In-Box 2015: ecco i vincitori che gireranno l’Italia

Vincitore di In-Box 2015, in virtù del maggior numero di repliche ottenute (18), è “L’insonne” di Lab121, per la regia di Claudio Autelli, con Alice Conti e Francesco Villano, drammaturgia di Raffaele Rezzonico.
La compagnia milanese sarà ospitata da AMAT, ATCL, Kilowatt Festival, CEDAC, Concentrica, Ente Teatro Cronaca, Fondazione Live-Piemonte Dal Vivo, FTS (2), OperaEstate/B.Motion, Rete Teatrale Aretina, Teatri di Vetro Festival, Teatro Comunale di Casalmaggiore, Teatro del Cerchio, Teatro delle Arti/Teatro Popolare d’Arte, Teatro Portland, Teatro Stabile della Sardegna.

“Le vacanze dei signori Lagonìa” di Teatrodilina, regia di Francesco Lagi, con Francesco Colella e Mariano Pirrello, andrà in scena presso 12 spazi diversi: Teatro Comunale Corsini/Catalyst, Circuito del Teatro Stabile dell’Umbria, Eccentrici Dadarò/Prospettive, Fondazione Live-Piemonte Dal Vivo, Matuta Teatro, Teatro dei Rinnovati, Teatro Bellini, Teatro dell’Argine, Teatro dell’Olivo, Teatro Pim Off e Teatro Studio Krypton.

“Amleto FX” di VicoQuartoMazzini, di e con Gabriele Paolocà, collaborazione alla regia di Michele Altamura e Gemma Carbone, sarà programmato da nove realtà: Arti Vive Habitat, Festival Città delle 100 Scale, Fondazione Sipario Toscana onlus, Kronoteatro, Teatri Associati di Napoli, TeatrInScatola, Teatro Cantiere Florida, Teatro Pubbilco Pugliese.

Infine “Pinocchio” di Zaches Teatro (regia di Luana Gramegna, scene, costumi, maschere e pupazzi di Francesco Givone, con Gianluca Gabriele, Giulia Viana ed Enrica Zampetti) sarà inserito nelle programmazioni di otto spazi: Armunia, CEDAC, La Piccionaia, Minimal Teatro, Murmuris,  OfficinaTeatro e Teatro Lanciavicchio.

Si è così conclusa nella notte del 23 maggio la tre giorni di In-Box Dal Vivo, servita a scegliere i quattro spettacoli che compongono la Selezione In-Box 2015.

Organizzata da Straligut Teatro, capofila della rete, insieme a Fuori Luogo di La Spezia, che ha ospitato l’evento, questa seconda edizione di In-Box Dal Vivo ha registrato un livello dei finalisti che gli organizzatori ritengono molto alto. Per questo motivo la giuria ha assegnato anche due menzioni speciali a “Donna non rieducabile” di Santarita Teatro e “Breve racconto domenicale” di Psicopompo Teatro.

Nella tre giorni, oltre ai sei spettacoli finalisti e agli oltre 70 addetti ai lavori, c’è stato spazio per vedere lo spettacolo vincitore 2014, “L’uomo nel diluvio” di Amendola-Malorni, ma anche per una serie di incontri con le compagnie e una riunione plenaria della rete, durante la quale si sono discusse le linee di sviluppo del progetto 2016.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *