazionale s'incontra a Bergamo

Come nelle edizioni precedenti del festival, presentato ieri in conferenza stampa, ci sar...