Last Seen 2016: comincia il conto alla rovescia!

Fine d’anno: un 2016 che, dal punto di vista teatrale, ha visto come protagonista assoluto William Shakespeare, ricordato in tutto il mondo a 400 anni dalla morte. Ecco allora che anche Klp ha deciso di salutare il 2016 lasciando ai lettori un “intrattenimento a tema” attraverso il video che troverete a fondo pagina.

Ma prima del nostro saluto video, vi presentiamo – com’è tradizione poco prima dalla mezzanotte – la nona edizione del nostro Last Seen (i vincitori delle passate edizioni li trovate raccolti nel nostro “albo d’oro”).

Ancora una volta la redazione di Klp ha scelto, fra i 160 spettacoli visti quest’anno, 10 nomi di quel teatro meno ‘Stabile’ ma altrettanto vivo e rappresentativo che inseguiamo su e giù per la penisola (e non solo). Trarre poi le somme, in mezzo a così tanti spettacoli, non è mai semplice, anche per l’eterogeneità di vedute e ‘gusti’ di tutti noi della redazione, che siamo parecchi e anche parecchio diversi.


Chi ci segue, inoltre, saprà che le famigerate 5 stelle da queste parti scappano davvero poco; potrà quindi stupire, nella scelta di spettacoli che formano la top ten di quest’edizione, la presenza di lavori che magari non avevano così convinto l’autore della recensione, salvo poi ottenere maggiori consensi da parte di altri.
Ma la lista dei nostri dieci finalisti si forma attraverso diverse opinioni, con scelte a volte più inattese, altre meno, che tuttavia – per motivi anche molto differenti tra loro – soprattutto in quest’edizione evidenziano percorsi autoriali significativi nel tracciare la trama del nostro tessuto drammaturgico.

Quali saranno insomma gli spettacoli che, da stasera, potranno gareggiare attraverso il nostro sondaggio?
Ve li sveliamo subito, in ordine sparso, ricordandovi che avrete la possibilità di partecipare a quello che, fin dalla prima edizione, abbiamo sempre fortemente considerato come un gioco. Potrete allora votare il vostro preferito (quest’anno attraverso l’accesso dai principali social) fino alla mezzanotte di domenica 29 gennaio.

Eccoli:

La vita ferma” – Lucia Calamaro

Metamorfosi” – Roberto Latini

Quando non so cosa fare cosa faccio” – Daria Deflorian / Antonio Tagliarini

Erodìas” – Teatro i

Socrate il sopravvissuto” – Anagoor

Esilio” – Piccola Compagnia Dammacco

La sorella Gesucristo” – Oscar De Summa

Gli orbi” – Abbondanza / Bertoni

Geppetto e Geppetto” – Tindaro Granata

Tutto quello che so del grano” – Teatro delle Ariette

E ora torniamo a Shakespeare, in realtà ben poco citato dagli spettacoli qui sopra, lasciandovi al “Racconto d’inverno” realizzato da Mario Bianchi, ambientato però, come si conviene per il Bardo, nel mezzo dell’estate. Un divertissement tra i luoghi che lo hanno visto nascere, vivere e morire, inframmezzati a citazioni di sue opere. Quante riuscite a riconoscerne? Le risposte sono nei titoli di coda.

Buon 2017!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *